Kevin Durant-Warriors: non è più fantabasket

Kevin Durant-Warriors: non è più fantabasket

I campioni in carica sono seri pretendenti all’acquisizione di uno dei giocatori più forti della lega, mentre si preparano alla costruzione della dinastia.

espn.go.com
espn.go.com

Non si è mai sazi in quel di Oakland, California, neanche assistendo ad un biennio in cui la propria squadra sta dominando la lega. I Golden State Warriors stanno seriamente pensando al colpaccio che potrebbe scombussolare l’intero panorama NBA.

Questo colpaccio potrebbe corrispondere a Kevin Durant, in scadenza di contratto nella prossima estate. Se KD35 dovesse decidere di lasciare Oklahoma City, i Warriors sarebbero in pole position per accaparrarsi il suo talento, secondo quanto riportato da Adrian Wojnarowski nel suo podcast “The Vertical”.

Golden State ha già in mano tutte le carte per dominare, con un Stephen Curry che ha ormai raggiunto la versione “tuttofare”, uno specialista e fido braccio destro come Klay Thompson, una macchina da triple doppie come Draymond Green ed un contorno di lusso, il tutto sotto la supervisione di coach Steve Kerr. Il bello è che i Warriors hanno veramente tutto, inclusa la possibilità di creare uno spazio salariale sufficiente per fare sì che il sogno Kevin Durant diventi una reale possibilità, anche se serviranno comunque sacrifici non da poco (si parla delle possibili cessioni di Iguodala, Bogut e Jason Thompson, secondo il collaboratore di Wojnarowski Bobby Marks).

Non c’è dubbio che Kevin Durant non abbia ancora preso decisioni sul suo futuro, ma ciò non significa che i Thunder possano dormire sonni tranquilli, dato che Durantula è determinato a vincere, motivo per cui potrebbe sposare il progetto – sicuramente vincente – che hanno in mente i “Dubs”.

Sia chiaro che i Warriors non sono gli unici corteggiatori di Kevin Durant: rimangono affacciati alla finestra i Wizards, Rockets e i Miami Heat, oltre ai Clippers, che sono determinati ad andare in pressing sul prodotto della University of Texas e che potrebbero sacrificare un giocatore del calibro di Griffin per facilitare la situazione, lasciando la sponda gialloviola di Los Angeles con un numero minimo di possibilità.

Sono sicuramente indiscrezioni importanti quelle che giungono da oltreoceano e che sicuramente danno un’idea di quanto spumeggiante possa preannunciarsi la prossima finestra del mercato dei free agents.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy