Eurobasket 2015, Gir. D: Vesely è super, crolla il Belgio. Rep. Ceca ora al comando del girone

Eurobasket 2015, Gir. D: Vesely è super, crolla il Belgio. Rep. Ceca ora al comando del girone

Commenta per primo!
7667 From fiba.com

Non è mancato il brivido finale alla Repubblica Ceca, che dopo aver condotto la gara per quasi tre periodi ed aver toccato il +10 nel finale, è riuscita nell'”impresa” di rimediare un break di 13-0, vedendo la sconfitta più vicina che mai. Ci ha pensato Satoransky a firmare la tripla decisiva, con il fondamentale contributo del duo Vesely-Benda, che è valsa il successo e il primato, quanto meno momentaneo, nel girone D, difficile da auspicare alla vigilia di questi Europei. MVP della gara Jan Vesely, che ha messo a referto una doppia doppia da 21 punti e 12 rimbalzi; ottima anche la prova di Satoransky, autore di 14 punti, e di Benda, che ne ha messi 13 (6/8 dal campo). Non sono bastati, nell’altro schieramento, i 12 punti del “nostro” Jonathan Tabu.

Starting Five
Belgio: 
Van Rossom, Hervelle, Mwema, Serron, Gillet.
Repubblica Ceca: Benda, Satoransky, Welsch, Schilb, Vesely.

La cronaca
Prova a partire forte il Belgio, che dopo aver aperto la gara con una tripla di Van Rossom, si porta in un amen sull’8-2. I cechi però non ci stanno e, in un primo quarto letteralmente zeppo di errori da ambo le parti, timbrano un parziale di 9-2, che vale il +1 dopo 6′ di gioco, grazie a 4 canestri di fila di Satoransky. Il giocatore del Barca, ben coadiuvato da Benda, è sugli scudi e spinge i suoi fino al 15-21; ad accorciare le distanze allo scadere del primo quarto solo Tabu, che però non riesce a far rialzare i suoi. Vesely esce dal letargo nella seconda frazione e trascina i suoi sul +7 a 5′ dall’intervallo, malgrado le percentuali al tiro sicuramente non eccezionali. La Repubblica Ceca si mantiene avanti, approfittando dei numerosi turnover avversari, e chiude avanti 33-28 all’intervallo.

La selezione giallorossa appare rinvigorita al rientro dalla pausa lunga e, con un rapido break di 6-0, riprende in mano il comando della gara (34-33 dopo 3′ dall’inizio del terzo quarto). Ma stavolta è il duo Vesely-Benda a rispondere, con il lungo del Fener a timbrare 7 punti nel solo terzo periodo: la formazione guidata da coach Budinsky ristabilisce il gap, arrivando a sfiorare la doppia cifra di vantaggio (51-42 grazie ad una bomba di Auda). E’ di nuovo Tabu a lanciare un segnale, appoggiando sulla sirena il canestro del -7, che lascia ancora tutto in discussione. La nazionale ceca appare in controllo nei primi minuti dell’ultima frazione, tanto da toccare per la prima volta il +10 con una bomba di Schilb. Finché Vesely e compagni non escono completamente dalla gara, consentendo al Belgio di mettere a referto un clamoroso 13-0 spinto da De Zeuuw, che vale il 60-57 a 4′ dalla sirena. Ma proprio quando l’inerzia della gara sembra essersi spostata, la Repubblica Ceca si riporta avanti con 4 punti consecutivi, arrivando avanti di 1 a 60 secondi dalla fine. Hervelle risponde dalla media distanza per il nuovo cambio di vantaggio (62-61 a 57” dalla conclusione) ma Satoransky zittisce i supporter belgi con la tripla del nuovo +2. Bosco prova a rispondere con la stessa medicina a 8” dallo scadere, ma è solo ferro. Nella girandola di liberi successiva Satoransky timbra per due volte un 1/2, ma malgrado il brivido finale, il Belgio non riesce a concretizzare la rimonta. Finisce 66-64, con i cechi attualmente al comando solitario del girone D.

BELGIO 64-66 REPUBBLICA CECA (17-21, 11-12, 16-18, 20-15)
Belgio: Bosco 7, Van Rossom 7, Hervelle 5, Mwema, Tabu 12, Serron 8, Mukubu, Gillet 10, De Zeuuw 8, Tumba 4, Salumu, Lojeski.
Repubblica Ceca: Benda 13, Auda 5, Pumprla, Hruban 2, Satoransky 14, Welsch, Houska n.e., Barton n.e., Jelinek 2, Sirina n.e., Schilb 8, Vesely 21.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy