AfroBasket 2015, Day 3 – La Nigeria è di un altro pianeta, Egitto e Tunisia restano imbattute

AfroBasket 2015, Day 3 – La Nigeria è di un altro pianeta, Egitto e Tunisia restano imbattute

Commenta per primo!
google.it

GABON – MALI 54-78 (20-16, 8-26, 5-18, 21-18)

GAB: S. NDONG               4, R. MOUCKAGA ATSU              2, G. MAYIMBA 6, L. ESSONO MVÉ 11, A. BOUNDOU8, S. ABESSOLO TOUNG, L. KOBANGOYE IKINDA              7, M. MAPAGA 1, J. RETENO      1, S. LASME        7, F. OBAME OBAME     7, L. FABRE.

MAL: I. SAOUNERA 5, M. KANTE,            A. MAÏGA 3, I. DJAMBO 10, W. COULIBALY 11, B. MOUNGORO 13, M. BAH 5, N. BOUNDY             8, B. SIDIBE 8, S. CISSÉ   11, M. TANGARA 4, D. BALLO.

E’ del Girone C il primo match del day 3, ed ecco la prima formazione sconfitta a rifarsi dopo le scoppole prese con l’Egitto: si tratta del Mali, che pareggia il suo record con due quarti centrali da incorniciare (44-13), e piega il Gabon. Eroe del giorno Waly Coulibaly, che a secco contro il Camerun, chiude con 11 personali, firmando la sua miglior prestazione in quattro anni di convocazioni. Doppia cifra anche per il Djambo (10+9) e Boubacar Moungoro (13 con 3/5 da 3, 12/24 di squadra contro il 18% avversario) , i loro punti sono quelli della mini-rimonta sul -4, e poi dell’allungo pesante. Rimane l’emorragia di palle perse (ben 29), ma il Gabon fatalmente fa  di “meglio” (31),la metafora del suo match in Lerry Essono Mve, 11+9 con 7 recuperate, ma anche 9 turnovers.

EGITTO – CAMERUN 83-77 (22-14, 19-27, 25-21, 17-15)

EGI: K. KHALIFA 15, E. AMIN      9, A. GENDY 3, R. GUNADY  12, I. ELGAMMAL 13, A. TAWFIK  8,

  1. AHMED, Y. SHOUSHA 4, R. ABDALLAH 2, A. ELMARAGI NE, A. MAREI 13, O. ORABY     4.

CAM: A. ADALA MOTO 12, A. CURTI 5, P. BITEE NE, *K. KADJI 11, *H. NANA 5, *J. NZEULIE 19, S. NJOYA 8,F. TCHOUBAYE                10, A. WANGMENE  2, B. SIAKAM,  S. MOUNDOU MISSI              5, G. ESSENGUÉ.

44% dall’arco, 20 assist a 8 e 18 perse contro 23, nonostante 16 rimbalzi offensivi concessi e un modesto 45% dalla lunetta, l’Egitto dei giovani e di Kenny Kadji mantiene il punteggio pieno e riesce a spuntarla con il Camerun. Grazie al valore aggiunto di Kamal Khalifa (15 punti), ma soprattutto di due seconde linee del back court come Ramy Gunady (12) ed Ehan Amin (9), viene vanificata la pur ottima performance offensiva di Jeremy Nzeulie, autore di 19 punti, e un gioco difensivo attento, aggressivo e a tutto campo. Il momento decisivo a circa 90” dal termine, quando i due esterni crivellano la retina, e la pressione in copertura del Camerun non riesce come coach Lazare Adingono voluto.

 

GROUP C GAMES GAME POINTS POINTS
# Team P W L % For Agt +/- FA AA GA
1 Egypt 2 2 0 100 179 126 53 89.5 63 1.4206 4
2 Mali 2 1 1 50.0 134 124 10 67 62 1.0806 3
3 Cameroon 2 1 1 50.0 147 139 8 73.5 69.5 1.0576 3
4 Gabon 2 0 2 0 103 174 -71 51.5 87 0.5920 2

 

UGANDA – NIGERIA 59-98 (16-27, 14-21, 11-32, 18-18)

UGA: J. ENABU 3, J. IKONG, J. JOHNSON 3, S. MUKOOZA 8, K. NAGWERE 5, S. KALWANYI 5, S. OMWONY 20, D. MARIAL 1, H. MALINGA 4, B. SEBIRUMBI 5.

B. UZOH 6, M. UMEH 11, I. DIOGU NE, A. AMINU 14 (+7 rimb), J. OLASEWERE 2, C. OGUCHI 30, S. OKOYE 10, A. OGIDE 5, M. GBINIJE 1, O. LAWAL 9, A. AMINU 10, O. OYEDEJI.

35 secondi per chiudere una partita (tanto è durato il match dell’Uganda), più di due ore per concluderla. Sono i paradossi di una sfida che fin dall’inizio sapeva di testacoda, che la Nigeria ha letteralmente dominato, un risultato annunciato ma che arriva dopo un’incredibile attesa, nata dall’euforia incontenibile di Stan Okoye: a 2’17”, l’ex Varese decide di scaldare l’atmosfera devastando il tabellone, costringendo gli organizzatori a un’inattesa sostituzione del plexiglass. Incidente di percorso? Forse l’unico, vero sussulto di un match a dir poco soporifero, caratterizzato dallo show balistico di Chamberlain Oguchi (8/14 dall’arco, 8 rimbalzi e 30 personali) , oltre che dalle prestazioni di Umeh, Aminu e Lawal, mentre l’unico a salvarsi sull’altra sponda è Stephen Omwony a quota 20, in un vuoto segnato dal 48% dalla lunetta e un inquietante 31% dal campo.

TUNISIA – REP. CENTRAFRICANA 68-52 (14-9, 16-10, 19-16, 19-17)

TUN: O. ABADA 1, M. ABBASSI 2, N. KNIOUA,   M. EL MABROUK 5, M. SEYEH 1, M. HADIDANE 3, M. ROLL 12, M. GHYAZA 5, M. BEN ROMDHANE 9, A. RZIG 10, H. BRAA 8, S. MEJRI 12.

RCA: D. DAMACHOUA 7, J. MADOZEIN NE, J. PEHOUA 3, F. FEIDANGA-TEMODEA, J. GREBONGO 11, KONGBO, S. PEHOUA, Y. ZACHÉE 4, M. FEBOU YADAPA NE, M. KOUGUERE 20, P. DJADA MABADA, J. DJIMRABAYE 7.

Ma se la Nigeria incalza, anche la Tunisia fa il bis, in vista del big match di dopdodomani, limitandosi a rispettare il fattore casalingo. La prova dei locali non è delle più esaltanti dalla lunga (14,8% da 3), ma sono sia i punti nel pitturato a chiudere ogni discorso (55% da 2 contro il 43, 30 punti a 10 sotto canestro), ma anche l’apporto della panchina (31 punti a 4),  contro un Centrafrica che cede sempre di misura, in tutte le frazioni, e mostra un buonissimo Max Kouguere (20 con 7/10 da 2 e 7 rimbalzi), ma poco può contro Michael Roll e Salah Mejri, MVP in ex-aequo con 12 a testa.

GROUP A GAMES GAME POINTS POINTS
# Team P W L % For Agt +/- FA AA GA
1 Nigeria 2 2 0 100 186 122 64 93 61 1.5246 4
2 Tunisia 2 2 0 100 145 107 38 72.5 53.5 1.3551 4
3 CAF 2 0 2 0 115 156 -41 57.5 78 0.7372 2
4 Uganda 2 0 2 0 114 175 -61 57 87.5 0.6514 2

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy