Brutte notizie per i Lakers: tra l’arresto di Caracter e la caviglia malconcia di Kobe

Brutte notizie per i Lakers: tra l’arresto di Caracter e la caviglia malconcia di Kobe

Le ultime indiscrezioni parlano di un episodio piuttosto singolare: il rookie avrebbe cominciato a strattonare e tirare una cameriera incinta all’interno di un ristorante della catena IHOP, cercando di convincere i suoi manager ad andare fuori e chiamare un ufficiale di polizia.

dopo l’arrivo di un’ufficiale di polizia che ha cercato di sdrammatizzare la situazione, Caracter è parso irremovibile nelle sue intenzioni e l’agente ha dovuto procedere all’arresto.

Ricordiamo che Caracter non ha giocato la gara persa 93-88 nella notte, essendo stato inserito nella lista degli indisponibili per l’intera prima serie dei playoff dei gialloviola.

Le brutte notizie, fuori dal rettangolo di gioco, non finiscono qui.

Infatti, passando all’infermeria, bisogna valutare le condizioni di Kobe Bryant: il numero 24 gialloviola ha lasciato la New Orleans Arena in stampelle, dopo aver subito una distorsione alla caviglia nell’ultimo quarto della gara persa con gli Hornets.

E’ piuttosto preoccupante il fatto che sia la stessa caviglia che Kobe si è slogato contro i Dallas Mavericks nell’ultima sfida di regular season, che è stata definita dallo stesso Bryant come la peggior distorsione che abbia mai subito in tutta la sua carriera.

Secondo quanto riportato dal giornalista Mike Bresnahan del Los Angeles Times, Kobe verrà sottoposto ad una risonanza magnetica per capire se potrà essere disponibile martedì alla quinta gara di questo primo round dei playoff.

Un’ultima curiosità: la dirigenza dei Lakers sta preparando un adeguamento al possibile lockout che verrà realizzato in estate.

Infatti, i californiani hanno confermato la decisione di non rinnovare il contratto per la prossima stagione a quattro dei cinque componenti del cosiddetto “training staff”, introducendo una delle prime manovre per limitare le spese.

Il contratto collettivo nazionale tra giocatori e proprietari scadrà, infatti, il prossimo 30 giugno e, fino ad oggi, non è stato fatto alcun passo in avanti per quanto riguarda un possibile accordo: da qui la volontà di alcune franchigie, come appunto i Lakers, a tagliare il più possibile i costi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy