Road to Rio: Serbia

Road to Rio: Serbia

Il talento è da podio, ma riusciranno i serbi a ritornare ai fasti di un tempo?

Commenta per primo!

Se si prende in considerazione come nazione unica e indipendente, la storia della Serbia alle Olimpiadi è ancora tutta da scrivere: questa sarà infatti la sua prima edizione (escluse quindi Serbia & Montenegro e Yugoslavia) nel torneo olimpico di pallacanestro.

La Yugoslavia ha collezionato, dal 1960 al 1988, una medaglia d’oro (storica edizione di Mosca ’80, nella cui finale batté un’Italia che al turno precedente aveva messo sotto addirittura i padroni di casa dell’Armata Rossa), 3 argenti (Città del Messico ’68, Montreal ’76, Seoul ’88), un bronzo (Los Angeles ’84), un quinto, un sesto e un settimo posto.
La Nazionale serba/yugoslava fu bandita dalle Olimpiadi del ’92 a causa della guerra nei Balcani, ma tornò a conquistare uno splendido argento nel 1996, sempre sotto il nome “Yugoslavia”; nel 2000 la Yugoslavia perse ai quarti contro una grande Lituania e finì sesta appena dietro agli Azzurri, mentre ad Atene 2004 esordì come “Serbia & Montenegro”, chiudendo addirittura undicesima.
I serbi non sono riusciti a qualificarsi per le due edizioni successive, mentre a Rio 2016 cercheranno di riprendersi quel podio Olimpico su cui non salgono da ormai 20 anni.

Road to Rio:
La Serbia ha vinto il torneo di qualificazione giocato in casa, a Belgrado; ha battuto Porto Rico e Angola al primo turno, quindi Repubblica Ceca in semifinale e ancora Porto Rico nella finalissima.

Convocati:

Miloš Teodosić
Marko Simonović
Milan Mačvan
Bogdan Bogdanović
Stefan Marković
Nikola Kalinić
Nemanja Nedović
Stefan Birčević
Miroslav Raduljica
Nikola Jokić
Vladimir Štimac
Stefan Jović

Allenatore: Saša Djordjević

 

La Serbia è nel Girone A con Stati Uniti, Venezuela, Australia, Francia e Cina.

Calendario gare:

6 agosto: Venezuela – Serbia
8 agosto: Serbia – Australia
10 agosto: Serbia – Francia
12 agosto: USA – Serbia
14 agosto: Serbia – Cina

Se i serbi sono in palla se la giocano con tutti, Stati Uniti compresi. Il passaggio del primo turno è quasi scontato, da lì in poi potrebbero crollare subito come volare in finale, a seconda di come Teodosić e soci si svegliano al mattino. Il gruppo tuttavia è compatto e hanno in Djordjević un ottimo condottiero.
L’assenza di Nemanja Bjelica pesa sicuramente, la sua versatilità sarebbe stata certamente un valore aggiunto in caso d’incontro delle corazzate avversarie, dai quarti di finale in poi.

Pronostico Basketinside:
La semifinale sembra plausibile.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy