Damian Lillard: “Ecco perché non sono tra i 30 convocabili per le Olimpiadi di Rio.”

Damian Lillard: “Ecco perché non sono tra i 30 convocabili per le Olimpiadi di Rio.”

Commenta per primo!
www.blazersedge.com

 

Scorrendo i nomi dei 30 finalisti alla corsa per far parte di Team USA alle prossime Olimpiadi, tra le assenze eccellenti spicca senza dubbio il nome di Damian Lillard.
È stata in effetti la stessa guardia di Portland, che nel 2014 ha partecipato ai tryout per giocarsi la convocazione ai Mondiali estivi senza poi essere tra i convocati finali, ad aver rifiutato un’eventuale convocazione al ritiro.

Lillard si spiega così: “L’estate scorsa non ce l’ho fatta a entrare nei 12. Succede. Solo che ho speso molto tempo con Team USA ma per l’intero periodo non ho mai pensato di avere davvero una chance per poter far parte della squadra. Sentivo come se fossi lì solo per essere lì. Non sono entrato nei 12, sono stato tagliato, e adesso non capisco perché la gente pensa che dovrei tornare là l’estate prossima e ripetere le stesse cose, quando potrei fare tante altre cose.”

“Quando vedo le Olimpiadi faccio il tifo per Team USA, ci sono dei miei amici che ci giocano. Non ho assolutamente risentimenti nei loro confronti, ma ogni volta che mi capita di trovarmi in una situazione simile, voglio avere una vera chance. L’ultima volta invece sentivo che la decisione era già stata presa quando ancora non era stata presa: che giocassi bene o male, mi sembrava non importasse.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy