Blake Griffin dai guai con lo Staff alla possibile trade

Blake Griffin dai guai con lo Staff alla possibile trade

Nervi tesi per Blake Griffin a Los Angeles: possibilità di trade? Ecco 5 possibili destinazioni nel caso in cui i Clippers decidessero di liberarsi di lui

Commenta per primo!

 

I Clippers continuano a giocare bene pure senza Blake Griffin, che sarà costretto a rimanere fermo ai Box per almeno 2 mesi dopo essersi rotto la mano sferrando un pugno ad un membro dello Staff tecnico della squadra. Tuttavia la squadra non ha risentito della sua assenza, anzi, Chris Paul e DeAndre Jordan sembrano essere armi offensive adeguate all’attuale concorrenza in Western Conference. Alla luce di ciò critica e tifosi si domandano se nn sia il caso di tradare Blake fin tanto che è ancora un pezzo appetibile per il mercato. Una domanda questa, che profuma di FantaNBA ma che allo stesso tempo ha suscitato molto interesse tra gli insider americani che, visto lo stagnante mercato dei losangelini e i dubbi derivanti dalla Free Agency 2017 (anno in cui Griffin sarà freeagent), hanno deciso di ipotizzare possibili trade di mercato per la squadra di Doc Rivers. Il primo, inutile dirlo, è stato Zach Lowe, che venerdì scorso su Espn.com ha ipotizzato 5 possibili trade che potrebbero coinvolgere Blake Griffin, descrivendone vantaggi e svantaggi.Le ipotesi di Lowe partono da due certezze: la prima è che i Clippers, anche con Griffin, attualmente siano un passo indietro rispetto alle rivali più quotate come Spurs, Thunder e Warriors; la seconda è che i Clippers desiderino vincere nel presente e quindi non abbiano  un progetto a lungo termine. Solo considerando questi parametri, suddette fantasie di mercato potrebbero trovare credito.

 

Blake Griffin contro Chris Bosh

1-Blake Griffin agli Heat in cambio di Chris Bosh;

questa idea è stata inizialmente lanciata da Bill Simmons in un recente podcast per HBO. La Trade per acquisire credibilità dovrebbe essere così formata: Chris Bosh e il promettente rookie Justise Winslow per Blake Griffin. Nel corso degli anni Bosh si è trasformato in un ottimo secondo violino, capace di affiancare Lebron James quando ancora era in squadra. Tuttavia gli Heat adesso sono manchevoli di un All Star in grado di rappresentare la prima scelta offensiva, specialmente con l’avanzare degli anni per Dwayne Wade. Griffin permetterebbe agli Heat  tutto ciò ma soprattutto andrebbe a svecchiare una rosa che necessita di rimanere a lungo competitiva visto che gli Heat hanno venduto le future scelte.Inoltre con Blake a capitolo paga, Pat Riley avrebbe spazio salariale sufficiente a sferrare un attacco per dei free agent da sempre ambiti come Horford e Kevin Durant, magari tenendo anche Wade. Non si tratta di un evento così fantasioso se si pensa che Riley in passato ha dimostrato d’essere in grado di costruire franchigie vincenti nel corso di una solo estate.D’altra parte invece, Bosh rappresenterebbe il perfetto complemento a Paul e Jordan, dal momento che è un’ ottima opzione offensiva nel pitturato, un eccellente difensore anche lungo il perimetro e un ottimo sostituto di Jordan nel ruolo di centro. Bosh, dunque, sulla carta sembra essere il perfetto complemento per i Clippers e il fatto di non essere molto giovane potrebbe motivarlo ancor di più nel ricercare una possibilità di vittoria immediata e più facilmente ritrovabile nei Clips.L’inserimento di Winslow all’ interno della trade, oltre a motivarla economicamente, darebbe più profondità al roster di Rivers rendendolo più adeguato alla corsa per l’anello.

 

Carmelo Anthony difende su Blake Griffin

 

2-Blake Griffin ai Knicks in cambio di Carmelo Anthony ;

Nell’ ipotizzare questo affare Lowe parte dal presupposto che un lungo Kristaps Porzingis sarebbe il perfetto abbinamento per mascherare i difetti di Griffin su entrambi i lati del  campo.I Clippers otterrebbero un giocatore all’anagrafe più vecchio, ma che in fin dei conti non ha ancora mostrato segni di declino. Infatti, qualora Anthony entrasse nell’ordine di idee di giocare più minuti da ala grande, l’attacco dei Clippers diventerebbe il più forte della lega. Infatti Anthony è ancora un tiratore temibile dal perimetro (38% da 3 quest’anno) e andrebbe a nozze sui pick’n roll della coppia Jordan-Paul; come se non bastasse sarebbe un’ ottima fonte di punti quando Paul riposa in panchina.Per quanto riguarda Griffin, i Knicks sarebbero la squadra perfetta per lui in quanto diventerebbe immediatamente il centro del loro progetto. Inoltre, nei Knicks troverebbe Kristaps Porzingis, rivelazione dell’anno NBA, che sarebbe il lungo perfetto con cui abbinarsi. Dal punto di vista salariale, i Knicks con l’arrivo di Griffin avrebbero lo spazio necessario per firmare un All Star in Free Agency: difficile che Durant possa scegliere loro, ma con l’innesto di un top player magari nel 2017 potrebbero tornare ad essere una pretendente dell’ Eastern Conference.

Horford e Korver (Atlanta Hawks)

 

3-Blake Griffin agli Hawks per Kyle Korver e Al Horford;

Horford è all’ultimo anno di contratto e quindi i Clippers necessiterebbero di rassicurazioni sulla sua firma in Free Agency. Tuttavia, da un punto di vista tecnico, Horford è il lungo adatto ad affiancare Jordan. Dal punto di vista salariale, nella trattativa dovrebbe rientrare un altro giocatore e Korver sarebbe perfetto per dare maggior profondità al roster losangelino. Insomma un ottimo lungo sia in coppia sia come eventuale sostituto di Jordan e un eccellente tiratore da tre punti, non sono male in cambio di Griffin. Gli Hawks con l’acquisizione di Griffin aumenterebbero il loro atletismo ma soprattutto avrebbero il tanto desiderato rim-protector capace non solo di difendere l’anello ma anche di formare un attacco micidiale in abbinato a Paul Millsap. Con Griffin in scadenza nel 2017, Atlanta potrebbe  essere la giusta scelta evitando un inutile trade ma il tempo è tiranno e Atlanta necessita di fare un mossa audace entro la deadline visto e considerato che al momento sembra incapace di raggiungere le vette della stagione passata.

Kevin Love e Blake Griffin (All Star Weekend)

 

4-Griffin ai Cavaliers in cambio di Kevin Love;

questo potrebbe essere un grandissimo rischio ma allo stesso tempo una gigantesca ricompensa per entrambe le squadre. Love ha avuto un brutto periodo a Cleveland, ma basti pensare che fino a 2 anni prima le sue medie erano di 26 punti, 12 rimbalzi e 4 assist per capire che la caratura del giocatore non è certo quella vista in Ohio. A Los Angeles, sua terra natia, ritroverebbe le condizioni più adatte al suo gioco grazie alle spiccate doti da rim-protector di Jordan e un assist-man come Paul. Inoltre i Clippers gli consentirebbero un gioco più variegato, fatto non solo da tiri lungo il perimetro ma anche  di spazio ai gomiti del post.I Cavaliers di certo non si opporrebbero a spedire Love in quel di Los Angeles, ma certamente non risolverebbero i loro problemi, specie quest’anno. Griffin, infatti, necessita di toccare il pallone molto più di Love nel corso della partita e con Irving e James in campo la situazione diventa problematica. Detto ciò, offensivamente Love è più abile a crearsi il tiro, mentre Griffin difensivamente rapprensenta un upgrade rispetto l’ex Wolves. Il talento non basta e Love in Ohio lo dimostra, ma Griffin potrebbe essere un’ occasione troppo ghiotta da farsi sfuggire per i Cavs.

Blake Griffin

 

5-Griffin ai Boston Celtics in cambio di più giocatori;

I Clippers stanno facendo bene pure senza Love e quindi potrebbero non essere alla ricerca di altra Star con cui rimpiazzarlo. Nonostante ciò, potrebbero ricevere in cambio più giocatori e scelte con cui formare un buon gruppo di qualità medio-alta. Come riportato da Lowe, l’affare potrebbe essere formato da Avery Bradley, Jared Sullinger e Jae Crowder insieme a due scelte (quella non protetta dei Nets e quella potetta top 7 dei Mavs) in cambio di Griffin. In questo modo per i Clippers vi sarebbe la possibilità di competere per il titolo anche in futuro e non solo nel presente. Boston è alla ricerca di un All Star sin da quando è iniziata la  ricostruzione e Griffin è attualmente tra migliori giocatori della lega. Così facendo, Stevens perderebbe 3 uomini fondamentali per le sue rotazioni ma potrebbe essere il prezzo giusto da pagare per ottenere la tanto agognata pietra d’angolo. Oltretutto, i Celtics potrebbero avere poi il giusto spazio salariale per raggiugere un’ ulteriore stella da affiancare a Blake magari sulle ali. Al momento la scelta Griffin, soprattutto a causa dell’infortunio, potrebbe portare i Celtics a fare un passo indietro, ma allo stesso tempo potrebbero diventare una delle favorite per l’anno prossimo. La squadra di Rivers nella trattativa perderebbe il miglior giocatore ma allo stesso tempo guadagnerebbe quei giocatori utili a completare le rotazioni. Crowder diventerebbe immediatamente l’ala piccola titolare e Avery Bradley sarebbe un eccellente backup di Redick. Inoltre, con questo setting di giocatori, Rivers riuscirebbe ad avere le armi giuste per difendere e competere in un eventuale scontro con gli Warriors nel corso dei Playoffs. Le Future scelte, invece, permetterebbero alla squadra di Ballmer di poter rifondare in caso di declino di Paul.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy