Le 10 giovani stelle pronte a dominare Eurobasket 2015

Le 10 giovani stelle pronte a dominare Eurobasket 2015

da un’idea di www.solobasket.com

bleacherreport.com
NIKOLA MIROTIC Mirotic è cresciuto nel Real Madrid e ha compiuto il salto oltreoceano grazie ai Chicago Bulls. Dopo anni di incomprensioni con la Federazione Spagnola, dovuti anche dall’essere considerato una seconda scelta alle spalle di Serge Ibaka, quest’anno per Mirotic è arrivata la possibilità di debuttare nel contesto di Eurobasket con la nazionale iberica, camiseta con la quale Mirotic ha guadagnato il titolo di Campione d’Europa Under 20, condito dal titolo di MVP. Insieme al suo mentore in quel di Chicago Pau Gasol forma l’asse interna della Spagna. Riguardo al suo gioco, beh, le sue caratteristiche sono note: qualità e varianti offensive, con capacità di attaccare tanto di spalle quanto di fronte al canestro, aprendo spazi importanti per i compagni, e discreta capacità di colpire da lontano. Nell’ultima stagione con i Bulls ha chiuso con 10.2 punti e 4.9 rimbalzi in 20.2 minuti di utilizzo. Qui alcuni highlights della sua stagione:
nba.com
GIANNIS ANTETOKOUNMPO Il suo nome uscì dal nulla, scoperto dal CAI Saragozza, ben servito dall’occhio clinico del Direttore Sportivo Willy Villar. Sbarcò oltreoceano senza alcuna sicurezza di strappare un contratto, e in un paio di anni si è trasformato in un’autentica realtà nel panorama cestistico mondiale. Oggi Antetokounmpo è un giocatore completo, tanto da sembrare uscito da un laboratorio: versatile, esplosivo, totale e soprattutto dotato di una progressione bestiale. Dopo un timido debutto con la selezione greca negli scorsi mondiali, in questa edizione di Eurobasket sarà un giocatore chiave della selezione ellenica. La prestazione contro l’Olanda, farcita con 22 punti, resta la migliore prestazione di Antetokounmpo con la propria nazionale:
croatiaweek.com
DARIO SARIC A differenza di Antetokounmpo, il nome di Dario Saric rimbomba nel mondo del basket continentale da almeno un lustro. Saric è una delle più brillanti perle della nuova generazione balcanica, e il suo prezioso talento è atteso da tempo a scrivere nuove pagine del basket continentale. E passo dopo passo, la grande promessa comincia a diventare una realtà. Sotto la tutela di Dusan Ivkovic nell’Anadolu Efes, sta maturando nel suo gioco in maniera soddisfacente e l’Europeo potrebbe essere il teatro della sua esplosione definitiva. Giocatore adattabile negli spot di 3 e 4, condurrà la selezione croata di Velimir Perasovic con i veterani Ante Tomic e Bojan Bogdanovic. A seguire lui e il suo compagno di merende Mario Hezonja in alcune transizioni fulminee in una recente amichevole contro la Germania:
hoopshabit.com
JONAS VALANCIUNAS Il centro lituano è già una realtà da un po’ di tempo, ma nell’ultimo anno ha definitivamente posto le basi per ergersi a stella del basket. Dopo aver giocato una grande Coppa del Mondo nel 2014, la sua stagione nella NBA è stata un crescendo che gli ha consentito di firmare un nuovo redditizio contratto con i Raptors e di proporsi a Eurobasket come stella polare della Lituania. Eccellente nella fase offensiva, specialista del pick and roll, ha limato errori di gioventù maturando nel suo gioco, di tanto in tanto impulsivo. In definitiva, non pare esserci un centro in Europa al quale Valanciunas paghi scotto a livello offensivo. Una rapida dimostrazione qui:
jazzfans.com
RUDY GOBERT In Europa la voce è ormai unanime: era dai tempi di Stojan Vrankovic che nel vecchio continente non si vedeva un centro di tale impatto difensivo. Rudy Gobert è un’autentica montagna che a un fisico fuori dal comune unisce una ragguardevole capacità atletica che lo rendono un centro difensivo fuori dal comune. Nella sua seconda stagione con gli Utah Jazz ha fatto registrare 8.4 punti, 9.5 rimbalzi e 2.3 stoppate ad allacciata di scarpe. Già nell’ultima Coppa del Mondo aveva mostrato di essere un giocatore più maturo, e oggi pare definitivamente pronto a sostenere la Francia nel cammino europeo. Le sue 189 stoppate stagionali confermano la verticalità al tritolo del 27 dei Jazz:
srbijadanas.com
BOGDAN BOGDANOVIC Si è presentato al grande pubblico con la storica canotta del Partizan Belgrado ed è diventato una stella a livello europeo guidando il Fenerbahce fino alle Final Four di Eurolega nella passata stagione. Tiratore con i fiocchi, giocatore atletico e DNA vincente sono lì a servizio dei veterani Milos Teodosic e Nemanja Bjelica, a formare il tridente che costituirà la colonna portante della Serbia nel prossimo Europeo. La sua migliore cartolina a livello di nazionale resta la prestazione nell’ottavo di finale dello scorso mondiale, dove con 21 punti contribuì al successo della Serbia sulla Grecia:
hoopshype.com
CEDI OSMAN Osman è un esponente della nuova generazione di giocatori turchi, uno dei serbatoi tra i più floridi in Europa (con la crescita di Furkan Korkmaz a confermare). Ha rinunciato a participare a Eurobasket U20 per essere importante nella nazionale maggiore turca. Un’ala dal tiro raffinato e tecnicamente dotata, Cedi Osman è un altro giocatore modellato da Dusan Ivkovic in quel dell’Anadolu Efes, compagine con cui sta sbocciando di giorno in giorno fino a poter essere considerato materiale d’èlite. La stellina di Osman ha già brillato durante la Huawei Cup, competizione di avvicinamento agli Europei, durante la quale ha mandato a bersaglio 24 punti contro la Macedonia: ALESSANDRO GENTILE Guardia-Ala di grande talento e personalità, da almeno due stagioni Gentile è il giocatore simbolo del campionato nostrano. Considerato il nutritissimo roster di cui Simone Pianigiani potrà godere durante il prossimo Europeo, la figura di Gentile sarà apparentemente in secondo piano, data la presenza simultanea di tutti gli NBA (Gallinari, Bargnani, Belinelli, Datome). Ciò nonostante buona parte del futuro recente del basket italiano passa tra le mani del figlio di Nando, già selezionato dagli Houston Rockets nel Draft 2014 alla 53° scelta. Più di recente ha illuminato la scena al cospetto della Georgia:
sportstalkflorida.com
DENNIS SCHRÖDER Anche lui è giunto ai vertici del basket partendo praticamente da nulla, e nel suo secondo anno in NBA è riuscito a ritagliarsi un ruolo importante negli Atlanta Hawks, in questa stagione giunti fino alle finali di Conference. E’ un playmaker elettrico e tremendamente pericoloso, e in prospettiva potrebbe diventare uno dei registi più quotati d’Europa, fino magari a raccogliere lo scettro di Tony Parker come migliore in assoluto. Durante la scorsa estate fu decisivo nella qualificazione della Germania a Eurobasket, mettendo a referto 15.3 punti e 5.3 assist a partita. Nel frattempo Dirk Nowitzki si sfrega le mani: mai come in questo Europeo Wunder Dirk avrà a propria disposizione una spalla di questo livello.
truthaboutit.net
TOMAS SATORANSKY Cresciuto cestisticamente nel Baloncesto Sevilla, affermatosi definitivamente con la canotta del Barcelona, e con la NBA nel mirino. Questo l’identikit di Satoransky, che nell’anno venturo potrebbe davvero tentare il trampolino oltreoceano, contesto in cui i suoi 2 metri di stazza uniti a tanta selvaggia propensione al verticale ingolosiscono assai gli addetti ai lavori. Durante il prossimo europeo formerà con Jan Vesely e il naturalizzato Blake Schilbi il triangolo su cui poggerà il gioco della Repubblica Ceca, mina vagante dell’abbordabile girone D.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy