Cuban afferma che i Mavs non hanno nessuna intenzione di fare tanking

Cuban afferma che i Mavs non hanno nessuna intenzione di fare tanking

L’istrionico patron dei Mavericks non vuole assolutamente gettare la spugna dopo il pessimo inizio di stagione.

Commenta per primo!

Nonostante la vittoria di stanotte, i Mavericks sono alle prese con una delle più brutte partenze della loro storia.

Il record parla di 3 vittorie a fronte di ben 13 sconfitte, peggiore in tutta la NBA, ma il suo proprietario Mark Cuban non vuole sentire parlare di tanking: “Gli haters continueranno ad odiare. Pensiamo sempre a competere”, ha detto a ESPN. “Se competi quando la lega è migliore, come quest’anno, se non giochi bene, tu sarai in una posizione per avere una buona scelta [al draft, nda]. Che, ricorda, anche se tu hai il peggior record NBA, c’è il 75% di possibilità che tu non riceverai la prima scelta”.

Cuban poi non vuole parlare di rifondazione per i Mavs, anche perché con un coach come Carlisle la parola “perdere” non è nemmeno contemplata. “Ci sono molte squadre che a forza di rifondare hanno imparato solo a perdere”, ha affermato Cuban. “Agli staff non interessava preparare ogni singola gara, ma noi ovviamente non vogliamo che si sviluppino queste brutte abitudini. Abbiamo tanti ragazzi giovani e vogliamo che le gare significhino qualcosa per loro e non che siano del tipo ‘OK, chi mettiamo in campo nel quarto periodo per perdere questa partita?’. Così le squadre non sviluppano buone abitudini”, ha tuonato ancora Cuban contro coloro che negli ultimi anni hanno tankato. Avete detto Sixers?

Sollecitato sul mercato e su come potrebbe migliorare il roster a disposizione, il patron di Dallas ha messo in chiaro che difficilmente farà trade molto prima della trade deadline di fine febbraio. Parte della colpa per il pessimo record può essere ricondotta ai continui infortuni che hanno colpito i playmaker Deron Williams, JJ Barea e Devin Harris, oltre alla stella Dirk Nowitzki.

Per Cuban nel prossimo draft non ci saranno giocatori come Shaq, LeBron o Duncan, quindi “tankare” non conviene. “Se proprio avrai il peggior record, avrai una delle prime tre scelte. Tuttavia non conviene fare tanking, cioè perdere apposta, finché non ci saranno tre giocatori che fanno la differenza. Non dico All Star, ma almeno giocatori che fanno la differenza”, ha concluso il texano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy