EuroBasket 2015. Italia-Serbia, le pagelle: un’Italia rimaneggiata cede ad uno scatenato Teodosic, migliore in campo per i serbi

EuroBasket 2015. Italia-Serbia, le pagelle: un’Italia rimaneggiata cede ad uno scatenato Teodosic, migliore in campo per i serbi

Commenta per primo!
www.eurobasket2015.org

Sconfitta pesante per l’Italbasket contro la Serbia, in quello che poteva essere il match decisivo per il primo posto nel girone B. Gli azzurri hanno sicuramente pagato la fatica degli ultime due partite, e sicuramente hanno pesato le assenze di Belinelli e Datome. Onore comunque alla Serbia che ha giocato una partita perfetta, confermandosi come squadra più forte e più in forma del girone.

Ecco le pagelle:

CINCIARINI: Decisamente la miglior partita dell’europeo quella disputata dal play azzurro, che mette a referto 11 punti giocando un’ottima partita offensiva. In difesa il suo compito non era sicuramente tra i più agevoli, poiché Teodosic era decisamente in serata di grazia. Voto: 6

GENTILE: Ancora una grande prestazione del capitano dell’Olimpia Milano, ormai vero e proprio punto di riferimento sia in difesa che in attacco per la nazionale di coach Pianigiani. Con la Serbia è lui che si carica la squadra sulle spalle, e infatti è solo merito suo se nella prima metà di gara riusciamo a restare in partita. Oggi è lui l’MVP. Voto: 7

ARADORI: Grande fiducia per lui da parte di coach Pianigiani che lo schiera in quintetto iniziale. La sua prestazione però non è all’altezza di quelle precedenti, ma alla fine riesce comunque a guadagnarsi la sufficienza facendosi trovare pronto in fase offensiva. Voto: 6

GALLINARI: Vista le grandi fatiche delle ultime due partite, coach Pianigiani lo tiene a riposo concedendogli un minutaggio ridotto. Nonostante tutto, riesce a mettere a segno le sue solite triple, rendendo sufficiente la sua prestazione. Voto: 6

BARGNANI: Ad inizio gara è il solito punto di riferimento in fase offensiva, ma nella seconda parte di match cala totalmente, e comincia a sbagliare di tutto. In difesa non riesce a tenere Radulijca che appare scatenato sotto canestro. Calo fisico e di concentrazione comunque giustificabile nel secondo tempo. Voto: 6

HACKETT: Brutta prestazione del play che vestirà la casacca dell’Olympiacos. Hackett gioca una partita a dir poco anonima in attacco, per poi giocarne una pessima in difesa, con un Teodosic, come abbiamo detto in precedenza, scatenato. Voto: 5

CUSIN: impiegato per soli 7 minuti da coach Piangiani, non riesce affatto ed entrare in partita, quindi è difficile giudicare il suo match. S.V.

MELLI: In fase offensiva si fa trovare pronto quando serve, infatti mette a segno una tripla di fondamentale importanza ad inizio secondo quarto. La prova difensiva lascia a desiderare, perciò l’impressione è che potrebbe dare molto di più. Voto: 5.5

POLONARA: Finalmente grande risposta dalla panchina per “Polonair”, che si prende tiri senza paura e stoppa alla grande Nedovic facendo saltare tutti in piedi. Voto: 6

DELLA VALLE: Coach Piangiani gli concede spazio, e lui risponde più che pronto. Si iscrive a referto con una grande tripla, dimostrando finalmente di giocare senza paura e candidandosi così ad avere un ruolo più attivo nella rotazione in futuro. Voto: 6

Le pagelle della SERBIA:

Teodosic 8.5 Sfodera la miglior prestazione dell’europeo fino ad ora, devastante dalla lunga distanza e delizia con i suoi assist.

Markovic 7

Kalinic 6.5

Bjelica 7.5

Kuzmic 6.5

Raduljica 7.5

Erceg 7

Nedovic 5.5

Bogdanovic 6.5

Milosavljevic 5

Milutinov sv.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy