Parker distrugge la Germania: Francia ancora imbattuta

Parker distrugge la Germania: Francia ancora imbattuta

Commenta per primo!

Grande vittoria per una strepitosa Francia, che aggancia la Serbia in vetta al gruppo B e mantiene immacolato il suo ruolino in questi Europei. Nowitzki e Kaman finiscono le munizioni nei primi 10′ (il centro dei Los Angeles Clippers resterà seduto in panchina per gli ultimi 14′!) e abbandonano la Germania ad una sconfitta che mette a serio rischio il primo posto nel girone. Parker spacca la partita nei primi 30′ e un grande Noah fa perdere tranquillità ed efficacia a Nowitzki; la Germania è sconfitta.

 

 È proprio la Germania che parte fortissimo e sembra imprimere subito una svolta alla partita, sfruttando la strapotenza tecnica dei suoi lunghi NBA, autori del primo parziale significativo (2-11). L’attacco francese non è fluido e produce soltanto due punti nei primi sei minuti di gioco; le immense difficoltà dei transalpini vengono parzialmente dimenticate grazie a Tony Parker, che verso la fine del periodo riporta a contatto la Francia.

 Offensivamente le due squadre non ottengono i risultati sperati, tanto che il punteggio rimane bloccato sul 15-20 per ben 3’47” prima dell’appoggio di Gelabale: bastano questi due punti a ravvivare la partita, che si accende particolarmente negli ultimi 120”. Il protagonista è ancora una volta Parker, con 7 punti realizzati in questo lasso di tempo. È sua la tripla che regala il primo vantaggio francese a 48” dall’intervallo lungo sul punteggio di 27-26.

 Al rientro in campo, la partita diventa decisamente più che piacevole e le due squadre paiono aver trovato la giusta confidenza offensiva; la prima formazione a perdere un po’ di fluidità è quella tedesca, che salta qualche passaggio difensivo e permette l’allungo francese sul 41-33. La difesa transalpina sale d’intensità e rende inutile il minuto chiesto da coach Bauermann, che richiama inoltre Nowitzki in panchina. Questa scelta si rivelerà fatale, tanto più che Noah, strepitoso difensivamente sulla stella teutonica, sarà presto costretto in panchina dal terzo fallo. Parker continua le sue scorribande nell’area avversaria, i tedeschi sbagliano un paio di buoni tiri dalla lunga distanza e Bauermann sfoga eccessivamente il nervosismo contro la terna arbitrale incorrendo in un fallo tecnico: la Francia sfrutta il momento per assestare una vigorosa spallata agli storici rivali e per entrare nell’ultima frazione di gioco con 18 lunghezze di vantaggio.

 Nowitzki torna in campo quando sul cronometro mancano 8’35”, ma il vantaggio transalpino sfiora ormai i venti punti; Schaffartzik prova con due bombe a sfruttare le difficoltà balistiche degli avversari, che però spadroneggiano a rimbalzo offensivo e si mantengono così imbattuti nella competizione.

 

FRANCIA – GERMANIA 76-65 (12-16; 29-28; 58-40)

FRANCIA: Noah 8, Batum 14, Seraphin 2, Albicy ne, Kahudi ne, Parker 32, Traore 4, Pietrus 2, De Colo 2, Diaw 2, Tchicamboud ne, Gelabale 10. All. Collet.

GERMANIA: Benzing 3, Herber, Hamann 7, Schultze, Schaffartzik 12, Ohlbrecht 1, Schwethelm 7, Pleiß, Kaman 8, Staiger 6, Nowitzki 20, Jagla 1. All. Bauermann.  

MVP BASKETINSIDE: Tony Parker. Squarta la difesa tedesca con le sue repentine penetrazioni e trova sempre il passaggio giusto per mettere in ritmo i compagni (6 assist). Sfodera le sue doti di ballhandling (una sola palla persa) per imprimere alla partita la velocità da lui desiderata. Dominatore della gara, MVP senza ombra di dubbio.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy