L’Italia vince contro la Macedonia nel segno di Andrè

L’Italia vince contro la Macedonia nel segno di Andrè

L’Italia vince con qualche patema contro la Macedonia, prova maiuscola di Andre al debutto e vittoria 61-52 per la nazionale di Crespi.

di Andrea Fabbian

Italia-Macedonia 62-51 ( 19-14 14-11 11-13 17-14)

ITALIA: Dotto* 7 , Zandalasini* 8, Crippa* 7, Cinili* 12, Andre* 10, Masciadri, Sottana 11, Formica 2, De Pretto 2, Bestagno 2, Gorini.

MACEDONIA: Adamovska, Trajchevska* 6, Lazareska*, Pejkovksa, Kmetovska*10,Petrushevska, Givens*22, Stojanovska, Mitrasinovic*14, Janevska, Shekjeroska, Dimova

La partita parte con un’Italia molto contratta e tesa: il primo canestro è di Zandalasini ma subito dopo la Macedonia piazza un 8-0 di parziale propiziato dalla vena di Mitrasinovik. L’ Italia non demorde e a sei minuti dal primo riposo inizia a macinare  un’altro parziale di 7-0 suggellato dalla tripla di Sottana a quattro minuti dalla fine della frazione; la Macedonia prova a reagire con quattro punti della forte Givens intervallati dalla tripla di Cinili sulla sirena e dal canestro di Bestagno dalla panchina. L’ultimo minuto è quello della fuga italiana con un 5-0 tutto frutto della difesa: a segnare sono Sottana dalla lunetta, Crippa da tre e De Pretto in contropiede.

La seconda frazione è gestita molto meglio dall’Italia, la Macedonia non segna più dal campo e Andre alza il livello della difesa permettendo il primo canestro dal campo a Givens solo a cinque minuti e mezzo dal riposo lungo, la giocatrice di Battipaglia è dominante e trova anche quattro punti. Nella seconda parte di frazione alza i giri anche Cecilia Zandalasini che trova a sua volta quattro punti dopo diversi errori; la Macedonia non deraglia solo grazie a Trajchevska e Nitrasinovic che trovano cinque punti in questa fase difficile. A otto minuti di gioco il tabellino di Andre si aggiorna a quota sei punti (e ben sette rimbalzi), Kmetovska prova a rispondere con un canestro da sotto ma a venti secondi dalla fine Dotto trova un canestro nel traffico che manda l’Italia avanti al riposo sul 25-33.

Il secondo tempo comincia in maniera concitata, nessuno segna dal campo e l’unico canestro è di Andre a sette minuti dalla fine del quarto; la Macedonia ritrova il canestro attorno a metà frazione con un parziale di 5-0 tutto firmato da Kmetovska, lasciata libera di attaccare Cinili spalle a canestro. Questo parziale preoccupa Crespi che chiama timeout e invita le sue ragazze a difendere più di squadra, le azzurre seguono il consiglio ma la palla non vuole e entrare e a due minuti dalla fine Givens segna il meno cinque sul 32-37. A  rispondere deve pensarci la solita Andre ben innescata da Cinili, l’Italia però lascia troppo spazio sul perimetro e Nitrasinovik firma il meno quattro con una tripla; il ritorno della Macedonia è soffocato da Cinili che trova due piazzati dalla media, opera completata dalla ex Napoli con un tiro libero.

L’ultima frazione inizia ancora con le polveri bagnate per entrambe le squadre: nei primi due minuti l’unica a segnare è Crippa che, servita due volte da Sottana, segna quattro punti; Givens prova a prendere per mano la squadra segnando un gioco da tre punti  ma la coppia Sottana-Zandalasini segna quattro punti per fermare le balcaniche. Zandalasini commette il quarto fallo e deve uscire, la Macedonia ne apprfitta e trova un parziale di 6-0 firmato soprattutto da una straordinaria Givens che tiene in gioco le sue compagne vanificando il canestro di Sottana a tre minuti dalla fine e il secondo tempo di Dotto. Givens porta le compagne a meno quattro con una tripla a 58 secondi dalla fine ma Cinili inventa un sottomano da posiziona angolata e porta l’Italia sul 52-58; il punteggio viene arrotondato da Dotto con una tripla sulla sirena.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy