Gli USA alle Olimpiadi senza Chris Paul

Gli USA alle Olimpiadi senza Chris Paul

Dopo Anthony Davis, anche Chris Paul annuncia il suo forfait nella corsa per un posto alle Olimpiadi.

Commenta per primo!

Dopo Anthony Davis, anche Chris Paul annuncia il suo forfait nella corsa per un posto alle Olimpiadi. L’ufficialità è arrivata con una dichiarazione a Sports Illustrated, una decisione che probabilmente significa la fine della sua carriera internazionale: “Sento che il mio corpo mi sta dicendo che potrei utilizzare meglio questo tempo (riferendosi alla prossima estate, ndr)”.

CP3 aveva partecipato alle campagne olimpiche del 2008 e 2012 (entrambe a segno con la medaglia d’oro), ma anche alla Coppa del Mondo del 2006 in Giappone (chiusa con un bronzo).

A questo punto – sui 31 preoconvocati – rimangono 29 nomi in lizza: LaMarcus Aldridge (San Antonio Spurs) Carmelo Anthony (New York Knicks) Harrison Barnes (Golden State Warriors) Bradley Beal (Washington Wizards) Jimmy Butler (Chicago Bulls) Mike Conley (Memphis Grizzlies) DeMarcus Cousins ​​(Sacramento Kings) Stephen Curry (Golden State Warriors) DeMar DeRozan (Toronto Raptors) Andre Drummond (Detroit Pistons) Kevin Durant (Oklahoma City Thunder) Kenneth Faried (Denver Nuggets) Rudy gay (Sacramento Kings) Paul George (Indiana Pacers) Draymond Green (Golden State Warriors) Blake Griffin (Los Angeles Clippers) James Harden (Houston Rockets) Gordon Hayward (Utah Jazz) Dwight Howard (Houston Rockets) Andre Iguodala (Golden State Warriors) Kyrie Irving (Cleveland Cavaliers) LeBron James (Cleveland Cavaliers) DeAndre Jordan (Los Angeles Clippers) Kawhi Leonard ( San Antonio Spurs) Kevin Love (Cleveland Cavaliers) Klay Thompson (Golden State Warriors) John Wall (Washington Wizards) Russell Westbrook (Oklahoma City Thunder).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy