Cuore e grinta: la Bulgaria supera il Belgio all’ultimo respiro

Cuore e grinta: la Bulgaria supera il Belgio all’ultimo respiro

Commenta per primo!

Ok, sicuramente non sarà la partita più seguita di questi fantastici Europei, ma Belgio e Bulgaria hanno dato vita ad una partita intensa, dove entrambe le formazioni sapevano che oggi c’era una ghiotta opportunità per conquistare l’unica vittoria del proprio campionato.

Ed infatti è stato un match equilibrato, magari non spettacolare ma dove l’agonismo non è di certo venuto meno.

Partiamo dalla fine per raccontare gli attimi salienti: sul 63-63 a 2 minuti e 50 dalla fine, Beghin ( classico lungo operaio con mani educate) dà il vantaggio al Belgio, vantaggio che viene vanificato dai liberi di Videnov e dal successivo piazzato di K. Ivanov che consente il sorpasso alla Bulgaria.

A poco meno di un minuto dalla fine, sul 63-65, il Belgio costruisce un’azione perfetta per far trovare Faison libero dall’arco: il tiro esce e la Bulgaria ha la palla per chiudere. Rowland ( partita super la sua, vero e proprio trascinatore) si prende la responsabilità ma il ferro sputa la sua conclusione, dall’altra parte Van Rossom sbaglia il tiro sull’ottimo aiuto di K. Ivanov ( eroe del finale). Lo stesso Ivanov subisce fallo da Faison (anti-eroe del finale) e va in lunetta. Sembra fatta per la Bulgaria ma la partita regala un’ultima emozione: il lungo fa 1/2, il Belgio ha la rimessa da metà campo, Van Rossom finta un tiro improponibile ma Rowland incredibilmente salta. Il play mette a posto addirittura i piedi, tira. FERRO.

La Bulgaria vince un match delicato con un grande Rowland e il solito Videnov, guardia dal valore assoluto. I fratelli Ivanov sono molto imprecisi al tiro ( 3/16 in due!) ma nel finale piazzano le azione difensive che fanno la differenza.

Il Belgio gioca una partita tutto cuore e riscatta l’opaca prestazione del giorno prima: Van Rossom parte sparato con 2 triple e 11 punti, per poi chiudere con soli 4 punti nel secondo tempo e la bomba a campo aperto fallita. Ottimo sotto le plance Van Den Spiegel, Lauwers fa virgola e “tradisce” la sua nazionale.

BULGARIA-BELGIO 68-65 ( 14-13; 32-33; 56-52)

BULGARIA: D. Ivanov 3, K. Ivanov 8, Rowland 22, Kostov 6, Videnov 17, Marinov, Avramov , Georgiev 3, A. Georgiev 3, Velikov, Banev 2, Varbanov 4. All. Barchovski

BELGIO: Moors 9, Van Rossom 17, Beghin 13, Oveneke, Steinbach, Tabu 8, Lauwers , Muya 3, Faison 3, De Zeeuw, Van den Spiegel 12, Mbenga.

MVP DI BASKETINSIDE: E. ROWLAND Il folletto di Soresina fa a pezzi la difesa avversaria con il suo tiro prima e prendendosi una miriade di falli dopo ( sono 6 tutti nel secondo tempo). Decisamente un “passaporto azzeccato” in cabina di regia per la nazionale bulgara ( Jaaber prima).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy