Serie B – Vigevano, a due facce ritrova il sorriso contro Oleggio

Serie B – Vigevano, a due facce ritrova il sorriso contro Oleggio

La Elachem Vigevano 1955, desiderosa di riscatto dopo l’opaca prestazione in terra toscana, si trovava dinanzi un ostico avversario ovvero Oleggio, una delle squadre più in forma del momento e reduce dal trionfo contro la prima della classe. L’entusiasmo degli ospiti si è subito manifestato con un break iniziale di 3-13 al 4′ e, una Vigevano inerme, è giunta sino al -10 (17-27) al 14′. Al rientro dagli spogliatoi i ducali, dopo un lento testa a testa (50-47 al 29′), sono letteralmente esplosi con contro parziale di 22-2 e hanno così conquistato due preziosi punti col 79-57 finale.

di Andrew Villani

I 5 NUMERI DELLA PARTITA

39,4 – La percentuale dei tiri dentro l’area tentati da Vigevano nel primo tempo. Il problema, data anche la discreta resa in questo fondamentale (7/13), è il rapporto totalmente sbilanciato con quelli dall’arco (3/20) che denota lo stato confusionale, con annessa frenesia, che ha predominato in larga parte delle (non) azioni sviluppate dai ragazzi di coach Piazza. Emblematico, oltre allo sconfortante 0/6 di Minoli, è il lungo elenco di triple spentesi sul primo ferro.

18 – La valutazione di un super Luca Valentini che taglia in due la difesa ducale ed è l’elemento chiave dell’avvio bruciante di Oleggio (2-11 al 3′). Il play classe 97′ produce 11 punti (3/3 da 2, 1/2 da 3 e 2/2 ai liberi) aggiungendovi 5 rimbalzi, 4 assistenze, 3 falli subiti che si fanno perdonare le 4 palle perse. E’ lui a replicare prontamente a ogni timida reazione gialloblu e gli ospiti, proprio su una sua conclusione pesante, raggiungono il +10 (17-27 al 14′). La Mamy, sino a quando riesce a trovare con lui la via del ferro, mantiene l’inerzia della partita.

7 – Le carambole catturate da Patrizio Verri che ricopre molteplici ruoli tra i quali, per svariati minuti del secondo periodo, quello di centro. Quella dell’ala è una prestazione a tutto tondo in cui, sono indubbiamente rilevanti i 17 punti messi a referto, ma ancor di più il glaciale 7/7 dalla lunetta e la capacità di trovare la giocata vincente nel momento di maggior difficoltà. Ossigeno puro per una formazione ridotta nelle rotazioni e priva di una serie di soluzioni.

5 – I minuti di lucida follia nei quali la Elachem produce, dopo un lungo rincorrere, il parziale di 22-2 che capovolge completamente le sorti dell’incontro. I ducali, con la verve improvvisamente ritrovata dall’arco dei sogni, passano dal 50-47 del 29′ al 72-49 del 34′ sospinti dalle giocate di Vecerina (7) e Panzini (7) e il solido contributo di Petrosino e Minoli. La luce si riaccende e la manovra diventa fluida con ben 4 giocatori che chiudono a quota 4 assist distribuiti (Panzini, Minoli, Vecerina e Petrosino).

23 – I punti concessi dalla difesa gialloblu nel secondo tempo. Lasciare una compagine così in fiducia come Oleggio al 26% dal campo (5/18 da 2 e 2/9 da 3) , al ritorno dagli spogliatoi, è la vera chiave del successo della Elachem perchè le vittorie si costruiscono dall’abnegazione nella propria metà campo.

Elachem Vigevano 1955  79 – 57  Mamy.Eu Oleggio (13-21, 31-34, 56-49)

TABELLINO COMPLETO

Elachem Vigevano 1955: Verri 17, Ferri 13, Panzini 12, Minoli 10, Vecerina 12, Petrosino 8, De Gregori 3, Martinoli, Rossi 4. Coach: Piazza
Tiri Liberi: 19/25 – Rimbalzi: 43 (34+9) – Assist: 20

Mamy.Eu Oleggio: Hidalgo 15, Valentini 13, Barcarolo, Parravicini 5, Pilotti 11, Marusic 6, Gallazzi, Bertocchi 1, Ponzoletti 6, Corti, Franchini . Coach: Remonti
Tiri Liberi: 12/22 – Rimbalzi: 38 (34+4) – Assist: 13

VIGEVANO NUMERI DELLA PARTITA OLEGGIO
 17 – Verri PUNTI 15 – Hidalgo
11 – Rossi RIMBALZI 6 – Hidalgo, Gallazzi
4 – 4 giocatori ASSIST 5 – Valentini
 22 – Verri VALUTAZIONE 18 – Valentini
21 – Petrosino PLUS/MINUS -6 – Marusic
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy