Trofeo Sant’Ambrogio: una bella Napoli non ferma la Viola, i nero-arancio conquistano il torneo

Partita dai due volti dei nero-arancio che vincono il Trofeo Sant’Ambrogio.

Commenta per primo!

La Viola presenta una novità in quintetto: Micevic al posto di Lupusor accanto a Caroti, Legion, Fabi e Radic. Napoli dell’ex Ponticiello risponde con Murolo play, Barsanti guardia, Nikolic e Mastroianni ala con Visnjic centro. La Viola passa in vantaggio con una tripla di Caroti mentre lo show è assicurato da una bella schiacciata di Radic. Napoli non è da meno e brilla in contropiede con uno spettacolare Nikolic. La gara è godibile e spettacolare con diverse segnature pregevoli da un lato e dall’altro. Un dodici a zero di parziale tutto partenopeo fa spiccare il volo al Napoli (14-18) sulla scia delle giocate di Mastroianni e Nikolic. Una tripla del reggino Bruno Rappoccio chiude il primo quarto sul 17 a 25. Nel secondo quarto il vantaggio del Napoli raggiunge la doppia cifra (17-27). Legion segna il suo primo canestro dopo undici minuti di gara. Barrile entra dalla panchina e prova a dare una scossa con una tripla ma Napoli non molla. Visnjic è il migliore dei suoi per grinta e costanza: il gioco partenopeo fatto di verticalità ed efficacia, un impatto super al rimbalzo, unito a tanta energia costringe la Viola a chiamare un nuovo fimeout sul risultato di 28 a 40. Una tripla di Radic ed un canestro più fallo di Legion sbloccano animi preoccupati in casa Viola: i calabresi recuperano il gap con voglia (41-43). Una tripla di Murolo dall’angolo allo scadere del quarto spedisce le squadre negli spogliatoi sul 44 a 48. Il pareggio della Viola arriva nel terzo quarto e passa, nuovamente, da una schiacciata di Radic. Il vantaggio nero-arancio lo firma Lupusor in appoggio. Due liberi di Rappoccio firmano il controsorpasso. La sfida diventa equilibrata ed effervescente: Mastroianni, Nikolic e Barsanti da un lato, Fabi, Lupusor per la Viola puntellano il canestro. Nikolic è realmente uno showtime totale e schiaccia con eleganza. La Viola, però, ha il break in canna: uno scatenato Radic sospinge in locali verso il più otto (66-58). Il terzo quarto termina 72 a 58. Il quarto periodo si apre con una “bomba” del sempre positivo Mastroianni. La Viola ruota il roster comandando il match sempre in doppia cifra imponendosi 92-78.

Viola Reggio Calabria – Cuore Napoli Basket 92-78 (17-25, 44-48, 72-58)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy