L’Italia batte anche la Bulgaria e vince il Trofeo Diego Gianatti

L’Italia batte anche la Bulgaria e vince il Trofeo Diego Gianatti

Commenta per primo!

La prova azzurra, però, va oltre la vittoria. Anche senza Andrea Bargnani, che da martedì prossimo, dal raduno di Roma, tornerà ad allenarsi con la squadra e le altre assenze importanti di Mordente, Cinciarini, Maestranzi e Cavaliero per l’Italia l’intero torneo è stato un test significativo: “ Per me è importante trovare un linguaggio comune in campo – ha dichiarato il ct Simone Pianigiani- e finché c’è stata brillantezza questo si è visto. Abbiamo letto bene le situazioni, giocando insieme. Forse siamo ancora teneri in difesa. Mi è piaciuto il fatto che anche quando c’è stato calo fisico c’era comunque il desiderio di portare via la vittoria per quanto sia simbolica.
“Anche quando eravamo stanchi infatti –spiega Pianigiani- abbiamo resistito e questo è buon segnale di carattere e mentalità. Nella zona siamo indietro, e le cose da aggiustare sono tante. Devo anche dire che le cose che volevamo provare in questo raduno più o meno le abbiamo fatte. Volevamo farle con tutti i giocatori ma ora che è risolta la situazione anche con Andrea possiamo farlo.
“Da martedì –continua Pianigiani- abbiamo un giocatore di talento in più. E’ la prima volta che le nostre tre prime punte possono giocare insieme e possiamo andare sui dettagli. Abbiamo delle caratteristiche, ci esponiamo a cercarle. Alcune cose sono quelle che ci devono permettere di stare in partita. Se noi non difendiamo non c’è attacco o rimbalzo che tiene. Stiamo lavorando nei recuperi per rimediare a quello che perdiamo sui rimbalzi. Noi non possiamo vendere fumo. Questo è un momento di ripartenza. Possiamo solo crescere.”
E’ stata una gara corale: Mancinelli si tuffa in difesa, recupera palloni, in attacco velocizza la manovra e distribuisce assist: non male per un ala forte.
Belinelli cava le castagne dal fuoco: rintuzza tutti i tentativi della Bulgaria di recuperare.
Gallinari spinge avanti la squadra, anche solo con i tiri liberi segnandone tredici in fila prima di sbagliarne uno. Chiuderà con 15/16 e 20 punti, suo record in Nazionale.
Ma poi c’è il grande lavoro sotto canestro di Cusin e Renzi, la difesa e il contropiede di Hackett, la capacità di tutti di recuperare alle crisi quando di presentano sotto forma di un scelte affrettate o di distrazioni difensive. E poi ci sono i cinque punti consecutivi di Luca Vitali che sono una buona notizia.
Datome spinge, lotta, difende, mette in difficoltà l’attacco Bulgaro. L’Italia prende cosi un primo vantaggio al 17’ (43-29), ma tre triple bulgare tra Videnov e Velikov rimettono in discussione tutto (45-38 al 20’)
La Bulgaria è sostanzialmente una squadra tosta, coriacea, con giocatori dal fisico quadrato, come i gemelli Ivanov e il centro Banevv, lottatori al limiti del fallo, che non si lasciano intimorire facilmente. Non si lasciano staccare facilmente, sono sempre a ruota, sempre pericolosi. 
L’Italia con le giocate di Belinelli e Mancinelli si mette a distanza di sicurezza (64-52 al 29’) e stringe in difesa provando con la zona 3-2 a mettere ancora di più in difficoltà la Bulgaria.
Due tecnici alla panchina bulgara riscaldano l’ambiente: si lotta su ogni palla, la partita si fa nervosa, l’Italia diviene progressivamente meno lucida, cerca soluzioni individuali e la Bulgaria che si trova a proprio agio nella confusione, recupera fino a -5 (79-74) a 59 secondi dalla fine.
L’Italia stringe i denti, con Datome recupera un rimbalzo offensivo su tiro di Belinelli, gestisce la palla. Sul fallo sistematico bulgaro Belinelli va ai liberi. Uno fuori, uno dentro e l’Italia vince 80-74.

La Nazionale di basket tornerà a radunarsi martedì 2 agosto a Roma. Al raduno è sarà presente anche Nicolò Melli, che la scorsa settimana con la Nazionale under 20 ha vinto la medaglia d’argento all’Europeo di categoria a Bilbao.

ITALIA-BULGARIA 80- 74 ( 28- 19, 45- 40, 66- 54, 80- 74)
ITALIA: Poeta 4 (0/0,0/1,4/6), Mancinelli 4 (2/5,0/2,0/0), Gallinari 20 (1/4,1/3,15/16), Vitali 5 (2/2,0/0,1/1), Cusin 11 (5/5,0/0,1/2), Datome 2 (0/3,0/0,2/2), Renzi 8 (4/5,0/0,0/0), Hackett 4 (2/4,0/0,0/2), Belinelli 19 (8/17,0/5,3/6), Carraretto 3 (1/2,0/3,1/2), ITALIA: T2:25/47, T3:1/14, TL:27/37, FF: 22, FS: 27, PP: 6, PR: 9, RD: 24, RA: 8, RT:32. Allenatore: Simone Pianigiani. Assistente: Luca Dalmonte.
BULGARIA: Ivanov 12 (4/6,1/3,1/1), Ivanov 10 (3/6,0/1,4/4), Avramov 7 (1/1,1/2,2/2), Kostov 11 (4/4,1/5,0/0), Videnov 18 (3/4,3/8,3/4), Marinov 3 (0/1,1/1,0/0), Georgiev 4 (0/1,0/0,4/4), Lilov, Georgiev 0 (0/1,0/2,0/0), Velikov 5 (0/0,1/3,2/4), Banev 2 (1/2,0/0,0/2), Varbanov 2 (1/2,0/0,0/0), BULGARIA: T2:17/28, T3:8/25, TL:16/21, FF: 27, FS: 22, PP: 18, PR: 3, RD: 28, RA: 7, RT:35. Allenatore: Rosen Barchovski. Assistente: Ivan Cholakov.
Arbitri: FACCHINI Fabio,MATTIOLI Gianluca,BEGNIS Roberto. Spettatori: 800.
Note: 5 falli: Mancinelli (79-74, al 40’). Due falli tecnici alla panchina bulgara al 33’ (70-61) e al 34’ (72-63)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy