Eurobasket- L’Italia parte bene ma finisce male, la vittoria è della Grecia

Eurobasket- L’Italia parte bene ma finisce male, la vittoria è della Grecia

Ancora una volta è un verdetto amaro per l’Italia. Non basta una prova concreta alle azzurre per strappare il primo successo nell’europeo. L’Italia ha subito mostrato la faccia giusta in avvio, piazzando un break di 13-0 che aveva fatto ben sperare. Il ritorno nella seconda frazione delle elleniche (22-25 al 20’) sembrava solo un fuoco di paglia, perché nella terza frazione la formazione di Ricchini, con gran carattere, riprendeva in mano la partita volando fino al 37-31 della terza sirena. A costare caro è una quarta frazione iniziata malissimo, con il break di 8-0 della Grecia che ha completamente cambiato la gara. Da quel momento è stato un continuo inseguimento: invani i tentativi finali di Ress e compagne. Domani sosta, tra due giorni si riparte, cercando un altro atteggiamento per le fasi finali.

ITALIA: Dotto-Gorini-Masciadri-Fassina-Ress

GRECIA: Dimitrakou – Spanou- Kaltsidou – Papamichail – Lymoura

OTTIMO INIZIO, POI IL RITORNO DELLE GRECHE- Avvio fortissimo delle azzurre, che in un amen mettono già un buon margine di scarto: apre Dotto, ma è Gorini con cinque punti a caricare la formazione di Ricchini. La Grecia continua a non trovare la via del canestro e così Fassina la punisce, scrivendo il 10-0 dopo due minuti. Neanche l’intervallo frena l’inerzia italiana, con Masciadri che si sblocca con l’ennesima tripla del suo europeo. E’ Dimitrakou dopo quattro minuti a interrompere il digiuno greco, ma Dotto è scatenata e realizza il 16-2. Anche la neo entrata Formica porta punti sul tabellone della nostra nazionale, mentre Spanou prima e Sotiriou poi iniziano a rimpolpare il bottino delle greche. Il parziale ellenico continua, con Chatzinikolaou e Spanou a definire 18-9 del primo quarto. Nel secondo periodo sono i tanti errori a dominare in avvio di gioco: per vedere le azzurre a bersaglio bisogna attendere oltre tre minuti, con Fassina a ricacciare a meno sette le avversarie (20-13). La Grecia ha però una marcia differente e con quattro punti di fila, ritorna a un singolo possesso di scarto. L’Italia continua a faticare, con brutti attacchi che portano all’ennesima palla persa, costringendo così Ricchini al timeout. E’ una pausa che riporta fluidità offensiva, con Zanoni a segno per il 22-17. Il finale è però tutto di marca ellenica: la solita Spanou trova un altro canestro, ma è la bomba di Kosma a siglare il sorpasso. Le azzurre continuano a litigare con il canestro e i due punti firmati Dimitrakou, valgono il 22-25 dell’intervallo.

QUARTA FRAZIONE LETALE, SORRIDE LA GRECIA-E’ Dotto ad aprire le marcature della terza frazione, seguita dalla tripla di Masciadri che vale il pareggio a quota ventisette. E’ il momento migliore, perché Ress torna a far la voce grossa da sotto realizzando il 29-27. La Grecia subisce il colpo, Dotto la punisce col furto trasformato in due punti facili in contropiede che firmano il più quattro. Anche Crippa s’iscrive al festival del canestro, mentre Dotto continua a essere l’anima e il cuore delle azzurre, con la play di Lucca che sale in doppia cifra personale, depositando a canestro il 35-29.  L’ Italia non si ferma più e con Ress, valorizza l’ennesima gran difesa portando il margine sul più otto. Lymoura limita i danni di un terzo periodo monopolizzato dalla formazione di Ricchini, trovando il 37-31. L’ultimo e decisivo quarto ricomincia nel peggiore dei modi, con la Grecia che spinta da Chatzinikolaou firma un parziale di 8-0 che riporta la formazione azzurra a inseguire. Ress in lunetta interrompe il digiuno, ma è il jump vincente di Kaltsidou a valere il 38-41. Kaltsidou e Sotiriou aumentano il margine dalla lunetta (39-44), ma c’è ancora una volta lo zampino di Ress, nel 2/2 che tiene a contatto la nostra formazione. Botta e risposta tra Kaltsidou e Ress, ma è il giro in lunetta di Sotiriou seguito dal canestro realizzato da Lymoura a pesare tantissimo, col punteggio che segna un netto 42-50 a due minuti dal termine. Ress in lunetta e Sottana provano a riaprire i giochi, riportando a soli cinque punti il distacco (46-51) a quarantacinque secondi dalla fine. E’ però ormai troppo tardi e la palla persa di Sottana seguita da un errore della stessa giocatrice di Schio mandano i titoli di coda all’incontro. L’Italia perde così la seconda partita consecutiva.

MVP BASKETINSIDE.COM: SPANOU

ITALIA – GRECIA 46 51(18-9, 4-16, 15-6, 9-20)

Italia: Consolini (0/2), Fassina 4 (2/4, 0/1), Dotto 10 (5/10, 0/4), Sottana 2 (1/5, 0/4), Gatti, Zanoni 2 (1/2), Gorini 5 (1/3, 1/2), Masciadri 6 (0/1, 2/7), Laterza ne, Crippa 2 (1/2, 0/1), Ress 13 (2/7, 0/1), Formica 2 (1/1). All: Ricchini
Grecia: Gkotzi ne, Nikolopoulou ne, Dimitrakou 9 (4/11, 0/3), Chatzinikolaou 4 (1/2, 0/1), Christinaki ne, Kaltsidou 9 (3/8, 0/1), Papamichail (0/2), Lymoura 4 (2/5, 0/1), Sotiriou 13 (2/2, 1/1), Kosma 3 (1/2 da tre), Fasoula ne, Spanou 9 (4/9).

Tiri da due: Ita 14/37, Gre 16/39; Tiri da tre Ita 3/20, Gre 2/9; Tiri liberi Ita 9/17, Gre 13/22. Rimbalzi Ita 38, Gre 37. Assist Ita 10, Gre 13.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy