D-Wade: il ginocchio non va? Si torna alle origini

D-Wade: il ginocchio non va? Si torna alle origini

Commenta per primo!

Per Dwyane (o meglio Three, come ha chiesto di farsi chiamare)Wade, questa è una Offseason di grande, grandissima importanza: i problemi al ginocchio avuti in stagione non sono mistero per nessuno e, a dispetto di una regular season da 21.2 punti di media, nei Playoffs “Flash” è apparso limitato da questi infortuni in più di un’occasione. La sensazione era che Wade avesse dei “gettoni” da giocarsi, per poi doversi riposare (pur giocando)la gara successiva.

http://borntocompete.com

Dopo le Finals, un Wade visibilmente più che sollevato, ha affermato di voler dare una sorta di “vacanza” al suo ginocchio, per ritornare nella prossima stagione (chiave per i Miami Heat in cerca di un difficile Threepeat) e che sarebbe tornato per la prossima stagione come un giocatore totalmente diverso da quello delle NBA Finals.
Per raggiungere questo obiettivo Wade ha guardato al suo passato, assumendo un allenatore personale con il quale aveva già lavorato in passato, ma non nelle ultime estati: Tim Grover. Quest’ultimo lavorerà con D-Wade per 6 settimane, accompagnandolo quindi al training camp.
Interrogato sulla nuova collaborazione con Wade e sulle possibilità di rivedere il “vecchio” Flash, Grover ha risposto: “Non alleno i miei clienti per essere come prima, voglio che loro siano meglio di sempre”.
Così Wade raccoglie la sfida di Pat Riley, e si avvia verso una stagione importantissima per la sua carriera già di per sé notevole, sicuro di rimanere ai Heat (anche se gira la voce che possa uscire dal contratto per ottenere un rinnovo meno lucrativo ma più lungo)e con un solo obiettivo in testa: THREEPEAT.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy