Presentato coach Capobianco: “Orgoglioso di ricoprire questo incarico”

Presentato coach Capobianco: “Orgoglioso di ricoprire questo incarico”

Commenta per primo!

E’ stata la giornata di coach Andrea Capobianco. Stamattina la Fip ha infatti presentato alla stampa il nuovo allenatore delle azzurre.

A introdurre il tutto ci ha pensato Petrucci: “Dopo questi anni con Ricchini, ho ritenuto necessario che andasse fatta una modifica. Ho parlato con tutti i presidenti della serie A e ho detto loro di non prendere le giocatrici che si rifiutano di giocare per la nostra Nazionale, la maglia azzurra bisogna volerla fortemente, non deve essere un peso.
Abbiamo ottenuto quest’estate una grossa visibilità con gli Europei, dovremmo essere bravi a sfruttarla, i risultati raggiunti a livello mediatico sono stati grandiosi, eravamo sulle prime pagine dei maggiori quotidiani sportivi, ma per ottenere sempre più popolarità e importanza dobbiamo vincere perché sono le vittorie che ci regalano la popolarità in Italia. Infatti il risultato di quest’estate è stato che il Presidente del CONI è rimasto molto contento e ci rimarrà vicino, sostenendoci con la candidatura all’organizzazione del Pre-Olimpico a Torino. Dopo gli Europei ho telefonato sia alla Masciadri, sia a Sottana, che già non vedono l’ora di tornare a giocare per la Nazionale e lo faranno benissimo in questi giorni. La scelta è caduta su Capobianco perché vogliamo uniformare il più possibile il Settore Maschile e il Settore Femminile. Nonostante questo, Capobianco non sarà a mezzo servizio, si sono già incontrati con Bocchino e Lucchesi per organizzare il programma e il lavoro da fare con entrambe le nazionali. Non mi resta che fare un grosso in bocca al lupo al nuovo CT, Andrea Capobianco.”

Anche il coach della nazionale maschile Pianigiani ha commentato questa decisione: “Sono molto contento della scelta di Andrea, perché ho sposato in pieno il progetto della Federazione di utilizzare tutte le eccellenze presenti all’interno. Credo che sia giustissimo unire le competenze di tutti quanti per cercare di formare uno staff di primissimo livello. Oltretutto sono felice in questo momento perché è sicuramente un bellissimo periodo per poter lavorare con la Nazionale, sia maschile che femminile.”

Ha poi preso la parola il protagonista di giornata, coach Andrea Capobianco: “Lo ammetto, sono molto emozionato, quando ho ricevuto la chiamata del Presidente ho accettato subito la proposta, era il mio sogno nel cassetto poter allenare la Nazionale del mio Paese. Io sono un ottimista di natura, mi piace esserlo sempre, anche quando siamo sfavoriti. Nel torneo di Mannheim dovevamo affrontare la Turchia e gli USA, ci dicevano tutti che era impossibile giocare, ma io ho detto ai ragazzi che bisognava scendere in campo per giocare e non per sentire quello che veniva detto e infatti siamo riusciti a trionfare contro ogni aspettativa. Sono stato a Napoli per cercare di parlare con le giocatrici, sono convinto che bisogna prima parlarci e poi, soprattutto capirle, è molto importante, solo così ho potuto percepire l’entusiasmo che si portano dietro. Sono uno a cui piace tanto lavoro, tutti vedono la partita, ma quello che si vede in partita viene costruito sempre con il lavoro in palestra. Per quanto riguarda il doppio lavoro, credo che sia molto fattibile, mi sono già incontrato con gli altri per stabilire un programma di massima per cercare di realizzare il lavoro sia con il Settore Giovanile Maschile, sia con la Nazionale Femminile e sono convinto che si potrà fare nel migliore dei modi, lo dimostrano i recenti risultati: abbiamo disputato due Mondiali giovanili, siamo tornati tra i migliori al mondo e possiamo migliorare. Parlando con le ragazze ho notato molto entusiasmo da parte loro, vedremo se dopo il primo allenamento la penseranno in questo modo… (ride). A parte gli scherzi, non mi interessa essere simpatico o antipatico, dobbiamo essere prima di tutti onesti e poi cercare di vivere con le giocatrici per cercare di capirle”.

Presente anche la capitana Masciadri: ” Ringrazio prima di tutto il Presidente e gli altri per averci regalato tutta questa importanza, ma ci terrei a ringraziare anche Ricchini e il suo staff con cui ci siamo trovate benissimo. Inoltre, sono stati in grado di portarci tantissimo entusiasmo. Mi piace citare le parole di Danilo Gallinari di quest’estate, sinceramente mi sono stufata anche io di perdere con la Nazionale. Ho vinto tanto con le mie squadre di Club, ma ora voglio vincere qualcosa di importante anche con la Nazionale. Non ho mai pensato di smettere, voglio continuare a giocare con questa maglia ancora, c’è tantissimo entusiasmo, ma dobbiamo essere brave a trasformare questo entusiasmo in qualcosa di più importante come il successo e le vittorie”.

Infine,è tornato a parlare Petrucci ” Non mi nascondo, è chiaro che il nostro obiettivo sono le Olimpiadi, dobbiamo tornare a fare le Olimpiadi. La grossa differenza tra il calcio e il basket è sulla concezione delle Olimpiadi: se nel calcio non si va alle Olimpiadi si cercano degli alibi e si cerca di minimizzare il tutto, mentre nel basket è diverso, sono importantissime, ti confronti con tutto il mondo, sono il FARO dello sport. Anche con la femminile possiamo sicuramente tornare a competere alle Olimpiadi, dobbiamo portarci sia i nostri ragazzi che le nostre ragazze”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy