Eurobasket 2015, la preview: Gruppo A

Eurobasket 2015, la preview: Gruppo A

Commenta per primo!

POLONIA  

bleacherreport.com
  Probabile Quintetto: PM-Slaughter G-Ponitka AP-Waczynski AG-Kulig C-Gortat   Rosa completa: -Marcin Gortat, ’84, centro, 2.13, Washington Wizards (NBA) -Mateusz Ponitka, ’93, guardia, 1.96, Stelmet Zielona Gora (Polonia) -Adam Waczynski, ’89, ala, 1.99, Rio Natura Monbus (Spagna) -Lukasz Koszarek, ’84, playmaker, 1.87, Stelmet Zielona Gora (Polonia) -AJ Slaughter, ’87, playmaker, 1.91, Banvit (Turchia) -Robert Skibniewski, ’83, playmaker, 1.82, Slask Wroclaw (Polonia) -Przemyslaw Zamojski, ’86, guardia, 1.93, Stelmet Zielona Gora (Polonia) -Karol Gruszecki, ’89, ala, 1.93, Stelmet Zielona Gora (Polonia) -Aaron Cel, ’87, ala/centro, 2.03, Monaco (Francia) -Aleksander Czyz, ’90, ala, 2.01, Turow Zgorzelec (Polonia) -Damian Kulig, ’87, ala/centro, 2.05, Trabzonspor (Turchia) -Przemyslaw Karnowski, ’93, centro, 2.13, Gonzaga (NCAA) Allenatore: Mike Taylor   Punti di forza: La sicurezza di poter puntare su un centro affidabile come Gortat; inoltre la Polonia ha dimostrato di saper giocare a qualsiasi ritmo, sia veloce affidandosi ai tiratori di cui dispone (Waczynski, Ponitka e Kulig, oltre alla velocità di Slaughter), sia ragionato, spostando il fulcro dell’attacco e della difesa nel pitturato.   Punti di debolezza: La difesa. I polacchi hanno mostrato grandi lacune nelle tappe di avvicinamento ad Eurobasket. Inoltre in attacco j movimenti senza palla sono spesso confusi e a volte si deve andare da Gortat sperando che s’inventi qualcosa.   Obiettivo: in un girone come quello di Montpellier, la Polonia potrebbe arrivare anche seconda del girone dietro alla Francia. OTTAVI DI FINALE, quindi, sono alla portata, dopodiché devono scontrarsi contro una delle qualificate del girone B e lì diventa molto più dura.   BOSNIA ERZEGOVINA  
www.court-side.com
  Probabile Quintetto: PM-Renfroe G-Sutalo AP-Milosevic AG-Bavcic C-Kikanovic   Rosa completa (mancano 3 tagli prima dei definitivi 12): -Elmedin Kikanovic, ’88, ala/centro, 2.10, Alba Berlino (Germania) -Alex Renfroe, ’86, playmaker, 1.91, Bayern Monaco (Germania) -Marko Sutalo, ’83, guardia, 1.93, Dinamo Bucarest (Romania) -Nemanja Gordic, ’88, playmaker, 1.92, Cedevita Zagabria (Croazia) -Muhamed Pasalic, ’87, playmaker, 1.92, U-Banca TR (Romania) -Dalibor Persic, ’85, guardia, 1.92, Timisoara (Romania) -Nedim Buza, ’95, ala, 2.02, Oostende (Belgio) -Josilo Marko, ’92, ala, 2.00, Metalac (Serbia) -Milan Milosevic, ’85, ala, 2.03, AEK Atene (Grecia) -Adin Vrabac, ’94, ala, 2.03, Trier/Treviri (Germania) -Miroslav Todic, ’85, ala/centro, 2.05, Tofas Bursa (Turchia) -Stefan Glogovac, ’94, ala/centro, 2.06, Spars (Bosnia Erzegovina) -Edin Bavcic, ’84, centro, 2.08, Sigal Pristina (Kosovo) -Andrija Stipanovic, ’84, centro, 2.06, Trabzonspor (Turchia) -Drasko Albijanic, ’86, centro, 2.11, Kozuv (Macedonia) Allenatore: Dusko Ivanovic   Punti di forza: senza Teletovic, i bosniaci hanno poca speranza. Tuttavia in un gruppo aperto come il loro, la grinta che sa trasmettere Ivanovic potrebbe essere un’arma in più. Le rotazioni sono più ampie degli anni passati e consente agli ex jugoslavi di giocare con molta grinta e dando tutto ad ogni azione.   Punti di debolezza: in attacco manca il terminale offensivo di primo livello che sarebbe stato Teletovic. Inoltre il tiro da fuori è molto altalenante e non dà sicurezza. Tolto Kikanovic, anche il gioco interno manca di concretezza ed esplosività.   Obiettivo: potrebbero riuscire nell’impresa di passare per il rotto della cuffia? Possibile, ma più probabile che puntino a VINCERNE ALMENO UNA contro squadre che sulla carta sono più forti della Bosnia Erzegovina.   ISRAELE  
www.nbapassion.com
  Probabile Quintetto: PM-Mekel G-Dawson AP-Casspi AG-Eliyahu C-Fischer   Rosa completa (mancano 4 tagli prima dei definitivi 12): -Omri Casspi, ’88, ala, 2.04, Sacramento Kings (NBA) -Gal Mekel, ’90, playmaker, 1.88, free agent -Lior Eliyahu, ’86, ala/centro, 2.03, Hapoel Gerusalemme (Israele) -Yogev Ohayon, ’87, playmaker, 1.91, Maccabi Tel Aviv (Israele) -Afik Nissim, ’81, playmaker, 1.86, Hapoel Eilat (Israele) -Raviv Limonad, ’84, guardia, 1.91, Hapoel Tel Aviv (Israele) -Bar Timor, ’92, guardia, 1.91, Hapoel Gerusalemme (Israele) -Dagan Izvori, ’85, guardia, 1.93, Maccabi Tel Aviv (Israele) -Shawn Dawson, ’93, guardia/ala, 1.93, Maccabi Rishon (Israele) -Oz Blayzer, ’92, ala, 1.99, Bnei Herzliya (Israele) -Rafael Menco, ’94, ala, 1.98, Hapoel Galil Gilboa (Israele) -Elishay Kadir, ’87, Ala/centro, 2.02, Hapoel Eliat (Israele) -D’Or Fischer, ’81, centro, 2.11, Hapoel Gerusalemme (Israele) -Yaniv Green, ’80, centro, 2.04, Hapoel Gerusalemme (Israele) -Alex Chubrevich, ’86, centro, 2.17, Maccabi Haifa (Israele) -Robert Rothbart, ’86, centro, 2.17, Ironi Nahariya (Israele) Allenatore: Erez Edelstein   Punti di forza: Mekel è in grado di gestire molto bene il ritmo dell’attacco. Da questo nasce anche un’ottima circolazione di palla che consente di trovare tiri piuttosto facili.   Punti di debolezza: quei tiri bisogna metterli e in questa Israele non sembra una cosa così ovvia. Inoltre manca sia un gioco interno di livello, sia un realizzatore da cui andare nei momenti decisivi, poiché Casspi tende a strafare e sbagliare in quelle situazioni.   Obiettivo: come per la Bosnia è possibile che riescano a passare per un pelo, tuttavia Finlandia e Russia sembrano un gradino sopra e probabilmente non si sposteranno mai a Lille. VINCERNE ALMENO DUE e sperare.   FINLANDIA  
hoopshype.com
  Probabile quintetto: PM-Koponen G-Huff AP-Salin AG-Murphy C-Lee   Rosa completa: -Mikko Koivisto, ’87, guardia, 1.94, Free Agent -Shawn Huff,  ’84, Guardia/Ala, 1.98, Ludwigsburg (Germania) -Gerald Jr. Lee, ’87, Centro, 2.08, Free Agent -Sasu Salin, ’91, Guardia, 1.91, Gran Canaria (Spagna) -Tuukka Kotti, ’81, Ala/Centro, 2.05, Loimaa Bisons (Finlandia) -Petteri Koponen, ’88, Guardia, 1.94, Khimkhi (Russia) -Matti Nuutinen, ’90, Ala, 2.00, Kataja (Finlandia) -Ville Kaunisto, ’82, Ala, 2.04, Kouvot (Finlandia) -Joonas Cavén, ’93, Ala, 2.11, Free Agent -Roope Ahonen, ’90, Guardia, 1.87, Free Agent -Jamar Wilson, ’84, Guardia, 1.85, Free Agent -Erik Murphy, ’90, Ala/Centro, 2.08, Besiktas (Turchia) Allenatore: Henrik Dettmann   Punti di forza: La Finlandia nella preparazione ad Eurobasket ha fatto vedere davvero delle buone cose. Uno dei punti di forza è certamente il fatto che la squadra è già ben collaudata, con giocatori che fanno parte della nazionale già da un pò di tempo. I finnici possono contare su un trascinatore come Koponen, che viene da una delle migliori stagioni della sua carriera, al Khimki, oltre che su degli ottimi esterni, capaci di far male in penetrazione e da fuori. Inoltre la squadra di coach Dettmann deve far leva sul fatto di essere, almeno sulla carta, favorita su Bosnia ed Israele.   Punti di debolezza: Uno dei problemi principali di questa nazionale non può che essere troppa sofferenza nelle rotazioni, ciò comporta anche la grande difficoltà nel mantenere elevati ritmi offensivi.   Obiettivo: L’obiettivo della Finlandia dovrebbe essere il RAGGIUNGIMENTO DEGLI OTTAVI, giocandosele con Bosnia ed Israele in primis, e mettendo in difficoltà la Russia, che probabilmente è ancora un gradino sopra.   RUSSIA  
www.bettingpro.com
  Probabile quintetto: PM-Ponkrashov G-Fridzon AP-Vyaltsev AG-Monya C-Antonov   Rosa completa (mancano 4 tagli prima dei definitivi 12): -Anton Ponkrashov, ’86, guardia, 2.00, Unics Kazan (Russia) -Egor Vyaltsev, ’85, guardia, 1.93,  Khimki (Russia) -Sergey Monya, ’83, ala, 2.02, Khimki (Russia) -Dmitry Khvostov, ’89, playmaker, 1.90, Nizhny Novgorod (Russia) -Mikhail Kulagin, ’94, guardia, 1.92, CSKA Mosca (Russia) -Vitaly Fridzon, ’85, ala, 1.95, CSKA Mosca (Russia) -Evgeny Baburin, ’87, ala, 1.90, Nizhny Novgorod (Russia) -Evgeny Voronov, ’86, ala, 1.94, Lokomotiv Kuban (Russia) -Nikita Kurbanov, ’86, ala, 2.02, CSKA Mosca (Russia) -Dmitry Kulagin, ’92, guardia/ala, 1.97, CSKA Mosca (Russia) -Andrey Zubkov, ’91, ala, 2.05, Lokomotiv Kuban (Russia) -Pavel Antipov, ’91, ala/centro, 2.04, Unics Kazan (Russia) -Andrey Vorontsevich, ’87, centro, 2.07, CSKA Mosca (Russia) -Semen Antonov, ’89, centro, 2.06, Nizhny Novgorod (Russia) -Ruslan Pateev, ’90, centro, 2.13, Kimkhi (Russia) -Andrey Desyatnikov, ’94, centro, 2.20, Zenit (Russia) Allenatore: Evgeny Pashutin   Punti di forza: Uno dei punti di forza della formazione di Pashutin è sicuramente il pivot, Andrey Vorontsevich, bravissimo nel prendere posizione e grande difensore, il suo innesto può davvero essere l’arma in più di questa nazionale. Inoltre i russi possono vantare il fatto di essere una squadra difficile da difendere.   Punti di debolezza: Squadra ancora tutta da verificare quella di Pashutin, che avrà il compito di non far rimpiangere l’ora coach dei Cleveland Cavs David Blatt. Oltretutto, la Russia ha dovuto affrontare il cammino ad Eurobasket senza la certezza di poterla davvero giocare, vista la sanzione della FIBA. A tutto ciò si aggiungono assenze importanti come quelle di Mozgov, Shved e Karasev.   Obiettivo: Anche per i russi l’obiettivo minimo è il RAGGIUNGIMENTO DEGLI OTTIVI DI FINALE, quello che verrà dopo si andrà a raccontare, ma il mancato superamento del girone sarebbe un clamoroso flop.   FRANCIA  
cbssports.com
  Probabile quintetto: PM-Tony Parker G-Nando De Colo AP-Nicolas Batum AG-Boris Diaw C-Rudy Gobert   Rosa completa: -Tony Parker, ’82, playmaker, 1.85, San Antonio Spurs (NBA) -Nicolas Batum, ’88, ala, 2.01, Charlotte Hornets (NBA) -Boris Diaw, ’82, ala/centro, 2.03, San Antonio Spurs (NBA) -Antoine Diot, ’89, playmaker, 1.90, Valencia (Spagna) -Nando De Colo, ’87, guardia, 1.95, CSKA Mosca (Russia) -Evan Fournier, ’92, guardia, 1.99, Orlando Magic (NBA) -Mickael Gelabale, ’83, ala, 2.02, Le Mans (Francia) -Charles Kahudi, ’86, ala, 1.87, ASVEL (Francia) -Florent Pietrus, ’81, ala, 2.02, Nancy (Francia) -Jeoffrey Lauvergne, ’91, ala, 2.11, Denver Nuggets (NBA) -Rudy Gobert, ’92, centro, 2.13 Utah Jazz (NBA) -Mouhammadou Jaiteh, ’94, centro, 2.08, Nanterre (Francia) Allenatore: Vincent Collet   Punti di forza: Tanti, troppi i punti di forza di questa squadra, impossibile elencarli tutti, un mix perfetto di giovani e grandi giocatori di enorme esperienza oltreoceano e non. Nazionale allenata dal vice-campione di Francia Vincent Collet, vanta 6 NBA, tra i quali gli ex campioni Parker e Diaw, visione di gioco e QI cestistico al completo servizio della squadra. Ah, come se non bastasse, la fase finale si gioca a Lille.   Punti di debolezza: Francamente i francesi non hanno veri e propri punti deboli, se non la pressione di essere la squadra da battere ed il tabù del trionfo in casa da sfatare (nessuna nazionale ospitante della fase finale vince Eurobasket da Germania 1993).   Obiettivo: Spagna e Serbia sono certamente due avversari molto ostici, ma la spinta del pubblico di casa, deve portare Tony Parker & co, alla VITTORIA DI EUROBASKET.    

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy