Eurobasket 2015, Girone C: Croazia beffata negli ultimi minuti dall’orgoglio greco

Eurobasket 2015, Girone C: Croazia beffata negli ultimi minuti dall’orgoglio greco

fibaeurope2015.org

Nell’ultima gara della seconda giornata dell’Eurobasket 2015, girone C, la Grecia si risveglia negli ultimi tre minuti del match e ribalta una partita dominata dalla Croazia. Alla fine il punteggio si ferma sul 72-70 per Spanoulis e compagni che, nonostante la vittoria non possono ritenersi soddisfatti di questa prestazione sottotono. Nelle altre gare del girone, Macedonia e Slovenia escono vincitrici rispettivamente contro Olanda e Georgia, entrambe con un cospicuo distacco.

Greece’s starting five: Bourousis, Spanoulis, Calathes, Printezis, Antetokounmpo.
Croatia’s starting five: Tomic, Saric, Ukic, Draper, Hezonja.

Subito spettacolo all’Arena Zagreb: la schiacciata di Antetokounmpo su assist di Bourousis apre la gara dopo pochi secondi. Ma nei primi minuti è solo Saric-show: suoi i primi quattro punti dei croati, suo l’assist con no-look pass per il canestro di Tomic e il successivo fallo tecnico guadagnato per proteste. A 6’21 la Grecia è costretta al time-out sul 3-8 dopo il lay-up di Draper. I balcanici dimostrano molta più fluidità in attacco, mentre gli ellenici faticano a trovare la via del canestro e peccano di attenzione in difesa. A 3’17 è Spanoulis a trascinare i suoi al 11-13 dopo una tripla e un 1/2 ai liberi. La Croazia gioca con intensità: Simon a 20” dalla fine della prima frazione fa esplodere il palazzetto firmando il 13-18 di fine quarto con un tiro da tre punti in transizione.

Il secondo periodo vede subito la Grecia riavvicinarsi, ma dall’altra parte ci pensa lo stesso Simon a zittire tutti, andando a segno per il 16-20. I croati provano ad alzare il ritmo, cercando transizioni veloci in fase offensiva; i greci invece si affidano a sporadiche iniziative personali. A 6’48 Simon, il trascinatore croato, trova il fondo della retina dai sei metri e settantacinque, portando i suoi al +5 (20-25). Nonostante la formazione ellenica mantenga un distacco minimo, dal gioco in campo si percepisce che la squadra di coach Perasovic gestiste senza particolari difficoltà il ritmo partita, con i greci che, al contrario, faticano ogni volta che oltrepassano la linea di metà campo. A 2’30 ancora una volta Simon (già a quota 13) a segno dalla lunga distanza per il 24-33. La Grecia prova ad accorciare le distanze, ma alla sirena conclusiva arriva solo fino al 28-33.

Al rientro, la Grecia sembra essere rimasta negli spogliatoi e Saric ne approfitta subito (28-35). È sempre il numero 8 croato a farsi sentire: tripla per il 30-40 e time-out immediato della formazione ellenica. Questa volta però i greci sfruttano al meglio l’occasione e al rientro dal minuto di pausa siglano un mini-break di 5-0, portandosi al 35-40. Ma è la percentuale al tiro questa sera a fare la differenza: i croati allungano con due “bombe” consecutive (37-46) a 5’20. Nulla di nuovo invece per l’attacco greco che ha poca continuità e che sancisce il -10 (43-53) a 1’50 dalla fine del terzo quarto. Al 30’ ci si ferma sul 51-57.

In avvio dell’ultima frazione, la coralità dell’attacco croato (Simon, Ukic e Saric già in doppia cifra) risulta essere ancora una volta più incisiva. Spanoulis allora prova a tirare fuori le armi migliori: tripla a 7’20 per il 56-61 e fallo subito su un secondo tentativo dall’arco a 6’18 che vuol dire -2 per la Grecia (59-61). Tomic fa respirare i suoi con un canestro dal pitturato e la stoppata in fase difensiva di Hezonja sul tentativo di Bourousis mette fine al momento di difficoltà della formazione balcanica. Orgoglio greco che si fa sentire negli ultimi scorci di gara ed è sempre Spanoulis a prendere in mano la situazione con la tripla del 64-65. A 4’05 arriva il primo sorpasso greco firmato da Sloukas (66-65). La gara all’improvviso si accende e diventa un “botta e risposta” continuo; la Grecia trova l’intensità offensiva che le era mancata durante tutto il match. L’ultimo minuto è di pura tensione: la Croazia cerca il pareggio, ma gli ellenici getiscono gli ultimi palloni da manuale, portandosi a casa la partita per 72-70.

MVP Basketinside.com: Vassilis Spanoulis (16 punti, tiro 4/11 con 3/6 da tre punti, 4 rimbalzi, 6 assist)

GRECIA – CROAZIA 72-70 (13-18; 28-33; 51-57)

GRECIA: Bourousis 10, Zisis 7, Spanoulis 16, Calathes 2, Perperoglou, Sloukas 2, Kaimakoglu, Koufos 11, Printezis 13, Papanikolaou 2, Mantzaris 3, Antetokounmpo 6. Coach Fotis Katsikaris.
CROAZIA: Tomic 9, Rudez, Stipcevic, Bogdanovic, Saric 11, Tomas n.e., Ukic 14, Simon 18, Draper 2, Bilan n.e., Zoric 8, Hezonja 8. Coach Peasovic.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy