Italia-Lettonia: le pagelle

Italia-Lettonia: le pagelle

Commenta per primo!

L’Italia batte la Lettonia col punteggio di 71-62. Prima vittoria per gli azzurri in questo Eurobasket. Gli uomini di Pianigiani vincono guidati da un Bargnani a dir poco devastante. Il Mago sembra infuocarsi alla vista della bandiera lettone: ricordiamo i suoi 30 punti l’anno scorso a Bari proprio contro la Lettonia. Oggi sono diventati 36. È lui l’MVP della gara. Con i 36 punti segnati stasera, Andrea Bargnani ha eguagliato i 36 di Myers contro la Svezia nel 1997 e stabilito il record in singola gara per un giocatore azzurro in un Campionato Europeo.

 Andiamo a scoprire come si sono comportati Mago & company quest’oggi con le pagelle.

Maestranzi 5: Prova assolutamente insufficiente, ancora una volta perde troppo spesso l’uomo in difesa e subisce il gap fisico con l’avversario. Nullo in attacco, dannoso in difesa.

Carraretto 5.5: Senza un compito preciso in difesa sembra stare in campo solo per firmare la presenza. Qualche giocata in attacco, ma nulla di concreto. Partita normale, non fa nulla di particolarmente buono e nulla di particolarmente negativo.

Mancinelli 6- : Dà una mano importante a rimbalzo, conquistando ben 9 carambole sotto il tabellone. Si avvicina molto alla doppia doppia, ma continua a forzare il movimento spalle a canestro. Partita poco al di sotto della sufficienza

Bargnani 8: Oggi è stato senza dubbio l’MVP degli azzurri. Sempre puntuale in aiuto, non soffre troppo l’avversario spalle a canestro, e ci delizia anche con qualche stoppata. Inoltre (come al solito, tranne in rari casi) a dir poco devastante nella metà campo offensiva: 36 stampati in faccia ai lettoni, che non possono far altro che arrendersi allo strapotere del Mago.

Gallinari 6- : Partita molto simile a quella del Mancio, forse con qualche forzatura in meno. Ma non per questo si merita qualcosa in più. Da uno come lui ci si aspetta di meglio, anche se una giornata no può capitare a tutti. Gallo, ti perdoniamo!!

Mordente 6: Quando è in campo difende sempre bene e ci mette tutto quello che ha. Inoltre prova a smuovere la difesa avversaria con penetrazioni alquanto pericolose. Aggressivo sul diretto avversario, a volte esagera, infatti 4 falli in 11 minuti sono un’esagerazione.

Cinciarini SV: Gioca solo cinque minuti ed è a un fallo dal “trilione”. Per chi non sapesse cos’è, andando a sommare tutti le cifre di un giocatore che in campo non fa nulla, e mettendoci davanti i minuti giocati si ottiene un trilione (2 trilioni se i minuti sono 2 e così via…).

Belinelli 4: Offensivamente molto ma molto calato rispetto alle qualificazione, sembra che segni con meno naturalezza di come lo facesse ai tempi di Bologna. Inoltre non difende per niente. Che l’NBA e un ruolo abbastanza marginale (attendere in angolo gli scarichi di Chris Paul) lo abbiano peggiorato?

Cusin SV: Anche lui a soli 2 falli dal trilione.

Datome SV: Gioca troppo poco, 4 minuti. Mette un tiro in fadeaway, sbaglia una tripla, fa un paio di falli e torna in panca. Non si rivedrà più.

Hackett 5.5: Gioca una partita al di sotto delle sue potenzialità. Sfrutta a dovere il vantaggio fisico, ormai abituale, ma non riesce a concludere in penetrazione. Forse un paio di falli su di lui non fischiati, ma resta comunque tra i migliori guardando le 3 partite.

Renzi N.E: Nemmeno un secondo per il lungo di Verona. Magari provarlo non sarebbe un delitto, anche a risultato già acquisito.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy