Eurobasket 2015, Top e Flop delle Semifinali

Eurobasket 2015, Top e Flop delle Semifinali

http://img.bettingpro.com
FLOP: 3: Boris Diaw Le facce dei 27 mila di Lille al termine della semifinale Spagna-Francia, non hanno bisogno di alcuna spiegazione. La delusione in casa Francia è altissima per questa competizione in cui l’unico risultato a disposizione era l’oro. Boris Diaw, soprattutto per merito della grande difesa degli avversari, è fuori dalla partita e non riesce ad accendere la miccia come spesso è in grado di fare per la Francia, e chiude con 5 punti (2 su 7 dal campo) e 6 rimbalzi. 2: Nemanja Nedovic Il cammino di una Serbia praticamente perfetta, pronosticata in Finale da qualsiasi addetto al lavoro, è stato clamorosamente interrotto in Semifinale da una grande prestazione di una sorprendente Lituania. Nedovic che fino alle semifinali è stato sempre autore di ottime prestazioni, importantissimo con le sue triple a spaccare le partite, contro la Lituania è autore di solo 6 punti, con 2 su 4 dal campo in 13 minuti, decisamente fuori dalla partita e mai in ritmo. 1: Tony Parker La grande delusione dei padroni di casa. La stella degli Spurs, che doveva guidare con la sua leadership i transalpini alla medaglia d’oro, non sembra essere mai protagonista in campo. Come già detto per Diaw, molto merito è della difesa di Coach Scariolo con un Llull incollato ai piedi di Tony dal primo all’ultimo secondo. Parker in 37 minuti d’impiego è autore di 10 punti, con un pessimo 23% dal campo, figlio di un 4 su 17. Inutile dire che l’eliminazione in semifinale per la Francia è una grandissima delusione.  
http://www.interaksyon.com
TOP: 3: Sergio Rodriguez Parte dalla panchina, ma quando entra in campo “El Chacho” Rodriguez, si nota decisamente. Leadership e grande lucidità per il Playmaker del Real Madrid, che grazie al suo talento e alla sua capacità di leggere il gioco è una pedina fondamentale per Coach Scariolo. Nella semifinale contro la Francia, il Pick and Roll Rodriguez-Gasol è decisivo, soprattutto per il grande talento di Rodriguez, in grado di effettuare sempre la scelta corretta. 2: Mindaugas Kuzminskas Il giocatore dell’Unicaja Malaga, spesso autori di alti e bassi, contro la Serbia è decisivo per la sua Lituania grazie a una grande impatto e una grande presenza. Soprattutto nel secondo tempo, Kuzminskas è tra i principali protagonisti del parziale che porta avanti la Lituania. In 33 minuti sul parquet, Kuzminskas è autore di 13 punti con un su 6 su 11 dal campo, aggiungendo 9 rimbalzi. Adesso finale per l’oro contro la Spagna, perché smettere di sognare? 1: Pau Gasol “Pau de leyenda” titolano i quotidiani spagnoli, il giorno dopo la semifinale contro la Francia. Non crediamo servano traduzioni per questo Pau Gasol, leader di questa Spagna e assoluta star dell’Europeo. Prestazione a dir poco leggendaria per Pau, che chiude la partita con 40 punti (12 su 21 dal campo, 16 su 18 ai tiri liberi) e 11 rimbalzi. Vince la lotta sotto canestro contro Gobert e Lauvergne costringendoli spesso al fallo e tagliandoli fuori dalla partita. In Spagna è già pronta la statua per Pau.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy