Italia, finalmente una vittoria: battuto il Montenegro

Italia, finalmente una vittoria: battuto il Montenegro

Commenta per primo!

L’Italia batte il Montenegro col punteggio di 89-73 e torna a vincere dopo le 3 sconfitte consecutive ad Anversa. Top scorer del match Marco Belinelli, che chiude a 21 punti e 6/11 dal campo. Molto bene la coppia milanese Gentile-Melli, i quali chiudono rispettivamente a 13 e 12 punti. Segnali positivi che sono arrivati  comunque dall’intera squadra, nonostante l’assenza di Datome, il quale sarà recuperabile entro il 4 settembre.

La partita: l’Italia inizia con Diener, Belinelli, Rosselli, Aradori e Cusin. Il Montenegro risponde con Popovic, Rice, Sehovic, Dasic e Dubljevic. Gli azzurri iniziano subito con la mano caldissima: Belinelli e Travis Diener sono l’emblema di una squadra letteralmente “on fire” e piazzano un 4/4 iniziale dall’arco che mette in guarda i montenegrini. Il play naturalizzato Rice, che sostituisce temporaneamente il senese Rochestie, non riesce a mettere in ritmo Vucevic, stella del team. I ragazzi di Pianigiani però sono costretti a privarsi del Beli per problemi di falli e il Montenegro rimonta fino al 23-22.

Gli azzurri però tornano sul parquet ancor più motivati: stavolta a condurre le danze è la coppia targata Olimpia Milano. Nicolò Melli ed Alessandro Gentile combinano 9 punti in pochi minuti, riuscendo così a imporsi con un parziale di 15-5 che dà agli azzurri il primo vantaggio in doppia cifra sul 38-27. L’Italia tocca addirittura il massimo scarto quando il tabellone dice 44-30, ma un mini-parziale finale riesce a portare Rice e compagni all’intervallo sotto la doppia cifra di svantaggio: 44-35.

E’ ancora l’Italia ad iniziare il periodo con un break, che stavolta ammonta a 5-0. Dall’altra parte però i ragazzi di coach Pavicevic non sono intenzionati a darla per vinta facilmente e reagiscono con un clamoroso parziale di 13-0, causato da due tecnici fischiati a Simone Pianigiani e Travis Diener. L’Italia paga tali ingenuità vedendo il suo vantaggio assottigliarsi fino ad un solo punto. Conseguentemente però arrivano altri due tecnici, stavolta ai montenegrini, che vedono anche un proprio dirigente allontanato dal parquet di gioco. L’Italia dunque si fa furba e affidandosi a Pietro Aradori e Marco Belinelli torna a condurre stabilmente sul 71-52. L’ultimo quarto è pura amministrazione per Beli e compagni, visto il continuare della pioggia di antisportivi e tecnici sul Montenegro. Vitali mette la bomba del massimo vantaggio, il match si chiude sull’89-73.

Italia-Montenegro 89-73 (23-22, 21-13, 27-17, 18-21)

ITALIA: Cavaliero 3, Mancinelli, Poeta, Melli 12, Vitali 3, Cusin* 7, Diener* 12, Gigli 2, Rosselli* 2, Belinelli* 21, Gentile 13, Aradori* 14. All: Pianigiani
MONTENEGRO: Vucevic 9, Bakic, Su.Sehovic * 8, Popovic* 16, Se.Sehovic  4, Sekulic, Rice* 13, Bjelica 6, M.Popovic , Dubljevic* 8, Dasic* 5, Ivanovic 4. All: Pavicevic

Tiri da due: Ita 16/26, Mon 21/37; tiri da tre Ita 13/24, Mon 4/19; tiri liberi Ita 18/27, Mon 19/22. Rimbalzi Ita 31 (5 Aradori), Mon 32 (9 Vucevic). Assist Ita 24 (6 Diener), Mon 11 (Rice)

Note: Fallo tecnico a Diener (’24, 49-41), fallo tecnico a Pianigiani (’25, 49-47), fallo tecnico a Pavicevic (’27, 59-50), fallo tecnico alla panchina del Montenegro (’30, 66-52). Fallo antisportivo a Bjelica (’32, 71-54)

Arbitri: Poljansek, Rener, Zovko

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy