Serie B: Un’Aquila Palermo tutto cuore la spunta su un’ottima Scauri

Serie B: Un’Aquila Palermo tutto cuore la spunta su un’ottima Scauri

Commenta per primo!

AQUILA PALERMO 79 (40) : Requena 13, Cozzoli 13, Antonelli 12, Merletto 5, Di Emidio 16, Giardina 1, Azzaro 4, Urbani 1, Ondo Mengue 14, Bruno n.e. Coach: G. Tucci

BASKET SCAURI 73 (44) : Richotti 10, Bagnoli 26, Lombardo 13, Salvadori 9, Giammo’ 7, Pagano 2, manzi 1, Martino 5, Varga n.e. Coach: R. Sabatino

ARBITRI: Antonio Massafra, Francesco Venturini

PARZIALI: 22 – 25, 18 – 19, 20 – 16, 19 – 13

Palermo – Che la gara tra Aquila Palermo e Basket Scauri sarebbre stata la classica sfida per deboli di cuore lo si sapeva, ed infatti non ha tradito il numeroso pubblico presente sulle tribune di PalaMangano. L’Aquila, dopo aver rinunciato a Stella e Rizzitiello e reduce dalla sconfitta di Napoli, era attesa ad un pronto riscatto nonostante tutta la settomana coach Tucci avesse dovuto fare la conta sui disponibili per la gara di oggi, di contro la formazione laziale che, priva di Svoboda, approdato in A/2 a Biella e con un Bagnoli a mezzo servizio aveva fatto capire quali fossero le reali intenzioni, portare via i due punti da Palermo e proseguire la rincirsa ai play off.
Pronti via e trascinati da un Andrea Lombardo ispirato i biancazzurri prendono subito il comando del punteggio fino a raggiungere il più 8. Aquila che, offensivamente si sorreggeva sul solo Federico Requena, ex di turno, che nonostante i problemi alla schiena bucava la retina dai 6.75 mantenendo i biancorossi di casa in partita. Si chiude con un camestro di Salvadori che porta la formazione di coach Sabatino sul 22 – 25.
Secondo quarto con Scauri che vola sul 9 con una tripla di Lombardo, mentre l’Aquila con Cozzoli già gravato di tre falli no riusciva a riavvicinarsi, ma come accade nello sport improvvisamente si accende la lampadina e trascinata da Ondo Mengue, Di Emidio e Merletto piazza in parziale di 13 a 0 che porta i palernitani per la prima volta in vantaggio, ma la lampadina si spegne in men che non si dica, tre palle perse consecutive e Scauri, che con un monumentale Bagnoli, 26 alla fine per lui, chiude il parziale con tre canestri di fila. Si à al riposo con i laziali avanti di 4 punti sul 40 – 44.
Al rientro dall’intervallo lungo l’Aquila trascinata più dal cuore che dal gioco inizia a difendere in modo più aggressivo portando la squadra ospite a forzare più di una conclusione. Si và all’ultimo intervallo sul 60 pari, con il soliuto Bagnoli a giganteggiare in area palermitana.
Ultimo quarto per deboli di cuore con le squadre cariche di falli, in particolar modo la formazione ospite che vanno avanti punto a punto fino a 1. 30 dalla fine, 71 pari e palla in mano a Scauri. Richotti forza il tiro ed il contropiede palermitani successivo rompono l’equilibrio.
Aquila che sfrutta a pieno il bonus raggiunto dagli avversari e chiude la gara sul 79 – 73. Vittoria importantissima per i biancorossi di Tucci che , nonostante tutti i problemi, si mantiene nei primi posti e fa un passo importantissimo verso il raggiungimento dei play off. Scauri ha dimostrato di essere una squadra tosta, mai arrendevole e con un Simone Bagnoli fuori categoria. Oggi ha vinto la gente che ha gremito il palazzetto palermitano, ha vinto il basket.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy