Fuori dalla corsa al titolo di MVP, LeBron: “Voglio solo essere MVP per il mio team”

Fuori dalla corsa al titolo di MVP, LeBron: “Voglio solo essere MVP per il mio team”

LeBron James ha reagito con grande filosofia al mancato inserimento nella rosa dei tre papabili per il premio di miglior giocatore della stagione

Commenta per primo!

Il quattro volte MVP della stagione LeBron James ha saputo della sua esclusione dalla corsa al titolo di MVP solo dopo l’ennesima prova di onnipotenza cestistica sciorinata in gara 2 al TD Garden di Boston. La scelta di lasciarlo fuori, per quanto abbastanza annunciata, non può non dar vita a brusii vari da parte degli appassionati di basket, in parte legittimati dalla stratosferica postseason finora giocata da ”King James”.

A gettare acqua sul fuoco ci ha pensato lo stesso LBJ che, tirato in ballo sulla questione all’interno della conferenza stampa post-match, ha dichiarato di non essere interessato a questo tipo di allori e di voler concentrare tutte le proprie energie mentali e fisiche per conquistare il secondo titolo per la sua Cleveland. Prima di cambiare argomento, però, una piccola frecciatina: ”Questa lega sa cosa metto sul tavolo, ora sta a voi dei media scriverci su, non sta a me preoccuparmene”.

Concilianti anche le parole di coach Lue, che però ci ha tenuto a fare una precisazione: ”Giusto premiare ragazzi quali Harden, Westbrook e Leonard, che hanno fatto una stagione incredibile e meritano il credito che hanno ricevuto. Ma per me LeBron è come Shaq, dovrebbe avere il premio di MVP ogni anno”.

LeBron James, che non vince il titolo di MVP dal 2013, deve rimandare l’aggancio a quota cinque premi a Michael Jordan e Bill Russell, mentre il primatista, la leggenda Kareem Abdul-Jabbar, rimane saldo a quota 6 in vetta a questa speciale classifica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy