EuroBasket 2015, Ottavi: Serbia a valanga, Finlandia battuta

EuroBasket 2015, Ottavi: Serbia a valanga, Finlandia battuta

Commenta per primo!
fiba.com

Una Serbia assonnata rabbrividisce per tre quarti contro una commovente Finlandia, poi il talento emerge ed è festa balcanica: niente derby jugoslavo, per i Serbi ci sarà da sfidare la sorpresa ceca.

SERBIA – FINLANDIA 94-81 (23-24; 48-43;71-64)

La Serbia parte subito fortissima con la bomba del Mago Teodosic. Salin risponde con due triple (inframezzate dal layup di Kalinic) che fanno da testimone di quanto la Finlandia voglia giocarsela fino alla fine. Dopo 5 minuti il leitmotiv di botta e risposta della gara viene mantenuto, e il tabellone recita 11-15 (a sorpresa) in favore dei baltici. L’ex Bulls Murphy risponde ai liberi di Raduljica con una gran tripla, dando il +5 alla selezione in maglia azzurra. La Serbia accorcia con due liberi di Bjelica e la clamorosa steal su rimessa di Nedovic, che riporta i serbi a -3. Lo splendido stepback a fil di sirena di Bogdanovic dona il -1 con cui si chiude il primo quarto, sul risultato di 23-24 per i baltici.

La Serbia torna in campo più aggressiva, ma le ci vogliono ben 7 minuti per tornare avanti di 4 punti, dopo una commovente e straordinaria resistenza dei ragazzi con la casacca blu. Wilson ripareggia i conti con una splendida penetrazione, costringendo Djordjevic al timeout sul risultato di 41-41. Gli uomini di Sasha non si scompongono, e usano la loro incredibile esperienza per tornare in scioltezza sul +5 a un minuto dalla fine del primo tempo. Nessun ribaltone negli ultimi 60 secondi della metà di gara, con la Serbia che conserva il proprio vantaggio e torna negli spogliatoi sul risultato di 48-43.

Il secondo tempo si apre con una schiacciata di Raduljica, cartina al tornasole delle prestazioni sottocanestro dei serbi: se c’è lui in condizione, c’è speranza. Petteri Koponen prova a rispondere, completando un foul and one, e Salin completa la minirimonta con una splendida tripla in transizione.

Salin non vuole solo il dito, vuole il braccio, e regala con un canestro e fallo la parità del match (52-52). Raduljica risponde con due canestri, riportando a due possessi la Serbia ma Salin nega tutto con un’altra tripla. A un minuto dalla fine del terzo quarto Bjelica riceve lo scarico e segna la tripla dallo scarico, portando la Serbia avanti di 7. Il quarto finisce sul risultato di 71-64 per la Serbia, che dopo un primo tempo difficile riprende a giocare con sicurezza meritando il vantaggio su una coriacea Finlandia.

Il quarto periodo lo apre Wilson con un difficilissimo canestro, ma Bogdanovic risponde presente con una gran tripla. Simonovic segna due triple consecutive, è il preludio al successo Serbo.

SER: Teodosic 8, Simonovic 6, Kuzmic 0, Bogdanovic 10, Bjelica 19, Markovic 0, Kalinic 5, Nedovic 4, Milosavljevic 2, Raduljica 27, Erceg 13, Milutinov NE.

FIN: Koivisto, Huff 6, Lee 2, Salin 26, Kotti 7, Koponen 11, Nuutinen 2, Kaunisto 0, Caven 0, Ahonen 0,  Wilson 15, Murphy 12.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy