Gli Ackerley stanno esplorando una soluzione per riportare la NBA a Seattle?

Gli Ackerley stanno esplorando una soluzione per riportare la NBA a Seattle?

Si fanno sempre più insistenti a Seattle le voci di un possibile ritorno di una franchigia nella città dello stato di Washington.

Commenta per primo!

Stando a delle voci insistenti circolanti a Seattle, i fratelli Ted e Chris Ackerley starebbero tranquillamente esplorando se vi sono possibilità di riportare una franchigia NBA a Seattle.

Sono i figli del defunto Barry Ackerley, che acquisì i Sonics nel 1983 e li gestì fino al 2001 quando cedette la franchigia ad un gruppo di investitori guidato da Howard Schultz. Barry che fu anche il motore trainante nel processo di costruzione della KeyArena.

Stando anche ad alcune e-mails scambiate il 3 maggio –  il giorno dopo il consiglio comunale ha respinto la petizione di Chris Hansen che aveva proposto di lasciare una porzione di Occidental Avenue  in modo tale da poter costruire un’arena di mezzo miliardo di dollari in Sodo, nella speranza di far rivivere i Sonics  –  tra i fratelli e il consigliere comunale di Seattle Tim Burgess.

Burgess ha iniziato lo scambio di e-mails facendo riferimento ad un incontro legato alla NBA la settimana precedente e che si offre di coinvolgere anche il sindaco Ed Murray nella conversazione.

Chris Ackerley ha risposto che non sono ancora pronti a farlo ma aspettano che i tempi siano maturi per discutere sull’argomento in questione e poter quindi ridare lustro ad una delle piazze storiche del basket d’oltreoceano.

 

di Giovanni Gallo

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy