Denver – Golden State è una mattanza, si fermano Curry e Faried

Denver – Golden State è una mattanza, si fermano Curry e Faried

Commenta per primo!
l1.yimg.com

Sconfitta all’overtime per Denver, che solo nel finale hanno ceduto il passo a Golden State (108-111). Non è bastato un Danilone Gallinari da 24 punti (con 9/18 dal campo, 6 rimbalzi, 2 assist, 3 recuperate in 41′), al rientro dopo sei partite di stop, per dare il via libera ai ragazzi di coach Walton, trascinati da un super Dryamond Green (29 punti, 17 rimbalzi, 14 assist, 4 recuperate e 5 triple in 44′).

Insomma un match duro, lottato, anche dal punto di vista fisico, con più di una “vittima” sul campo.

La prima, almeno per gravità e clamore, è sicuramente Ken Faried: mancano soltanto 16” alla fine del supplementare, e il giocatore dei Nuggets, scontrandosi con Will Barton per un rimbalzo sulla spinta di Klay Thompson, sbatte violentemente la testa contro il compagno. A terra gli viene apposto immediatamente un collare cervicale, poco dopo lascia la Oracle Arena in barella, ma il suo pollice alto a mò di OK fa capire che non si tratta di nulla di grave. I primi esami ai raggi X escludono fratture gravi o alla spina dorsale, il giocatore ha la padronanza completa di mani e piedi, ma non sono chiari i tempi di recupero: davvero un peccato, visto che il 26enne del New Jersey stava sfoggiando davvero un’ottima performance, con 15 punti e ben 12 rimbalzi (di cui nove offensivi), specchio di eccellenti medie stagionali (12,6 ppg con 8,9 rpg).

Passando invece al secondo “caduto”, è evidente che al di là del successo, non sia una notizia positiva per i Warrios il nuovo stop di Stephen Curry. Il suo match è durato solo 14 minuti, prima di subire un colpo allo stesso stinco sinistro che lo ha tenuto ai box negli ultimi giorni (due partite di fila, non accadeva da novembre 2013). Nel post-gara, Curry ha dichiarato che non sarebbe sorpreso se i Warriors lo terranno fuori domani notte, nella partita contro gli Hornets, per quanto il giocatore senta molto la gara essendo cresciuto a Charlotte.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy