Torneo “Città di Cervia”, Day 2 – Legnano supera Forlì in Finale, Ferrara la spunta su Faenza

Torneo “Città di Cervia”, Day 2 – Legnano supera Forlì in Finale, Ferrara la spunta su Faenza

Commenta per primo!

LA FINALE

LEGNANO KNIGHTS- UNIEURO PALL. FORLI’ 2.015 89-84

LEGNANO: Navarini 9, Allodi 12, Guidi, Maiocco 5, Frassineti 20, Palermo 4, Martini 2, Rinke, Sacchettini, Pacher 17, Raivio 20.Allenatore: Ferrari

FORLI’: Rotondo 15, Rombaldoni 11, Vico 12, Zoboli, Ferri 11, Iattoni7, Arrigoni 12, Peseranno 6, Pignatti 10, Zoboli, Ravaioli, Biandolino.Allenatore: Garelli

Note: primo tempo 44-40.Parziali: 17-16, 27-24,16-28, 29-16

Arbitri: Terranova, Caruso ,Pierantozzi.

Vince al termine di una gara bellissima Legnano, che si aggiudica il torneo, ma complimenti a Forli che fino alla fine ha rischiato di far suo questa partita.Emozioni, a cascata per il più bel match del torneo, con Matteo Frassineti vero MVP della manifestazione

Gara molto intensa, con un primo quarto che vede in Allodi (7 punti) e Iattoni (4) schierati nello starting five.Legnano è molta intensa, prova a scappare un paio di volte (10-6, 14-10) prima che sull’ asse Ferri- Rotondo (12 totale) i romagnoli limitano i danno anche perché i due Mvp della prima sera (Pignatti e Raivio latitano) e Pacher si intestardisce a tirare dall’ arco non certo la specialità della casa.Secondo quarto scoppiettante, inizia Legnano che prova a fuggire dopo un tecnico alla panchina Forli (23-18 al 12`) con i babies Allodi e Navarini sugli scudi.Romagnoli che reagiscono alla grande, Pignatti e Rotondo (10 in fila) blindano il controbreak (27-31 al 15`) in un match bellissimo.Lombardi che però reagiscono ancora con Navarini e con un Frassineti che da ex ci tiene assai a far bene (40-37 al 19`) tra l altro l unico in doppia cifra dopo un primo tempo di pregevole fattura tecnica ed agonistica, sempre nei limiti della parola stessa.Arrigoni da buon ex si veste da killer ed è lui che porta Forli al controverso di 10-0 nei primi 3 minuti della ripresa (44-50), prima che Raivio sblocca la situazione ma un tecnico alla panchina lombarda esalta Rombaldoni e tutta Forli (46-56 al 24) che va in brodo di giuggiole quando Arrigoni la porta al + 12 (46-58) con i due play di coach Ferrari a quota 4 palette.Forli con Rotondo e Vico è celestiale prima che la tripla di Allodi ricuce lo strappo che aveva i crismi della fuga (51-60 al 26`).Troppi i 20 punti subiti per coach Ferrari, Legnano alza la fisicità dietro e rimane in scia (60-68 al terzo gong).Pecher si deve fare perdonare qualcosa , ne infila 5 in fila per il -3 lombardo (65-68 al 32`), ed è un altra gara. Che è un altra gara lo decide Legnano che sull’ asse Frassineti – Maiocco firma il pari a suono di triple (76 al 35`) nonostante Rombaldoni annusa profumo di A. Raivio e Pignatti colpiscono dal colorato (78-78 al 36`). Gara ricca di emozioni, Forli pasticcia (78 pari al 37`).Il 4 fallo di Pignatti è dura da digerire ,Arrigoni dietro ci mette una pezza, ma nulla può sulla tripla di Palermo (81-78 al 38`). Arrigoni getta sul ferro la tripla del pareggio, Raivio no (84-78 a 83 secondi dal termine).Rombaldoni realizza il -3 a 70 secondi dalla fine (81-84).Frassineti e Rombaldoni sbagliano due bombe importanti, a 31 secondi dalla fine Palermo fa solo 1/2 dalla linea della carità (85-81)Vico trova la bomba del – 1 a 29 secondi dal gong finale (85-84), ,Frassineti non trema dalla lunetta (87-84 a 20 dal termine).Ferri manda sul ferro la tripla del pareggio, Pignatti esce per falli e Legnano chiude vittoriosa con merito questa finale, con Forli che sa che in serie B è solo di passaggio.

FACCIAMO IL PUNTO…

LEGNANO: in assoluto Frassineti leader con attributi non indifferenti, premiamo lui anche se Raivio non è da meno .Dietro Sacchettini, esuberante fin troppo, ma diamogli la possibilità di crescere e sbagliare.

FORLI: Arrigoni e Pignatti alla pari, Garelli ha trovato due combattenti veri.Dietro Pederzini soffre a fare il 4, ma ha talento per essere un’arma tattica non indifferente.

FINALE 3° POSTO

BONDI FERRARA – RAGGISOLARIS FAENZA 74-60

BONDI: Rush 18, Ebeling 4, Lestini 15, Ibarra 2, Bucci 10, Losi 3, Salafia 3, Ferrara, Bianchini, Ghirelli 6, Brkic 13.Allenatore: Morea

RAGGISOLARIS: Dal Fiume 4, Boero 12, Castellari 2, Silimbani 7, Samori 2, Benedetti 4, Casseri 13, Penserini, Pini 11, Zambrini, Sangiorgi 5. Allenatore: Regazzi

Arbitri: Gasparri, Pazzaglia, Dionisi

Note: primo tempo 37-25.Parziali: 26-12, 11-13, 25-22,12-13.

Vince Ferrara il derby con Faenza, in un match che vede i due coach cambiare e ruotare giocatori in campo. La sorpresa sta che la Bondi fa partire nei cinque il giovane Ghirelli, ripagando la fiducia di Mores con due triple.Primo quarto con inizio fulminante degli estensi sull’ asse Lestini-Rush (10 punti iniziali sono tutti loro).Poi gli estensi si fermano, Pini firma il controbreak (16-12 al 7`) ma 3 triple consecutive di Bucci, Ebeling e Ghirelli ridanno ossigeno a Ferrara (26-12 al primo gong) in un quarto in cui i grigi fischiano come vaporiere (e male assai).Secondo quarto discretamente sonnolenti, Faenza ci mette un po’ più di brio, Pini (buon sangue non mente) infila 6 punti in fila che agitano Morea (31-25 al 16`).Ma è solo un brivido, Faenza si spegne ed il 6-0 di parziale negli ultimi 4 di gioco la dice lunga sul Rocky Picture Show in atto al Pala Cervia (37-25 all intervallo, Rush 12, Pini 11 i meno peggio). Terzo round che farebbe felice una nota pubblicità (Porte aperte alla Renault) con le due pseudo difese quanto mai allegre.Casadei vuole scrollarsi il 2/16 della sera precedente ed il -17 di valutazione all’ intervallo così si inventa un quarto da 13 punti.Peccato che Brkic e Lestini con Rush ne firmano 20 in totale e quando anche l ex Virtus infila 2 triple liberatorie , il match è ormai agli sgoccioli (62-47 al 30`).Gara in archivio al 34` (68-47) sulla tripla di Bucci, con Ferrara che prova a sorridere in attesa di tempi migliori e di uno straniero che sia il giusto tassello per Morea.Faenza riparte da Pini e da Casadei, il primo ha talento da vendere il secondo è il marpione che può aiutare Faenza a raggiungere la salvezza.

FACCIAMO IL PUNTO…

FERRARA: nelle due serate imprescendibile Brkic, nei capitano e leader del gruppo, il migliore dei suoi.Dietro ci mettiamo Ibarra, chi l ha visto batti un colpo

FAENZA: Premiamo Pini per la sfacciataggine dimostrata.Se sarà continuo..dietro bocciamo Zambrini come simbolo di un reparto esterni che deve crescere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy