Serie B – Teramo si impone con autorità ad Ortona

Serie B – Teramo si impone con autorità ad Ortona

I biancorossi soffrono un grande Pavicevic nei primi tre quarti, ma nel finale fanno vedere tutta la superiorità. Ortona dice addio alla categoria.

di Marco Di Egidio

Penultima giornata di stagione regolare del campionato di Serie B 2017/18: il Teramo Basket 1960 può ancora centrare l’obiettivo stagionale, cioè quello di prolungare la stagione accedendo ai playoff, ma per farlo dovrà vincere su un campo obiettivamente non impossibile, quello della We’re Basket Ortona, che attualmente occupa l’ultima posizione nel girone C. C’è da dire che la formazione casalinga, in caso di sconfitta odierna, sarebbe matematicamente retrocessa, quindi in ogni caso i ragazzi di coach Di Francesco dovranno tenere alta la tensione per tutti i 40 minuti.

Il quintetto scelto dagli ospiti vede Salamina, Piccinini, Lagioia, Staffieri e Osmatescu; risponde Ortona con D’Eustachio, Martelli, Petrovic, Martino e Malfatti. I padroni di casa partono forte guidati dal capitano, ex giovanili teramane, Alex Martelli, che approccia alla gara con la giusta mentalità del leader. Rispondono prontamente i biancorossi attaccando con energia il canestro e trovando ottimi scarichi per le triple di Staffieri e Lagioia. Il primo quarto scorre sui binari di un sostanziale equilibrio e si conclude con il vantaggio ospite per 23 a 19. È un gioco da tre punti di Pavicevic ad aprire la seconda frazione: i padroni di casa non sembrano sentire la pressione da partita da dentro o fuori e giocano anche una discreta pallacanestro offensiva, mettendo finora in difficoltà Teramo. Coach Di Francesco comanda di abbassare il ritmo e di partire col pick n roll centrale di Musso e Salamina in alternaza, la scelta paga dividendi e Teramo costruisce il primo concreto vantaggio portandosi sul +6. Ortona, però, continua ad appoggiarsi in post da Pavicevic, che garantisce il contenimento dello svantaggio grazie all’alta qualità delle sue giocate spalle a canestro. Nel finale di primo tempo qualche palla persa di troppo di Teramo consente agli avversari di riportarsi sul -2, si va alla pausa lunga sul punteggio di 42-44. Nel terzo quarto di gioco la We’re Basket mette in campo tutto quello che ha per cercare di mantenere accesa la speranza playout: arrivano punti in continuità da giocatori che non si sono esattamente distinti in attacco in stagione, come Crusca o D’Eustachio. Teramo finalmente fa vedere in campo la diversità di classifica tra le due squadre, eseguendo con pazienza in attacco e negando la ricezione in post ai lunghi. I padroni di casa però ad ogni spallata di Teramo rispondono colpo su colpo: due triple di Diego Martino fanno mettere addirittura la testa avanti ai suoi. In chiusura di periodo però è ancora la compagine biancorossa ad essere avanti nel punteggio, due triple consecutive di Simone Salamina fissano la partita a quota 68 a 61. L’ultima frazione di gioco mostra quella che sembra la fine della corsa di Ortona, che prova in tutti i modi ad affidarsi ancora esclusivamente al suo reparto lunghi, ma la benzina per i biancoblu sembra essersi esaurita prima del tempo. L’ottima giornata al tiro da tre di Musso e Lagioia, insieme all’encomiabile lavoro di sacrificio di Nolli nel raddoppiare Pavicevic l’area. Teramo vince con mestiere e gioco di squadra una partita che nelle prime battute di gioco non sembrava dovesse avere uno scarto così ampio nel punteggio.

WE’RE BASKET ORTONA 6986 TERAMO BASKET 1960

Parziali: 19-23 ; 23-21 ; 19-24 ; 8-18

Tabellini
Ortona: Malfatti 2, D’Eustachio 5, Agostinone n.e., D’Arrigo, Petrovic 10, Pavicevic 24, Martelli 8, Martino 13, Jovicevic 2, Crusca 5. All.
Teramo: Milojevic n.e., Di Eusanio, Osmatescu 16, Nolli 12, Salamina 18, Lagioia 17, Errera 2, Musso 10, Staffieri 11, Manente n.e., Piccinini n.e. All. Di Francesco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy