I Lakers pensano a Westbrook per il 2017

I Lakers pensano a Westbrook per il 2017

Dopo l’addio di Kevin Durant dagli Oklahoma City Thunder, i rumors su una possibile partenza di Russell Westbrook sembrano farsi sempre più insistenti, sia per l’immediato che per il futuro.

Commenta per primo!

La partenza di Kevin Durant ha scombussolato i piani degli Oklahoma City Thunder, che pensavano di poter mantenere intatto nella maggior parte dei suoi elementi il nucleo che li aveva portati a Gara-7 delle Western Conference Finals contro i Golden State Warriors.

Adesso però i Thunder devono incominciare a pensare al futuro, guardandosi intorno anche per una possibile trade che coinvolga il loro giocatore più rappresentativo, Russell Westbrook, che sembrerebbe essere non intenzionato a rinnovare il contratto in scadenza nel 2017.

Al momento la dirigenza di Oklahoma non vorrebbe intavolare una trade che coinvolga Westbrook, anche se molte squadre, tra le quali i Boston Celtics, avrebbero merce di scambio appetibile da mettere sul piatto delle trattative.

Alcune franchigie, su tutte i Los Angeles Lakers, non sono interessate a perdere preziosi elementi nel roster per arrivare alla PG dei Thunder, avendo la consapevolezza di poter provare a firmarlo da free Agent nel 2017, secondo quanto riportato da Chris Boussard di ESPN: “I Lakers pensano di poterlo firmare nel 2017. Ho parlato con molti GM in questi giorni per delle possibili trade riguardanti Russell Westbrook, e mi è stato riferito che loro sono convinti di poterlo prendere nella free agency dell’anno prossimo, senza aver bisogno di dare nulla in cambio”.

I Lakers non hanno intenzione di spezzare il giovane core costruito in questi anni – D’Angelo Russell, Jordan Clarkson, Brandan Ingram e Julius Randle – in una trade per arrivare a Westbrook.

Se lui vorrà giocare per i Lakers quindi, andrà a Los Angeles da free agent nel 2017-2018, per aggiungersi ad un gruppo potenzialmente devastante.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy