Road to Rio: Brasile

Analizziamo la squadra e la storia dei padroni di casa di questa Olimpiade.

La selezione maschile brasiliana di basket non ha una grandissima tradizione alle olimpiade. Il Brasile ha vinto 3 medaglie di bronzo nella sua storia alle olimpiadi, rispettivamente a Londra 1948, Roma 1960 e Tokyo 1964. Tra Seul, Barcelona e Atlanta ha ottenuto due quinti posti e un sesto posto, per poi non partecipare a ben 3 olimpiadi consecutive. Il riscatto è avvenuto a Londra 2012 con un ottimo quinto posto, a ridosso della zona a medaglie. Questo risultato ha fatto ben sperare per la recente Olimpiade di Rio, il quale vedrà il Brasile come padrone di casa.

Road to Rio: Il Brasile ospita questa Olimpiade di Rio, con il fattore campo dalla propria parte. La compagine brasiliana arriva da un oro ottenuto ai giochi Panamericani di Toronto nel 2015, battendo in finale il Canada abbastanza nettamente.

Roster:

Leandro Barbosa – 28/11/1982 194 cm (Phoenix Suns)

Vitor Benite –  20/2/1990 190 cm (Murcia)

Alex Garcia – 4/3/1980 192 cm (Bauru)

Guilherme Giovannoni  – 2/6/1980 204 cm  (UniCEUB Brasilia)

Rafael Hettsheimeir –  16/6/1986 208 cm (Bauru)

Nene Hilario – 13/9/1982 211 cm (Houston Rockets)

Marcelinho Huertas –  25/5/1983 191 cm (Los Angeles Lakers)

Augusto Lima – 17/9/1991 206 cm (Zalgiris Kaunas)

Rafael Luz – 11/2/1992 188 cm (Laboral Kutxa)

Marcus Vinicius Marquinhos –  31/5/1984 207 cm (Flamengo)

Raulzinho Neto 19/5/1992 192 cm (Utah Jazz)

Cristiano Felicio – 07/07/1992 208 cm (Chicago Bulls)

Coach: Ruben Magnano

Calendario:

Brasile – Lituania (Domenica 7 agosto)

Spagna – Brasile (Martedì 9 agosto)

Brasile – Croazia (Giovedì 11 agosto)

Argentina – Brasile (Sabato 13 agosto)

Nigeria – Brasile ( Lunedì 15 agosto)

 

Brasile che si affida all’esperienza e al talento della coppia di guardie titolari NBA, ovvero Marcelinho Huertas e Leandro Barbosa. Fondamentale il loro pick and roll (il quale perde un giocatore fondamentale come Anderson Varejao fuori per infortunio) con Nene, Lima e Hettsheimeir. Da confermare tutti i bei progressi visti quest’anno in maglia Jazz per Raul Neto. Il pubblico di casa sarà l’arma in più di questa squadra, che vede nel suo roster giocatori storici della nazionale come Giovannoni e Marquinhos visti anche in Italia. Il quarto di finale è un obbiettivo concreto, poi sognare è lecito.

Pronostico BasketInside.com : Quarti di Finale. Obiettivo minimo per una squadra non giovane, ma che si gioca tanto nell’Olimpiade di casa e che probabilmente vede all’ultimo ballo molti dei suoi giocatori fondamentali, Barbosa e Huertas su tutti.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy