Road to Rio: Francia

Analisi della Francia alla viglia dell’Olimpiade di Rio de Janeiro. Dal debutto del 1936 al PreOlimpico di Manila, dai convocati di Collet al calendario delle gare. Tutto quello che c’è da sapere sulla nazionale transalpina in vista dei giochi a cinque cerchi.

Commenta per primo!

La storia della Francia alle Olimpiadi è vecchia tanto quanto la storia della pallacanestro nel torneo a 5 cerchi. A Berlino nel 1936 c’era anche la nazionale transalpina ad inaugurare l’entrata del basket nel palinsesto olimpico e in quell’anno la competizione non sorrise ai galletti che vennero estromessi dal torneo nel primo turno eliminatorio perdendo 34-29 contro l’Estonia. Gli archivi riportano che la Francia chiuse al 19°posto quel torneo, ex equo con Belgio e Turchia. Dopo le vicende belliche le Olimpiadi tornarono a disputarsi a Londra, nel 1948, e ancora una volta la Francia era ai nastri di partenza. Stavolta le sorti della squadra francese, allenata da Robert Busnel (che dal 1984 al 1990 divenne presidente della Fiba), cambiarono decisamente. I transalpini superarono agevolmente il girone eliminatorio, batterono il Cile 53-52 ai quarti e il Brasile 43-33 in semifinale prima di trovarsi davanti l’armata USA che strapazzò i galletti 65-21 nella finale britannica. Nonostante questo il 13 agosto 1948 è un giorno storico per la Francia che ottenne la prima medaglia olimpica nel basket della sua storia, ovviamente d’argento. Le edizioni del 1952 e del 1960 non sorrisero alla Francia che si dovette accontentare, rispettivamente, di un ottavo e di un decimo posto ma nel mezzo ci furono le Olimpiadi di Melbourne del 1956 e la squadra transalpina arrivò sino alle semifinali, perse contro l’URRS. Nella finale per il terzo posto i blues si fecero sorprendere dall’Uruguay e si ritrovano ai piedi del podio, chiudendo al quarto posto la spedizione olimpica in Australia. Per rivedere la Francia alle Olimpiadi, dopo il citato decimo posto del 1960, bisogna attendere 24 anni e i giochi di Los Angeles del 1984. La squadra transalpina, però, perse tutte e cinque le gare del girone eliminatorio e si consolò soltanto vincendo la finale per l’undicesimo posto contro l’Egitto 102-78. Trascorsi altri 16 anni si rivede la Francia alle Olimpiadi di Sidney nel 2000. Dopo aver superato il girone eliminatorio, i blues superano il Canada 68-63 ai quarti e l’Australia 72-56 in semifinale, con 16 punti e 7 assist di Laurent Sciarra, playmaker che qualche anno prima aveva giocato per Treviso. La Francia torna in finale 52 anni dopo e ad aspettarla c’è, neanche a dirlo, Team Usa. La finale è più combattuta rispetto a quella del ’48, il top scorer del match è Sciarra con 19 punti ma a trionfare sono ancora gli States 85-75 con 13 punti di Ray Allen e Vince Carter. La Francia ottiene ancora una medaglia alle Olimpiadi e ancora una volta è quella d’argento. L’ultima apparizione dei transalpini nei giochi a 5 cerchi è quella del 2012. La squadra di Collet supera agevolmente il girone eliminatorio ma nel tabellone dei quarti di finale si trova davanti la Spagna. La gara è equilibrata, i blues restano davanti per i primi tre quarti ma negli ultimi 10 minuti crollano e perdono 59-66. Si torna a casa con molti rimpianti e con un sesto posto che sembra non rendere merito al gruppo che è molto forte e che, infatti, un anno dopo trionferà agli Europei in Slovenia.

Road To Rio: In questa edizione delle Olimpiadi la Francia si è dovuta confrontare con il torneo Pre Olimpico di Manila, dopo aver chiuso al terzo posto gli Europei 2015. Il torneo Pre Olimpico nelle Filippine vede i transalpini inseriti nel gruppo B proprio con i padroni di casa e con la Nuova Zelanda. La squadra di Collet vince entrambe le gare del girone (93-84 con le Filippine e 66-59 con la Nuova Zelanda) e si ritrova in semifinale contro la Turchia. La partita è ostica ma la grande prestazione di Heurteul, autore di 17 punti e 4 assist, consente ai blues di piegare la resistenza turca 75-63 e di raggiungere la finale contro il Canada. Nell’atto finale a salire in cattedra è Tony Parker che mette a segno 26 punti e trascina i suoi a Rio con la gara che si chiude sul 84-73.

Convocati (Allenatore Vincent Collet)

#4 Thomas Heurtel (G, Anadolu Efes)

#5 Nicolas Batum (G/AP, Charlotte Hornets)

#6 Antoine Diot (P, Valencia)

#7 Joffrey Lauvergne (C, Denver Nuggets)

#8 Charles Kahudi (AP, Asvel)

#9 Tony Parker (P, San Antonio Spurs)

#10 Evan Fournier (G, Orlando Magic)

#11 Florent Pietrus (AP, Nancy)

#12 Nando De Colo (P/G, CSKA Mosca)

#13 Boris Diaw (AG, Utah Jazz)

#14 Rudy Gobert (C, Utah Jazz)

#15 Mickael Gelabale (AP, Le Mans)

Calendario 

1^ giornata: Australia – Francia (6 agosto 2016 ore 14:15)

2^ giornata: Francia – Cina (8 agosto 2016 ore 22:30)

3^ giornata: Francia – Serbia (10 agosto ore 14:15)

4^ giornata: Francia – Venezuela (12 agosto ore 22:30)

5^ giornata: Stati Uniti – Francia (14 agosto ore 14:15)

La Francia si presenta alle Olimpiadi di Rio de Janeiro con la consapevolezza di avere un roster di tutto rispetto che può ambire ad arrivare in fondo. Il gruppo non è proibitivo, ci sono squadre come Venezuela, Australia e Cina che sembrano molto al di sotto dei blues e per questo andare avanti e superare il girone eliminatorio sembra un obbligo. Avere in squadra un Nando De Colo reduce dalla vittoria dell’Eurolega, Tony Parker e Thomas Heurtel che sono sembrati in grande spolvero nel Pre Olimpico significa avere un reparto piccoli che garantirà spettacolo e punti. Nel reparto lunghi è stato convocato Gobert perché la squadra ha bisogno di peso sotto canestro e soprattutto in difesa, anche se la presenza di Diaw è una buona garanzia.

Pronostico BasketInside: Semifinale

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy