Europeo Under 20: Il Belgio supera gli Azzurri, è tutta in salita per la qualificazione

Europeo Under 20: Il Belgio supera gli Azzurri, è tutta in salita per la qualificazione

Commenta per primo!

ITALIA – BELGIO 60-66 (19-21, 37-32, 49-49)

A Lignano Sabbiadoro, dopo la vittoria sulla Croazia e la sconfitta contro la Bosnia, la qualificazione alla fase finale dell’Europeo Under 20 per gli Azzurrini passa da questa sfida, contro il Belgio: in caso di sconfitta, per qualificarsi bisognerà cercare di battere la temibilissima Francia nell’ultima gara della fase a gironi.

PRIMO QUARTO

Laquintana, Fontecchio Vencato, Vedovato e Benetti sono i titolari per coach Sacripanti, che teme in particolar modo l’atletismo e i centimetri degli avversari.

La maggiore fisicità avversaria e l’estro del playmaker giallonero Lecomte (studente all’Università di Miami) portano la difesa azzurra ad esaurire dopo pochissimi minuti il bonus (tre falli per il solo Benetti) e ad accumulare falli in eccesso molto in fretta. Due giochi da 3 punti di Zilli portano gli Azzurrini sul 15 pari, ma il solito Lecomte è incontenibile: le sue innumerevoli opzioni offensive generano tutti i canestri del Belgio.  Malissimo dall’arco l’Italia (1/5) che si aggrappa a un ottimo Zilli. Nonostante un predominio belga a rimbalzo (12-8) e i maggiori tentativi ai liberi (12 contro 4), l’Italia è solo due punti sotto al termine della frazione.

SECONDO QUARTO

Azzurri prima in parità grazie a un canestro dalla media distanza di Fontecchio, e poi primo vantaggio italiano con Akele. Si sprecano i fischi, con una terna arbitrale molto fiscale; nonostante gli azzurrini riescano a tenersi aggrappati agli avversari, Lecomte continua imperterrito a dominare la gara, mentre il gigantesco Kohajda (dal look decisamente poco sobrio) crea non pochi grattacapi sotto entrambi i canestri. Il Belgio riesce a spingersi anche 7 punti avanti, ma gli azzurri riescono a ritornare sotto grazie a Flaccadori e Vedovato (da segnalare l’uscita di Lecomte dopo aver commesso il secondo fallo). Su due liberi trasformati da Laquintana, gli azzurri ottengono il primo vantaggio a 1’30 dal termine della frazione, sul 33-32. Ultimi 12 punti del periodo (chiusi da una stupenda penetrazione di Laquintana) sono italiani, che si portano al riposo lungo cinque punti avanti.

TERZO QUARTO

Rientra Lecomte e il Belgio si riporta sotto in un amen: l’agile playmaker belga con le sue penterazioni spezza in due la difesa italiana per poi trovare i propri lunghi che tagliano alla perfezione. Su una tripla di Kesteloot (la seconda a bersaglio su tredici tentativi per il Belgio), Sacripanti è costretto a chiamare time-out con i suoi sotto di quattro punti. Prima Flaccadori e poi una tripla di Fontecchio restituiscono ossigeno alla truppa azzurra, che con un tap-in misterioso su un tentativo da tre punti dello stesso Fontecchio impattano a quota 49 dopo trenta minuti, con l’ultima frazione da giocare.

ULTIMO QUARTO

I soliti rimbalzi offensivi degli ospiti diventano sanguinose seconde opportunità, che però continuano a tirare malissimo i liberi. Stoppata stupenda di Fontecchio su Bako, ma azzurri ancora confusionari e improduttivi sotto canestro, con Akele e Vedovato che in un paio di occasioni non riescono a spingere la palla dentro al ferro. Fischi degli arbitri ancora numerosi, che portano a numerose palle perse azzurre. Belgio avanti due punti con un minuto da giocare e il possesso a loro vantaggio: un solito rimbalzo offensivo e canestro di Kesteloot su un errore prima di Lecomte poi di Van Vliet porta sul +4 i gialloneri, +5 con un libero di Hemeleers; con 26 secondi da giocare e il possesso azzurro, viene a fischiato a Laquintana in penetrazione un fallo forse viziato da simulazione avversaria, togliendo di fatto la speranza azzurra di poter recuperare lo svantaggio.

TABELLINI:

Italia: Cappelletti 4, Lopusor n.e, Laquintana 14, Spatti 1, Spissu n.e, Vencato 9, Flaccadori 6, Fontecchio 10, Akele 2, Benetti, Zilli 10, Vedovato 4.

Belgio: Akyazili 3, Hemeleers 3, Lecomte 19, Peeters 3, Benzouien n.e, Boxus 3, Vanwijn 6, van Vliet 6, Chapelle n.e, Kesteloot 15, Bako 4, Kohajda 3.

Key Stat: i rimbalzi offensivi belgi (17 contro i 13) e il numero di palle perse (12 contro 17 azzurre) sono i dati più significativi a favore della vittoria giallonera.

Fotogallery a cura di Dario Cechet

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy