Italdonne ambiziosa, Capobianco: “Vogliamo vincere”

Italdonne ambiziosa, Capobianco: “Vogliamo vincere”

Commenta per primo!

Parte da Lucca la sfida per provare a vincere qualcosa, per non tornare dall’Europeo del 2017 in Repubblica Ceca a mani vuote. Lo staff della Nazionale stavolta ci crede, convinto che il lavoro, la coesione del gruppo, il ritorno in azzurro di giocatrici esperte (Macchi su tutte, ma anche Cinili e Nadalin) possa aiutare la squadra a fare bene. Perchè è anche e soprattutto attraverso i risultati della Nazionale che il movimento cestistico femminile può crescere.

Concetti che nella sala degli Specchi di Palazzo Orsetti, sede del Comune di Lucca, riafferma il coach dell’Italdonne Andrea Capobianco, che ha scelto di giocare proprio qui la prima gara del girone di qualificazione all’Europeo, sabato alle 18,15 contro l’Albania.

In Comune per la presentazione dell’evento c’è anche Gaetano Laguardia, capodelegazione dell’Italdonne, insieme alle giocatrici Raffaella Masciadri, Martina Crippa e Francesca Dotto, fresca quest’ultima del Premio Reverberi.

“Siamo contenti di essere a Lucca – dice il tecnico azzurro – sappiamo quanto è caldo questo pubblico, il sostegno che ci potrà dare. E per noi è importante. Stiamo creando il giusto mix fra giocatrici più esperte e ragazze giovani con l’obiettivo di vincere il più possibile”.

Quanto sia vicino il pubblico di Lucca alla sua squadra e quanto lo sarà anche alla Nazionale lo sa bene Raffaella Masciadri, la capitana delle azzurre, tante volte avversaria con la Famila Schio del Basket Le Mura. “A Lucca con la Nazionale abbiamo già giocato contro l’Estonia e l’ospitalità fu eccezionale e il calore dei tifosi fantastico. Dal punto di vista tecnico il nostro gruppo si è consolidato e vogliamo fare bene”.

L’Albania non è certo un’avversaria irresistibile, ma in casa Italia si pensa soprattutto alla prestazione delle azzurre, a vedere i progressi e la crescita della squadra, che 4 giorni dopo il primo match giocherà a Manchester contro la Gran Bretagna.

A sostenere le azzurre ci sarà anche una tifosa d’eccezione, ovvero Miss Italia Alice Sabatini, anche lei giocatrice di basket che sarà a Lucca già venerdì mattina e vi resterà anche sabato per seguire l’incontro. Sempre sabato alle 14 all’Hotel Guinigi, dove alloggia la Nazionale, ci sarà il consiglio federale della Fip con il presidente Gianni Petrucci,

Ma la presenza dell’Italdonne è motivo di orgoglio e soddisfazione per tutta la città. “Lucca vive di basket”, dice il sindaco Alessandro Tambellini, mentre l’assessore allo sport Celestino Marchini augura alle azzurre di fare tanta strada e sottolinea il momento positivo della pallacanestro femminile a Lucca con il Basket Le Mura primo in classifica in A1 con 7 successi nelle prime 7 partite, strappando un sorriso a Rodolfo Cavallo, presidnte del team biancorosso.

Domani la Nazionale, dopo la seduta mattutina al Palatagliate, nel pomeriggio tornerà ad allenarsi a Porcari, a 10 chilometri dal capoluogo, dove da oltre 50 anni opera un club femminile gestito dalle suore Cavanis. Ci sarà festa grande con la presenza di tutte le bambine del minibasket e delle squadre del settore giovanile.

La sera, intorno alle 21,30, le azzurre incontreranno gli appassionati alla birreria Lowengrube. Tutte iniziative che rinsaldano il legame con il territorio, in attesa del match, sabato alle 18,15, che potrà essere seguito anche su Sky Sport.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy