Eurobasket, gir. B: Germania, rimonta solo sfiorata, la spunta la Spagna. Tedeschi ora out

Eurobasket, gir. B: Germania, rimonta solo sfiorata, la spunta la Spagna. Tedeschi ora out

Commenta per primo!

Rimonta solo sfiorata per la Germania, costretta ad accettare l’eliminazione in seguito alla bruciante sconfitta subita per mano della Spagna. Le speranze tedesche si sono infrante sul terzo tiro libero sbagliato da Schroder a pochi istanti dalla fine, sicuramente il migliore tra i suoi, che avrebbero potuto coronare una risalita quasi incredibile, dal momento che gli iberici erano avanti di oltre 10 punti a 5 minuti dalla sirena finale. Le Furie Rosse, malgrado la sofferenza finale, si accontentano del secondo posto definitivo nel girone B, dietro alla Serbia e proprio davanti agli azzurri.

Starting Five
Germania: 
Gasol, Rodriguez, Ribas, Llull, Mirotic.
Spagna: Lo, Pleiss, Nowitzki, Schroder, Zipser.

La cronaca
Molti errori nelle prime battute della gara, con la Spagna che prova subito a partire forte, spinta da un Ribas autore di 5 punti in un amen (9-5 a metà periodo). I tedeschi, ormai con le spalle al muro e con le speranze di qualificazione ridotte al lumicino, non ci stanno e ricuciono subito il (piccolo) gap con il contributo di Schroder, che realizza 8 punti nel solo primo periodo. La solfa della gara, tra il divertimento e l’equilibrio, non cambia nel secondo quarto, con le due selezioni a combattere punto a punto: solo le Furie Rosse provano ad abbozzare qualche parziale, ma vengono immediate stroncate sul nascere da Dirk (piuttosto sottotono nei primi due periodi) e compagni.

Dopo la chiusura della seconda frazione con l’equilibratissimo parziale di 38-41, la storia della partita cambia dopo l’intervallo, con un break immediato di 5-0 degli uomini di coach Scariolo per il 40-45 dopo 21′ di gioco. Gli iberici scaldano i motori, imbeccano un break di 13-4 guidato, in primis, dal soliti Rodriguez e Gasol, e fuggono oltre la doppia cifra di vantaggio. Annichilita la nazionale bianconera, che dopo aver chiuso sotto 60-50 dopo 30′, affida la sua reazione a Lo e Zipser, che rialzano l’entusiasmo del pubblico di Berlino e riportano i “padroni di casa”sotto la doppia cifra di vantaggio. Schroder sale in cattedra, contribuisce ad un break di 10-4 che riapre totalmente il discorso (66-70 a 3′ dalla sirena). Rodriguez risponde con la tripla del 73-66, Nowitzki esce dal letargo e punisce anche lui dalla lunga distanza, ristabilendo il gap a poco meno di un minuto dalla fine. Possesso spagnolo, lo stesso Rodriguez sbaglia il tiro che avrebbe garantito la vittoria, segue il contropiede tedesco e arriva la clamorosa bomba di Lo per il -1 (73-72 a 21”) dalla fine. Nella girandola di liberi finale, El Chacho non sbaglia per due volte di fila, ma Schroder si lancia nell’altra metà campo dopo la rimessa, fugge tra le maglie spagnole e riesce a prendersi il fallo in atto di tiro da 3 punti, con qualche dubbio arbitrale in questa circostanza. 77-74, 3 tiri liberi per Schroder a poco più di 2 secondi dalla fine per impattare la gara, il pubblico è incredulo. Entra il primo, entra il secondo, ma il terzo fa infrangere sul ferro le speranze di un’intera nazione.

GERMANIA 76-77 SPAGNA (20-18, 18-23, 10-19, 28-17)
Germania: Lo 14, Giffey 2, King n.e., Schaffartzik, Tadda, Pleiss 10, Benzing 3, Nowitzki 10, Schroder 26, Zipser 7, Gavel, Voigtmann 4.
Spagna: Gasol 16, Fernandez 5, Rodriguez 19, Hernangomez 2, Ribas 8, Reyes 1, Claver n.e., San Emeterio, Llull 14, Aguilar n.e., Mirotic 12, Vives n.e.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy