Serie B – Virtus Arechi Salerno, buona la prima davanti 450 persone

Serie B – Virtus Arechi Salerno, buona la prima davanti 450 persone

La squadra del presidente Renzullo si aggiudica il derby con la Polisportiva Battipagliese per 71-61.

Commenta per primo!

Buona la prima per la Virtus Arechi Salerno. La squadra del presidente Nello Renzullo bagna l’esordio nel campionato di Serie B Old Wild West con una vittoria meritata (71-61 il punteggio finale) nel derby con la Polisportiva Battipagliese e fa festa con gli oltre 450 spettatori accorsi al PalaSilvestri. La sfida con i cugini, infatti, è andata in scena in una cornice di pubblico fantastica, con gli spalti del palazzetto del rione Matierno gremiti. A seguire il derby c’erano addetti ai lavori, giocatori professionisti, allenatori, dirigenti e giocatori delle squadre salernitane, ma soprattutto tante famiglie.

Alla fine di una gara sostanzialmente equilibrata l’ha spuntata la squadra di casa che, sotto di 6 lunghezze nel terzo quarto, s’è ricompattata ed ha trovato energie fresche da una panchina più profonda. La difesa ha ha permesso al quintetto di coach Paternoster di rimontare e poi di aggiudicarsi in volata (20-11 il parziale dell’ultimo quarto) i 2 punti.

Dopo la palla a due dei signori Bernassola e Cassiano la Virtus Arechi Salerno, che sfoggia le nuove divise blaugrana (con numeri e nomi gialli) viene trascinata sul 5-0 da una tripla e da un canestro da sotto di Leggio. La marcatura dell’ex Bisceglie è un rebus per coach Sanfilippo. Norcino con le sue incursioni suona la carica e Di Capua (chiuderà il match con 25 punti all’attivo) si mette subito in partita. In un amen le due squadre sono di nuovo in parità. Regna l’equilibrio e dopo 10 minuti i padroni di casa sono avanti di due sole lunghezze (14-12).

In avvio di secondo quarto la Polisportiva Battipagliese trova ottime soluzioni da fuori con Filippi che, partito dalla panchina, si mette in evidenza con due triple. Di Capua continua ad alternare conclusioni da fuori e penetrazioni improvvise. La difesa salernitana soffre. Paternoster decide allora di alzare l’intensità e propone la zone-press tutto campo. Scelta azzeccata. I salernitani restano a contatto con le giocate d’energia di Bartolozzi e Babilodze e con i canestri da fuori di Circosta e capitan Cucco. Ma Battipaglia va al riposo in vantaggio (31-33).

Nel terzo periodo di gioco Virtus Arechi Salerno e Polisportiva Battipagliese segnano a raffica. Si vedono belle giocate e il pubblico apprezza. Battipaglia, però, con uno scatenato Di Capua e con i canestri da sotto di Visentin raggiunge il massimo vantaggio sul +6. Coach Paternoster deve chiamare time out. La reazione dei padroni di casa nel momento di maggiore difficoltà è veemente. Petrazzuoli e Circosta segnano canestri pesanti. Ma la scossa vera e propria la suonano Babilodze e Beatrice con una difesa asfissiante. Salerno ricuce lo strappo e dopo 30 minuti è avanti di un solo punto (51-50).

Nell’ultima frazione di gioco le maggiori rotazioni a disposizione di coach Paternoster (Battipaglia ha dovuto fare a meno di Anumba, ancora non tesserato) e la maggiore esperienza degli uomini chiave (Circosta e Paci si “accendono”) nel momento decisivo, permettono ai padroni di casa di firmare il break che si rivelerà decisivo. La Virtus Arechi Salerno vince 71-61 e fa festa con le tante persone accorse al PalaSilvestri. I giocatori danno il “cinque” ai tifosi e firmano autografi ai piccolissimi fan scesi nel frattempo sul parquet. Un modo migliore di bagnare l’esordio non poteva esserci.

«Non ci aspettavamo così tanta gente e ne siamo felicissimi – ha dichiarato a fine gara il coach della Virtus Arechi Salerno, Antonio Paternoster – . Era la prima gara casalinga, la prima gara ufficiale per una squadra nuova di zecca ed è anche naturale che i ragazzi in avvio abbiano accusato un pizzico di tensione di troppo. Nonostante ciò, abbiamo provato a fare le nostre cose, abbiamo sbagliato tiri ben costruiti e questo significa che prima o poi entreranno. Inoltre, siamo stati bravi a non mollare sul +6 per Battipaglia e a tornare subito in partita con una reazione d’orgoglio. Siamo contenti per la vittoria, arrivata davanti a centinaia di persone, che speriamo possano seguirci sempre con affetto. Insieme possiamo cercare di crescere e di fare qualcosa di bello».

«E’ stato un bel derby, andato in scena in una splendida cornice di pubblico – ha affermato il tecnico della Polisportiva Battipagliese, Nino Sanfilippo –. Abbiamo giocato la partita come l’avevamo preparata, ma la loro panchina più profonda e la loro maggiore esperienza hanno giocato un ruolo determinante nei momenti chiave. In più la Virtus ha “under” che sarebbero titolari in tante altre squadre. Beatrice, poi, partendo dalla panchina ha firmato alcune giocate decisive. Con Anumba a disposizione avremmo potuto avere delle rotazioni diverse e saremmo potuti arrivare meno stanchi al finale. Comunque sono contento della prova dei miei».

VIRTUS ARECHI SALERNO VS POLISPORTIVA BATTIPAGLIESE 71-61

PARZIALI: 14-12; 17-21; 20-17; 20-11

Virtus Arechi Salerno: Leggio 15, Circosta 11, Paci 10, Beatrice 10, Babilodze 9, Bartolozzi 8, Petrazzuoli 5, Cucco M. 3, Mennella, Datuowei, Cucco A. ne. All. Paternoster

Pol. Battipagliese: Di Capua 25, Filippi 11, Visentin 10, Cuccarese 7, Norcino 6, Santoro 2, Pagano, Vigilante, Visconti, Federico. All. Sanfilippo

Arbitri: Bernassola e Cassiano

Note: presenti oltre 450 spettatori

 Ufficio Stampa Virtus Arechi Salerno

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy