Assigeco-Viola: crocevia di speranze al PalaCampus

Assigeco-Viola: crocevia di speranze al PalaCampus

Commenta per primo!

CODOGNO (LO) – Dovrà suonare come una conferma. Se la partita di domenica prossima contro la Viola Reggio Calabria continuerà nel positivo e proficuo solco che il nuovo corso ha tracciato, la società, i giocatori e i tifosi rossoblu, potranno ricominciare a guardare il futuro con più fiducia. La storia delle ultime settimane, accomuna i destini delle due società: dopo nove turni di campionato, i risultati ottenuti non soddisfano le aspettative e si arriva al cambio della guida tecnica per entrambe le panche. Domenico Bolignano nella scorsa stagione, prende le redini di un gruppo in difficoltà, lo porta a grandi risultati e alla promozione; riaccende gli entusiasmi e gli animi di una squadra che approda con grandi ambizioni al via del campionato DNA. Un buon passato quasi mai basta per lavorare tranquillo, quando i risultati non arrivano. Così da tre turni, a head coach dei neroarancio è stato promosso Francesco “Ciccio” Ponticiello, profeta cestistico di Sant’Antimo, dove nasce e dove, per sei anni, lavora con alterni risultati, prima di approdare a Matera per affinare l’esperienza in DNA. Domenica scorsa, al PalaBotteghelle, arriva per la Viola la tanto attesa vittoria, con Bari vittima sacrificale. Così sintetizza coach Ponticiello la prova dei suoi: “Una partita epica, avevo chiesto di arrivare, dove non era facile arrivare con la tecnica, di arrivarci con la voglia e la rabbia compressa da due mesi senza vittoria, ed in questo i ragazzi sono stati straordinari.” Chiarissimo. E domenica tutti in gruppo, sbarccheranno al Campus di Codogno! Ma anche qui, il nuovo sta lavorando per spazzare i foschi ricordi di un imprevisto, stentato inizio di campionato. Dopo essere subentrato a coach Cece Riva e avergli dato il merito per un gruppo preparato e pronto al salto di qualità, coach Andrea Zanchi inizia la sua avventura al PalaCampus con due vittorie su tre gare non facilissime. Mentre l’Assigeco, dopo aver perso a Lucca la prima del nuovo corso, stritola Treviglio sul parquet di casa (Chiumenti 25 punti, 10 rimb. e 27 di valut., Marino 20 punti, 4 triple e 28 di valut.), Reggio Calabria soccombe a Firenze (Ricci 12, Sabbatino 11, Ammannato 11, Quaglia 11), dimostrando di non aver ancora assorbito al meglio i nuovi schemi. Ma nell’impegno di una settimana fa, alle prese con una compagine spigolosa come Bari, la squadra del presidente Muscolino, riesce a mettere in campo tutto quello che serve per meritarsi la vittoria (Ammannato 25 punti, 10/13 al tiro e 30 di valut., Caprari 19 punti, 4/6 da tre e 21 di valut.), lottando fino all’ultimo secondo per strappare i due punti che finalmente smuovono la classifica. Casalpusterlengo però, non sta a guardare. Contro la squadra di Poggio Rusco, al PalaCarife di Ferrara, a mezzogiorno e sotto i riflettori della diretta di SportItalia, coach Zanchi mette in gara una squadra che fa della difesa la sua arma primaria. Concede solo 46 punti ai colori di casa, mettendo a referto 17 punti di Prandin, 22 di capitan Chiumenti con 27 di valutazione e soprattutto giocando per quasi tre quarti di gara senza Marino, costretto in panca da un infortunio alla caviglia. Ancora in forse per domenica, nell’economia della partita il forfait del play senese, sarebbe un pesante dazio per il quintetto di casa. “Ora bisogna solo cercare di vincere, fare punti e uscire da questa situazione. Per il resto ci stiamo lavorando, ci vuole un po’ più tempo”: questa la filosofia del momento per coach Zanchi. Sembra che paghi. Ci sono allora tutti i presupposti perché il prossimo turno di campionato offra ai tifosi che accorreranno al PalaCampus di Codogno, uno spettacolo di pallacanestro di prim’ordine. I primattori, con livrea neroarancio da una parte e rossoblu dall’altra, vorranno dimostrare di aver definitivamente superato i problemi che sono stati causa dei forzati cambi in itinere. Vorrebbero i reggini, giustificare la lunga trasferta con una positiva, concreta prestazione e ribadire i progressi di una settimana fa. Per i casalini è d’obbligo confermare che non è impresa semplice per nessuno espugnare il parquet del Campus di Codogno. In palio, due importantissimi punti pesanti. Sarà ottima pallacanestro. Sarà bagarre. Sarà spettacolo.    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy