Serie B. UFFICIALE: Montegranaro strappa a Cecina Max Sanna, per San Miniato c’è Di Noia

Serie B. UFFICIALE: Montegranaro strappa a Cecina Max Sanna, per San Miniato c’è Di Noia

Commenta per primo!

Si aggiunge un altro tassello, il sesto, nel roster della Poderosa 2015/2016. La società giallonera annuncia l’ingaggio di Massimiliano Sanna, proveniente dalla Gr Service Cecina. Ruolo ala piccola, 195 centimetri di altezza, è giocatore che fa dell’intensità e della durezza mentale le sue armi principali. Gran rimbalzista nonostante il ruolo, è capace di giocare sia vicino che lontano da canestro, pur prediligendo soluzioni interne all’arco.

Classe 1988, seppur natio di Torino, il neo giallonero ha mosso i primi passi nel settore giovanile di Biella. Passato poi a Casale Monferrato, dove si è diviso tra le prime esperienze in serie A2, le giovanili e la serie C, “Max” è poi sbarcato nelle Marche a Fossombrone, disputando il campionato di Dna. Da lì una stagione a Valenza e poi lo sbarco in Toscana, dove ha trascorso gli ultimi cinque anni dividendosi tra Firenze (tre stagioni in Dna) e, appunto, Cecina (serie B), dove ha militato nelle ultime due stagioni. L’annata scorsa l’ha consacrato come miglior giocatore di una squadra che si è spinta fino alla finale nel girone A, persa contro la corazzata Mens Sana Siena (ma realizzando il canestro a fil di sirena che ha regalato a Cecina la vittoria in gara 3): per lui una stagione chiusa viaggiando a 13,4 punti col 52,8% da 2 e 5,8 rimbalzi in 26,6 minuti di impiego medio a partita.

Se nel basket riesce e molto bene, anche nello studio Sanna va alla grande, visto che si sta avvicinando alla laurea in Economia Aziendale all’Università di Firenze. Queste le prime dichiarazioni di Massimiliano, alla prese in questi giorni proprio con la preparazione degli ultimi esami prima della pausa agostana: “Sono molto contento di essere a Montegranaro, una piazza che non ha bisogno di presentazioni. E poi quando ho sentito i nomi dei giocatori e di coach Steffè, che ho avuto modo di conoscere ai tempi delle Nazionali giovanili, era difficile dire di no alla chiamata della società, che ringrazio e spero di ricambiare sul campo. È una squadra con obiettivi importanti, una sfida allettante anche perché ci confronteremo con un girone tutto nuovo per me. I compagni di squadra li conosco più o meno tutti per averli affrontati spesso in carriera, in particolare Gatti e Di Trani. Sul girone, non riesco ancora ad esprimermi molto, vedo che Falconara si sta attrezzando molto bene ma è presto per sbilanciarsi”.

Nel frattempo, dopo l’arrivo di Giancarlo Pagni a rinforzare il settore lunghi, arriva un rinforzo anche sugli esterni per San Miniato: da Pescia arriva Alessandro Di Noia. Classe 1988, originario di Parma, ha militato nelle ultime due stagioni a Pescia, con ottime medie in fase realizzativa, nonostante il problema fisico che lo ha tenuto fermo nella seconda parte della stagione. Cresciuto nelle giovanili di Parma, dall’under 17 è stato alla Reggiana e si è affacciato al mondo senior nelle società di Parma in serie D e Cavriago per due stagioni in serie B. Dopo l’esperienza di Cavriago ha militato per due stagioni a Piadena in C1, per tornare a Parma in serie D per due stagioni, mentre ultimava gli studi universitari, prima dell’arrivo a Pescia nella stagione 2013-2014, con la vittoria del campionato di C regionale. La società ha visto in lui un rinforzo ideale sugli esterni, non solo per le sue notevoli capacità tecniche, ma per la forte volontà e voglia di emergere in una campionato difficile come quello di serie B.Coach Andrea Ierardi descrive in queste modo le sue qualità: “Alessandro è un giocatore che possiede buone doti atletiche, che gli permettono di coprire i ruoli di 2 e 3, grazie ai suoi 188 cm. Ha nel gioco a tutto campo la sua arma preferita: può partire coast to coast da rimbalzo difensivo, diventando pericolosissimo in transizione. Le doti tecniche gli permettono anche di avere una buona varietà di soluzioni, sia in avvicinamento al ferro, che nel tiro da fuori. In più la sua mobilità e reattività lo rendono un ottimo difensore. È senz’altro perfetto per il gioco che metteremo in campo con Federico, perchè sa passare la palla, comprende il gioco e sa collaborare con i compagni. L’atletismo, in un sistema di gioco come il nostro, potrà esaltarne le qualità e gli permetterà di trovarsi a suo agio in un sistema difensivo dinamico, con continui cambi difensivi.” La prime parole di Alessandro sono piene di entusiasmo: “Sono felicissimo di entrare a far parte della famiglia Etrusca. Ci aspetterà un campionato impegnativo e non vedo l’ora di iniziare: voglio lavorare duro e con estrema umiltà, mettendomi sempre a disposizione della squadra e del coach.”

Un grande in bocca a lupo al nuovo arrivato che va ad aggiungersi ad una rosa che si sta delineando ogni giorno di più, con Parrini, Stefanelli, Bertolini, Capozio e Pagni, più di metà del roster è delineato. Ma presto la dirigenza Etrusca ufficializzerà gli altri colpi dell’estate.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy