Eastern Conference: il punto sul mercato

Eastern Conference: il punto sul mercato

Commenta per primo!

Grande attività durante questo primo mese di Offseason nella Eastern Conference.

I Knicks portano al Madison Square Andrea Bargnani (ormai separato in casa ai Raptors) in cambio di Steve Novak, Marcus Camby e due scelte future e rifirmano il Sesto Uomo dell’anno JR Smith (4 anni, 24.7 milioni, ultimo anno player option).

I Detroit Pistons e i Charlotte Bobcats firmano due dei lunghi più richiesti di questa Free Agency, rispettivamente Josh Smith (quadriennale da 56milioni) e Al Jefferson (triennale da 40.5 milioni).

A Detroit approda anche il “nostro” italiano Gigi Datome con un biennale da 3.5 milioni.

Gli Atlanta Hawks hanno firmato l’altro lungo a scadenza di Utah, Paul Millsap, per 2 anni e 19 milioni, e sono interessati a Monta Ellis (uscito dal contratto con i Bucks ma sempre più vicino a Dallas) e a un possibile scambio tra il Restricted Free Agent Jeff Teague e Brandon Jennings (pista raffreddata, i Bucks hanno già presentato una offer sheet da 8 milioni).

Milwaukee tra le più attive: perso Ellis, ha firmato OJ Mayo (3 anni, 24 milioni), Zaza Pachulia (16 milioni, 3 anni) e Carlos Delfino (6.5 garantiti con team option sul terzo).

I Cavs, per garantire un adeguato supporting cast a Irving, portano in Ohio per 2 anni Earl Clark (9 milioni) e Jarret Jack (4 anni, 26 milioni) e piazzano il colpo Andrew Bynum con un biennale da 24 milioni condito da svariate opzioni inerenti la tenuta fisica del giocatore (6 garantiti, secondo anno è Team Option).

Iwww.tarnationsports.com Celtics (tira aria di Rebuilding) smantellano il nucleo “storico” mandando Paul Pierce, Garnett, Jason Terry e D. J. White ai Nets per Humphries, Gerald Wallace, MarShon Brooks e Keith Bogans più prime scelte per il 2014, 2016 e 2018.

I Nets si rafforzano ulteriormente trattenendo Blatche con un biennale da 2.8 milioni, ma soprattutto firmando incredibilmente Andrei Kirilenko con la Mini-MLE (3.1 milioni, ma attenzione, c’è molto sospetto in quanto alcuni addetti ai lavori temono che venga ulteriormente pagato “al nero” dal presidente Prokhorov).

I 76ers hanno scambiato (durante il Draft) Jrue Holiday e la scelta numero 41 per Nerlens Noel e la prima scelta dei Pelicans per il Draft 2014.

I Wizards tengono Webster per altri 4 anni a 22 milioni, i Bulls (per sostituire Belinelli) firmano Mike Dunleavy, mentre i Pacers cercano una panchina più profonda con Copeland (biennale 6 milioni) e “Birdman” Andersen ritorna a Miami per un anno a 1.7 milioni. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy