Serie B. Stella Azzurra ospite di un Teramo che ha voglia di riscatto

Serie B. Stella Azzurra ospite di un Teramo che ha voglia di riscatto

Ritorno al Palascapriano per i biancorossi che vogliono riscattare la brutta prova di Viterbo. Ex della partita l’astro nascente Emanuele Trapani.

Commenta per primo!

Archiviato lo scivolone di Viterbo, La Meta Teramo torna a giocare nel Palascapriano. I biancorossi dovranno vedersela con la Stella Azzurra Roma che in classifica ha gli stessi punti (4) della squadra di Bianchi. Un roster, quello laziale, che annovera nelle proprie fila giocatori esperti, ma La Meta domani, non potrà permettersi passi falsi, anche alla luce del recupero del 24 Novembre prossimo con Catanzaro. Domani, quindi, conta solo vincere per allungare il passo in classifica.

Il coach Piero Bianchi analizza così gli avversari:
Il progetto Stella Azzurra conta su una grande macchina organizzativa e su un eccellente servizio di scouting internazionale, che porta a Roma talenti fisici e tecnici da ogni dove. Questo fa della Stella – prosegue Bianchi – una squadra cosmopolita: in vetrina in serie B quest’anno ci sono i serbi Lazar Nikolic, un due metri di enorme talento che gioca playmaker, e Dorde Pazin, grande tiratore da tre punti. Poi Babacar Seye, 2,07 senegalese, e Kurt Cassar, 2,08 di Malta. Ma gli italiani non sono da meno, in particolare i due esterni Trapani e Provenzani che assicurano pericolosità offensiva nell’1 contro1, tiro da fuori e contropiede. I nostri obiettivi: giocare una difesa efficace, per poi attaccare in sovrannumero e trovare vantaggi nei primi 6″-8″ del possesso. A difesa schierata invece dovremo punire i loro cambi sistematici sui pick and roll e attaccare con intelligenza la zona 2-3 che di tanto in tanto propongono”. Nessun problema di formazione per il coach biancorosso. Tutti i componenti il roster sono abili ed arruolati.

Nelle file della Stella Azzurra da segnalare il ritorno a casa dell’ex Emanuele Trapani, nato a Giulianova ma cresciuto cestisticamente nelle giovanili biancorosse. Il playmaker classe ’99 ha espresso una certa emozione nel tornare al Palascapriano: “E’ stato il mio sogno sin da bambino giocare in quel palasport, andavo sempre a vedere le gare della Serie A e c’erano sempre gli spalti pieni e tanto entusiasmo. Il sogno di giocarci l’ho coronato prima a livello giovanile, perché le partite ufficiali le giocavamo lì, adesso lo coronerò anche a livello senior. Mi aspetta una domenica di grandi emozioni, a Teramo ho trascorso due anni bellissimi, conquistando anche la qualificazione alle Finali Nazionali U14 di Bormio. Di sicuro verranno tanti familiari a vedermi, in particolare nonna Ivana e nonno Franco, oltre ai compagni di squadra con cui giocavo in quegli anni”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy