Serie B. Vicenza tiene botta per 25 minuti, poi è solo Apu

Serie B. Vicenza tiene botta per 25 minuti, poi è solo Apu

L’Apu Gsa sfida la Banca Popolare di Vicenza nel match valido per la dodicesima giornata del campionato di serie B, girone B. Udine reduce dalla vittoria a Varese si ritrova tra le mura amiche a difendere il primo posto in classifica, guadagnato nell’ultimo turno anche grazie al passo falso di Orzinuovi. Vicenza, invece, squadra ostica di metà classifica e fisicamente dotata, arriva a Udine con l’intento di giocarsela fino alla fine e magari di fare bottino. I veneti durano 25 minuti perché poi i giocatori di coach Lardo, nei primi due quarti sottotono soprattutto dal punto di vista realizzativo, si risvegliano, migliorando nettamente le percentuali al tiro e indirizzando la gara verso il 69-48 finale.

Quintetto Udine: Castelli, Marchetti, Truccolo, Vanuzzo, Poltroneri.
Quintetto Vicenza: Valesin, Boaro, Nobile, Pasqualin, Campiello A.

Palla due vinta da Vicenza, ma è la Gsa ad aprire le danze: Ferrari in lunetta fa un 1/2. Nobile però replica ed è subito vantaggio biancorosso. L’Apu prova a reagire e a portarsi avanti prima con Poltroneri da tre, innescato da un’ottima circolazione di palla, e poi Vanuzzo con il tap-in del 6-2. A 4’20 lo stesso capitano udinese offre a tutto il palazzetto una lezione di basket, mostrando tutte le propre qualità balistiche; Vicenza invece si affida solo alle mani calde del lungo Nobile (8 su 10 totali per la sua squadra a fine quarto). Il ritmo rimane basso per tutto il primo quarto, le squadre non hanno ancora trovato la chiave della partita e allora coach Lardo si gioca la carta Pinton per dare una svolta e imprimere maggiore velocità all’attacco friulano. Marchetti trova il bersaglio dall’arco, ma Vicenza rimane ancorata ai padroni di casa e alla sirena il punteggio è 17-10.

Coach Magagnoli cambia tattica, cercando soprattutto di sfruttare i centimetri dei suoi lunghi, Nobile e Campiello, nel pitturato ed è proprio quest’ultimo ad andare a segno per due azioni consecutive. Udine risponde, limitandosi a tiri dall’arco mal costruiti (0/3 in due minuti). A 6’22 invece Castelli schiaccia in contropiede su assist di Poltroneri e il PalaBenedetti esplode per il 25-15. Vicenza è comunque solida e sa come far male alla difesa friulana: di nuovo Nobile, dominante nell’area dei tre secondi, mette a referto altri due punti, costringendo la panchina avversaria a chiamare time-out. A 2’42 Valesin trova l’autostrada e senza fatica sigla il -8 (31-23): Udine gestisce il match ma la formazione ospite tiene botta, sfruttando molto la fisicità sotto canestro e dimostrando di potersela giocare fino alla fine. Alla fine del secondo quarto la gara si ferma sul 35-23.

Servono due minuti prima di vedere un canestro: Marchetti ruba palla a metà campo e si lancia verso un semplice lay-up (37-23). L’Apu è più aggressiva, mette pressione al portatore di palla, costringendo gli avversari a prendere decisioni affrettate. Nonostante una difesa impeccabile, Udine questa sera si accontenta di tirare dall’arco, sebbene le percentuali al tiro non siano delle migliori. Intanto Nobile continua a far male alla formazione di Lardo grazie alle sue doti tecniche. All’Apu ci vogliono alcuni minuti prima di trovare la continuità giusta, ma poi Truccolo e Marchetti migliorano decisamente le statistiche di squadra andando a referto dall’arco e incrementando il vantaggio fino al +21 (46-25). Anche le mani di Pinton si scaldano: la Gsa vuole chiudere il match con largo anticipo. Al trentesimo infatti il tabellone dice tutto: 54-33.

Udine comincia a correre in contropiede e a sfruttare tutta la sua dinamicità. Vicenza prova a rimanere in gara con la tripla di Stefanini (59-38) e poi di Valesin. I veneti i giocano il tutto per tutto, sparando le ultime cartucce ma è Udine a determinare il ritmo ed è complicato star dietro ad una squadra che non solo arriva a canestro velocemente, ma che è in grado di rientrare in difesa aggredendo l’avversario fin dall’inizio. A 1’20 il capitano bianconero trova il canestro dai sei metri e settantacinque, mettendo definitivamente fine ai giochi. Al PalaBenedetti l’Apu Gsa Udine si impone per 69-48.

APU GSA UDINE 69 – BANCA POPOLARE DI VICENZA 48

(17-10; 35-23; 54-33)

APU GSA UDINE: Castelli 8, Marchetti 15, Truccolo 9, Nobile 2, Norbedo, Pinton 8, Maran, Ferrari 3, Vanuzzo 9, Poltroneri 15. Coach Lardo.
BANCA POPOLARE DI VICENZA: Benassi 3, Boaro 2, Valesin 7, Stefanini 13, Pasqualin 2, Mezzalira n.e., Sinicato, Nobile 12, Campiello U. 7, Campiello A. 2. Coach Magagnoli.
Arbitri dell’incontro: Battista Vitaliano di Firenze e Venturini Francesco di Capannori (LU).
Tiri liberi: Udine 12/19; Vicenza 6/7. Tiri da due: Udine 12/26; Vicenza 15/46. Tiri da tre: Udine 11/36; Vicenza 4/8. Palle recuperate: Udine 7; Vicenza 4. Palle perse: Udine 15; Vicenza 17. Rimbalzi: Udine 45; Vicenza 29.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy