L’Italia di Pianigiani è incontenibile, buona la prima in Trentino

L’Italia di Pianigiani è incontenibile, buona la prima in Trentino

Commenta per primo!

Italia: Gentile, Cusin, Datome, Melli, Cinciarini.

Olanda: De Jong, Kloof, Akerborm, Schaftenaar, Norel.

Prima partita del torneo trentino per l’Italia e subito tante emozioni scaturite dal gioco azzurro. I ragazzi di coach Pianigiani sono apparsi subito in grado di imporre il proprio gioco contro questa Olanda che ancora  ha molto da fare per arrivare pronta all’appuntamento europeo di Settembre. Datome in particolare nella prima frazione è apparso in gran forma ed a tratti incontenibile per la difesa olandese. Nel secondo periodo di gioco la squadra di coach Pianigiani si è limitata a gestire il risultato senza rischiare particolarmente ma garantendo un importante fluidità di gioco. Questo primo test della nostra nazionale, sebbene disputato contro un avversario di livello nettamente inferiore ha sottolineato il buon lavoro fin qui svolto dagli azzurri.

PRIMO TEMPO: Prima partita della nazionale italiana nella Trentino Basket Cup. Le squadre partono molto solide in difesa facendo subito intuire quanto conti per i due allenatori questo confronto pre Europeo. Ad andare a segno per prima è l’Italia grazie ai due liberi conquistati e realizzati da Gigi Datome. La squadra olandese non si fa intimidire dal buon inizio azzurro e realizza una tripla portandosi sul 3-2. Datome sembra ispirato e sul capovolgimento di fronte porta a casa altri due punti per i suoi compagni 5-3. Molto attiva a rimbalzo la squadra dei Paesi Bassi, conquista buoni possessi in attacco e realizza portandosi sul +4 (5-9). Perde ancora palla banalmente la squadra di coach Pianigiani permettendo il contropiede olandese guidato da De Jong che realizza per il momentaneo +7 (5-12). E’ Nicolò Melli ad accorciare le distanze per i suoi con due bellissime bombe 11-14. Datome con un bellissimo backdoor elude la difesa olandese e va a segno realizzando il -1 Italia (13-14). Il quarto si chiude senza altre particolari emozioni sul risultato di 16-14 per gli azzurri.

La squadra olandese riparte subito aggressiva agguantando immediatamente il pareggio con Kherrazi (16-16). L’Italia tenta l’allungo grazie alla bomba di Polonara prima e di Cianciarini poi (22-16). Kherrazi e Slagter riportano l’Olanda in partita sul risultato di 23-21. La compagine azzurra sembra comunque fare la partita, Cusin imperioso in difesa recupera palla e fa ripartire i suoi consegnando a Gentile il tiro del 27-21. La squadra nordica d’altro canto fa fatica a trovare delle buone soluzioni in attacco, facilitando il gioco in contropiede dell’Italia. E’ Datome a sancire con una tripla dall’angolo il break azzurro 29-23. Il numero 13 azzurro sembra davvero scatenato e motivato, dopo l’ennesima palla recuperata dalla difesa italiana realizza il 35-23 per i padroni di casa, obbligando coach Van Helfteren a chiamare time-out. Il time-out non sembra essere stato particolarmente efficace, Datome è lasciato ancora colpevolmente libero di inventare e porta i suoi sul 37-23. Sono 14 i punti realizzati da lui fino a questo punto del match. Gli ospiti però non ci stanno a subire l’iniziativa italiana e cercano una reazione sul finale di quarto. Accorciano il punteggio grazie ad un iniziativa personale di Kloof portandosi  sul 38-29. L’Italia appare però in pieno controllo del match chiudendo il primo tempo sul risultato di 40-29.

SECONDO TEMPO:

Il secondo tempo del match comincia con il canestro da due punti di Schaftenaar,a cui risponde immediatamente Hackett (42-31). L’Italia appare sempre molto compatta in difesa creando immense difficoltà all’attacco olandese. Datome si trova per l’ennesima volta in questa partita libero dall’angolo e non può fare altro che stracciare la retina portando i suoi sul momentaneo +14. A questo punto della gara la squadra di Pianigiani sembra avere il pieno controllo dell’incontro. Melli penetra e scrive 49-31 sul tabellino. L’olanda prova a reagire conquistando due liberi ma non realizza dimostrando tutte le difficoltà nel dare continuità nella fase offensiva. Il quarto continua favorevole alla squadra azzurra che mantiene il controllo sulla gara e chiude il quarto sul 55-39.

L’ultimo periodo vede gli azzurri amministrare il risultato costruito. L’Olanda prova una reazione portandosi sul 55-39 per mano del solito Schaftenaar, subito stroncata da una bomba di Achille Polonara. La squadra di casa appare fisicamente molto fresca e capace di gestire bene la fisicità dei centri olandesi. L’incontro procede in un unico senso favorevole ai giocatori di Pianigiani. La compagine nord europea prova a spezzare il ritmo con l’ennesimo time-out. La partita non appare più regalare ulteriori emozioni sebbene l’Olanda si renda protagonista di una abbozzo di rimonta nei minuti finali dell’ultimo quarto. Gli azzurri però sono in grado di mantenere una buona padronanza del gioco e del ritmo della gara chiudendo le ostilità sul punteggio di 64-52.

MVP: Luigi Datome

ITALIA-OLANDA 64-52 (16-14, 24-15, 15-10, 9-13)

ITALIA: Della Valle 2, Aradori 7, Gentile 9, Poeta 0, Vitali 2, Cusin 3, Datome 19, Cervi 0, Melli 8, Cinciarini 4, Hackett 3, Pascolo 0, Polonara 7.

OLANDA: Kloof 10, Kherrazi 4, De Pagter 0, Akerboom 7, Schaftenaar 8, De Jong 6, Norel 2, Cunningham 3, Slagter 6.

Il secondo impegno della Trentino Basket Cup vede gli Azzurri in campo domani (ore 20.30 Sky Sport 1 HD, collegamento alle 20.20) contro l’Austria, squadra che lo scorso anno è finita terza nel girone di qualificazione vinto dalla Polonia davanti alla Germania. Nel 2012 non hanno superato il First Qualifying Round finendo dietro la Svizzera (poi avversaria dell’Italia) per differenza canestri. Lo sloveno naturalizzato austriaco Mahalbasic è stato uno dei bomber più prolifici di tutto il Second Qualifying Round. Nel pomeriggio (ore 18.00, Sky Sport 1 HD) il match tra Paesi Bassi e Germania.
Dopo il torneo di Trento coach Pianigiani concederà alla squadra due giorni di riposo. Gli Azzurri si ritroveranno il 4 agosto a Trieste per proseguire la preparazione verso EuroBasket 2015.
Il tabellino dell’altra partita
Germania-Austria 64-52 (15-13, 14-11, 7-6, 28-22)
Germania: Vargas 2 (0/1, 0/1), Lo 4 (2/5, 0/1), Giffey 4 (0/1, 0/2), King 5 (1/2, 1/4), Schaffartzik 9 (0/1, 3/5), Tadda 5 (1/3, 1/2), Benzing 9 (1/2, 2/2), Zipser 5 (1/3, 1/3), Zirbes 6 (3/3), Voigtmann 8 (4/7) N.E.: Doreth
Tiri Liberi: 7/7 – Rimbalzi: 29 22+7 (Voigtmann 11) – Assist: 9 (Vargas, King, Tadda 2)
Austria: Schreiner 12 (3/3, 2/8), Friedrich, Murati 8 (1/5, 2/3), Poltl 5 (2/4), Rados 11 (5/9), Hausenburger 4 (2/6, 0/1), Viedier 3 (1/3 da tre), Lanegger 0 (0/1, 0/1), Maresch 3 (1/8, 0/2), Kramer 6 (1/4, 1/2) N.E.: Ogunsipe
Tiri Liberi: 4/8 – Rimbalzi: 27 20+7 (Poltl, Kramer 5) – Assist: 12 (Schreiner 6)

Fotogallery a cura di Andrea Marocco

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy