Italia a due facce: dal +26 spreca tutto, Ucraina vincente a Capodistria

Italia a due facce: dal +26 spreca tutto, Ucraina vincente a Capodistria

Commenta per primo!

Dopo quattro vittorie di fila un nuovo clamoroso stop per l’Italia. incredibile sconfitta dell’Italia di Simone Pianigiani che nella seconda giornata della Adecco Cup viene rimontata dal +22 dall’Ucraina di Coach Murzin. L’Italia arrivava a questa sfida sulla scia della vittoria di venerdì sera sulla Finlandia e della notizia che Luca Vitali ha dovuto lasciare il ritiro a causa di un infortunio al ginocchio. Nonostante i 22 di Bargnani e i 21 di Belinelli, dopo aver avuto anche 26 punti di vantaggio nel corso del terzo quarto, la Nazionale di Pianigiani cade contro l’Ucraina: 23 di Randle, artefici della rimonta Mishoula e Zytsev con le loro triple, ma soprattutto la sostanza di un gran Fesenko da 16+13, emerso alla distanza come il dominio avversario a rimbalzo. Domani ultimo impegno a Koper, non facile, contro la Slovenia.

ITALIA – UCRAINA  75-77  (24-7; 48-27; 59-48)

Italia: Della Valle, Belinelli 21 (2/5, 4/7), Aradori 2 (1/6), Gentile 7 (2/6, 0/3), Poeta, Gallinari 9 (1/3, 2/5), Bargnani 22 (8/12, 2/5), Cusin 5 (2/4), Datome (0/5, 0/3), Cervi 1, Melli 5 (1/1, 1/2), Cinciarini 3 (0/1, 1/1), Hackett (0/1, 0/2), Polonara (0/1 da 3). All: Pianigiani
Ucraina: Pustozvonov 4 (0/2 da 3), Randle 23 (7/14, 1/3), Mishula 14 (1/2, 3/5), Lypovyy (0/2, 0/2), Lukashov ne, Korniyenko 6 (3/6, 0/1), Zaytsev 12 (3/5, 2/3), Pustovoy 2 (0/2), Fesenko 16 (6/7), Krutous (0/1), Sizov (0/1 da 3), Tymofeyenko. All: Murzin

Quintetto invariato rispetto alla prima uscita con Cinciarini, Gentile, Datome, Gallinari e Bargnani. Dopo un’iniziale situazione di equilibrio (Randle segna il 7-6). Gallinari, Gentile e 3 canestri consecutivi di Andrea Bargnani riescono però a spaccare la partita e portare l’Italia sul +16. Il periodo iniziale viene chiuso con i ragazzi di Pianigiani in un parziale di 18-0 e avanti di 17. Nella seconda frazione la difesa Ucraina fatica a trovare risposte ai pick & roll con Belinelli come ball handler e l’Italia scollino anche le 20 lunghezze di vantaggio, il tutto con ottime percentuali da 3. Strappo che si allarga con la bomba di Cinciarini e arriva a toccare anche il +26. La selezione Ucraina si aggrappa all’inventiva di Randle e alla potenza di Fesenko, con il lungo che posterizza Cervi per il +21 Italia (48-27 con 13 di Belinelli e 8 di Bargnani). Dopo la pausa lunga gli ucraini non si arrendono e, andando sempre sotto da Fesenko, rientrano silenziosamente grazie anche agli errori dell’Italia che non riesce più a mordere dal pick & roll e, soprattutto, non riesce a mettere pressione difensivamente agli avversari (11 i turnover ucraini nella prima frazione). Gallinari prova a ristabilire le distanze riportando l’Italia sul +20 ma Fesenko, Mishula e Randle riescono a colmare parte del gap e piazzando un parziale di 14-4 con l’Italia che sembra in difficoltà. L’Ucraina ritrova la singola cifra di svantaggio con una tripla a inizio quarto periodo e si avvicina pericolosamente alla formazione italiana che forza alcuni tiri senza successo e ha problemi offensivi prolungati. La pressione Ucraina ha effetto è un canestro di Randle impatta il risultato a 63. Lo stesso Randle prende in mano i compagni e gestisce con freddezza il testa a testa finale, dove l’Italia non è fredda e sbaglia anche dalla lunetta con Belinelli e Gallinari. Il libero sbagliato da Randle a 11 secondi dalla fine permette all’Italia di avere una chance di pareggio o addirittura sorpasso ma il pick & roll Belinelli/Bargnani non è efficace. Vince quindi l’Ucraina 77-75; delusione per l’Italia che aveva la partita in mano, anche se un campanello d’allarme ora è sicuramente gestibile più facilmente di uno ad EuroBasket. C’è tempo, quindi, per ItalBasket, di digerire la delusione è lavorare sulla gestione psicologica di partite analoghe.

Fotogallery a cura di Dario Cechet

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy