La Storia delle divise NBA: Atlantic Division

La Storia delle divise NBA: Atlantic Division

BOSTON CELTICS:  1946-1968: La prima stagione per i Celtics, non fu certo gloriosa, chiusa all’ultimo posto nell’Atlantic Division. Ma è qui che ha inizio la storia, la “leggenda” della mitica maglia Celtics. Bianca con scritta verde per la versione indossata in casa, verde con scritta bianca per quella usata in trasferta. Pantaloncini molto corti e maglia molto semplice, utilizzata per parecchi anni. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Bob Cousy, Bill Sharman, Bill Russell

http://www.sportsjerseypedia.com
1969-1990 : I primi cambiamenti avvengono in questa stagione. Le maglie vengono leggermente modificate e modernizzate, e appare il pantaloncino elasticizzato. Le maglie,sia quella in casa, sia quella in trasferta, diventeranno più comode, larghe e meno aderenti rispetto alle precedenti. La colorazione e la scritta ad eccezione di qualche leggerissima modifica col tempo, resterà sempre la stessa, sia la verde in trasferta, che la bianca in casa. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: John Havlicek, Kevin McHale, Robert Parish, Larry Bird
http://i.cdn.turner.com
1990-2001: Nell’arco di questo periodo di tempo, colori e divisa dei Celtics non cambiano, ma ci sono novità nell’ambito del materiale. Le maglie diventano più leggere e luminose grazie alle nuove tecnologie. L’NBA per la prima volta permette al giocatore di scegliere la lunghezza del pantaloncino, e da questo momento in poi andrà di gran moda tra i giocatori, il pantaloncino con una lunghezza maggiore rispetto a quelli indossati fino a quel momento. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Paul Pierce 2002-2015: Iniziano a comparire le famosissime “alternative jerseys”. Ovvero la terza (se non addirittura quarta..) scelta per la squadra, spesso con un colore differente da quello indossato in casa o in trasferta. I Celtics hanno sempre optato per la scelta tradizionale. L’alternative jersey è sempre stata prodotta verde, spesso più scuro, ma in due versioni principali; una con il nome e numero nero al posto del bianco, e un’altra con il nome e numero in versione oro, molto importante perché rappresenta il St.Patrick’s Day.
https://theparquetperspective.files.wordpress.com
Dall’inizio del nuovo millennio, con i vari tour delle squadre in giro per il mondo, si possono scoprire maglie inedite, come ad esempio quella con la scritta tricolore Celtics usata dai Boston nella recente tour italiano nel 2007. Inoltre, l’NBA decide di rispolverare sempre più con frequenza le maglie storiche degli anni passati, le note “Hardwood Classics”, come ad esempio per quanto riguarda Boston, la classica 33 di Larry Bird. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Paul Pierce, Rajon Rondo, Kevin Garnett, Ray Allen   BROOKLYN NETS ( NEW JERSEY NETS ): 1972-1981: Nonostante l’ingresso dei New Jersey Nets in NBA sia avvenuto nel 1976, ci permettiamo una breve parentesi extra NBA, poiché siamo in presenza di una delle maglie più belle delle storia, indossata da uno dei giocatori più importanti, ovvero Julius “Dr.J” Erving. Dr.J non ha mai indossato la maglia dei Nets in NBA, poiché la sua carriera nei Nets è durata 3 anni, dal 1973 al 1976, anni in cui i Nets (allora New York Nets) giocavano nella ABA. Con la successiva unificazione di ABA e NBA, per permettersi l’entrata nella lega, i New York Nets sono stati costretti alla vendita di Julius Erving ai Philadelphia 76ers. Nella stagione 1977-78, trasferendosi nel New Jersey divennero New Jersey Nets. La maglia Home, usata in casa, è bianca con nome e numero in colore rosso, linea verticale laterale destra blu, con tre stelle bianche, preceduta da una sottilissima linea rossa. La maglia usata nelle trasferte è blu, con nome e numero bianco, linea verticale bianca con le tre classiche stelle blu, precedute dalla linea sottile rossa. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Julius Erving, Bernard King
http://www.deucescloset.com
1981-1990: Dal 1981 al 1984 ci fu una breve parentesi, in cui i New Jersey Nets mostrarono delle nuove divise. Le divise, bianca con scritta Nets in blu, e blu con scritta New Jersey in rosso, entrambe in corsivo, non riscossero molto successo. Per questo si decise di ritornare alla precedenti divise, molto più amate e apprezzate. Dal 1984 fino al 1990 i Nets riutilizzarono le loro storiche divise, praticamente identiche alle originali. Cambiò leggermente la maglia in trasferta, con l’aggiunta della scritta New Jersey in verticale, sulla linea rossa. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Buck Williams, Michael Ray Richardson 1990-1997: Divise decisamente più moderne e innovative, mantenendo lo stile e il carattere classico, tipico delle maglie dei Nets. In assoluto tra le maglie più vendute di sempre, a causa anche del tragico destino che ne ha accompagnato uno dei suoi giocatori più forti di sempre, Drazen Petrovic. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Drazen Petrovic, Derrick Coleman, Kenny Anderson, Sam Cassell
http://i.cdn.turner.com
1997-2012: Si decide per un cambiamento della maglia, dei colori in particolare. La divisa usata in casa rimane bianca, ma il nome e numero sono di una tonalità di blu differente, più scura, con contorni leggermente rossi. La maglia usata in trasferta riprende questa tonalità di blu scuro, con la scritta New Jersey in un bianco tendente al grigio. Dal 2009 fino al 2012 quest’ultima viene sostituita, da una divisa di colore rosso accesa. Queste divise sono state indossate nei momenti di maggiore gloria della franchigia, ovvero le due finali NBA perse contro Lakers e Spurs nelle stagioni 2001-2002 e 2002-2003.
http://sports.cbsimg.net
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Jason Kidd, Vince Carter, Alonzo Mourning, Kenyon Martin 2012-2015: La franchigia si sposta a Brooklyn, per diventare i Brooklyn Nets. Maglie molto semplici per i Nets, bianca con scritta nera e viceversa. Breve parentesi con una divisa con le maniche completamente nera per alcune partite, decisamente rivedibili. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Deron Williams, Kevin Garnett, Brook Lopez, Joe Johnson. NEW YORK KNICKS : 1946-1968 : La storia della maglia Knicks inizia nel 1946, prima stagione NBA. Le divise rappresentano i colori della città di New York City. Bianca con la scritta blu, con contorni di colore arancione, e blu con scritta bianca, con leggeri contorni arancioni. Divisa che rappresenta una squadra molto forte, ma mai in grado di vincere il titolo NBA, perdendo per ben tre volte in finale. Nel 1961, i pantaloncini eliminano la classica “cintura”, per utilizzare un modello più comodo ed elastico.
http://uniformcritics.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Willis Reed, Bill Bradley, Harry Gallatin, Richie Guerin 1968-1979: Alcune modifiche avvengono nelle divise dei Knicks. La maglia usata per le partite al Madison Square Garden, la “Championship Era”, così chiamata, è leggermente più fina, curata e il nome dei giocatori sulle spalle è scritto con un particolare disegno ricamato. La divisa usata in trasferta venne modificata, usando una tonalità di blu differente, più chiara, che si avvicinasse alla maglia usata in casa dai Knicks. Questa divisa sarà storica poiché porterà il primo titolo NBA per la franchigia della big apple.
http://static01.nyt.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Walt Frazier, Bill Bradley, Willis Reed, 1979-1983: Rivoluzione per le maglie dei Knicks, dove si decide per un completo restyling. La grande novità è l’introduzione dei numeri sui pantaloncini con stampato un logo differente dal classico logo Knicks. Maglie in trasferta che hanno un particolarissimo blu, tendente al viola, con il numero sopra la scritta New York bianca con contorno arancione. La maglia bianca in casa con lo stesso stile di quella appena descritta, con scritta arancione.
https://brandontierney.files.wordpress.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Bernand King, Walt Frazier 1983-1997: Passo indietro e si decide di ritornare alla classica Knicks Jersey. Via la nuova divisa, per tornare alla tradizione. Con gli anni, in particolare nei primi anni 90 verrà modernizzata e aggiornata grazie ai nuovi materiali tecnici. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Patrick Ewing, Mark Jackson, John Starks 1997-2015: Piccola modifica nella maglia in trasferta per NY.  Una linea verticale nera viene aggiunta ai bordi della divisa, che poi scomparirà nel 2011. Per quanto riguarda la divisa di casa, rimane pressoché invariata, con alcune piccole modifiche nel tempo. Con l’avvento delle “Alternative Jerseys” abbiamo potuto ammirare anche divise verdi (St.Patrick’s Day) o completamente arancioni, molto apprezzate dal pubblico.
http://shawsports.net
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Patrick Ewing, Carmelo Anthony, Amare Stoudemire, Tyson Chandler, Jason Kidd PHILADELPHIA 76ERS: 1963-1966: I 76ers iniziano la loro storia a Philadelphia, dopo essere stati a Syracuse fino al 1962. La prima divisa è ispirata a Betsy Ross. Caratterizzata da un cerchio di stelle su entrambi i pantaloncini, la parte posteriore della maglia circonda il numero del giocatore.Queste sono diventate da subito, un segno distintivo delle uniformi Sixers . Nella stagione 1966-1967, abbiamo una breve parentesi di una stagione, con una divisa “separata” in due parti, bianca e rossa con nome e numero di colore rosso. I giocatori si lamentarono parecchio per la scomodità della maglia, e fu abbandonata dopo una sola stagione. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Larry Costello, Hal Greer, Billy Cunningham 1966-1970: La divisa con cui i Philadelphia 76ers hanno vinto il loro primo titolo NBA e vinto 68 partite nella stagione regolare nella stagione 1966-1967. Divisa sempre molto semplice, con la scritta grande “PHILA” al centro. Rossa con lettere blu per la “Road Jersey”. Molto apprezzata dai tifosi della città dell’amore fraterno, la 13 di Wilt divenne un vero e proprio cult.
http://www.nba.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Wilt Chamberlain, Hal Greer, Billy Cunningham 1970-1978: Periodo di completa confusione per quanto riguarda le divise (e non solo) per i Philadelphia 76ers. Sportivamente parlando dal 1970 al 1976 periodo alquanto negativo per i Sixers, alle prese con la cessione di Wilt e la fine di un ciclo. Nel 1976 l’acquisto di Julius “Dr.J” Erving cambia drasticamente le cose, portando un altro titolo a Philadelphia. Mentre per quanto riguarda le divise, nella stagione 1970-1971 ci fu una breve parentesi con una maglia casalinga di colore rosso con scritta blu, che fu poco apprezzata dai sostenitori di casa, tanto che si decise di cambiarla subito. Sonder Levitt progettò la divisa che fu adottata per i sei anni successivi. Bianca con la scritta Sixers rossa al centro ben impostata, con numero blu. Linea laterale verticale blu, con tre stelle bianche affiancate da una sottile linea rossa. La maglia fu leggermente modernizzata nelle stagioni 1976-77 e 1977-78.
http://i.cdn.turner.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Julius Erving, George McGinnis 1978-1991: Periodo di alti e bassi per Philadelphia. Un altro titolo in bacheca nel 1983 con protagonista Julius Erving e con un Moses Malone dominante, e stagioni molto deludenti. L’NBA decise di introdurre una regola più severa per il cambio di divise, in cui la proprietà doveva avvertire l’NBA per un eventuale cambio con un anno di anticipo. Questa regola probabilmente fermò lo spirito di cambiamento, puntando forte sulla maglia rossa con scritta bianca Sixers, storica della franchigia. Questa divisa è stata indossata per ben 1066 partite, record assoluto di partite giocate per una franchigia NBA con la stessa maglia. Inoltre sempre presente la divisa bianca, modernizzata nel corso degli anni.
http://fastphillysports.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Charles Barkley, Julius Erving, Moses Malone 1991-1994: Come abbiamo potuto vedere, a Philadelphia piace stupire con continui cambi e divise anche stravaganti. In questi tre anni, la Champion (sponsor tecnico al tempo) decise di effettuare un completo restyling delle due divise. Sempre bianca in casa e rossa fuori, scritta piccola Philadelphia e grande Sixers per entrambe le divise, ma con l’aggiunta di una “scia” blu piena di stelle bianche alla sinistra del numero e sotto la scritta Sixers.
http://www.thesixerscave.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Charles Barkley, Shawn Bradley 1994-2009: Per i primi tre anni, Philadelphia ha rispolverato la classica divisa rossa per le partite in trasferta e bianca per le casalinghe. Nel 1997 ennesimo nuovo restyling completo. Nuovo logo nelle divise per la prima dal 1963, modernizzato con l’aggiunta del colore nero, oro e argento. Per la prima volta nella storia, divise nere in trasferta (con l’eccezione delle stagioni 94-96, 08-09 in cui erano rosse), molto apprezzate dai tifosi Sixers e non solo, probabilmente grazie all’epoca Allen Iverson.
http://i2.cdn.turner.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Allen Iverson, Dikembe Mutombo, Jerry Stackhouse, Theo Ratliff 2009-2015: I Philadelphia 76ers hanno ridisegnato le loro uniformi ponendo in primo piano la scritta Sixers, vecchio stile, eliminando la più amata scritta 76ers in versione “modernizzata”. Bianca in casa, rossa in trasferta, entrambe le versioni sono molto semplici e naturali. Ovviamente si rispolverano con frequenza le storiche “Hardwood Classics” con cui si è fatta la storia, tra cui non possono mancare le celebri divise di Wilt e Dr.J. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Thaddeus Young, Michael Carter Williams, Andre Iguodala TORONTO RAPTORS: 1995-1998: La storia delle divise Raptors è una delle più brevi in tutta la storia NBA, poiché i Toronto Raptors nascono solamente nel 1995. Primi tre anni molto molto deludenti dal punto di vista sportivo, ma non dal punto vista stilistico. Le divise per le prime tre stagioni sono già tra le più belle e acquistate in assoluto nella storia. Bianca in casa, viola in trasferta. Scritta Raptors in alto, poco sopra al dinosauro, mascotte della squadra. Con l’avvento degli anni 90, molto di moda queste nuove particolari divise, molto apprezzate dal pubblico.
https://thisguysworld.files.wordpress.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Damon Stoudamire, Vince Carter 1999-2005: Restyling per la franchigia canadese. Maglia bianca con scritta Raptors e numero viola, con ai lati due bande verticali di colori viola. Divisa molto più semplice e lineare. Mentre la “road jersey” è simile alla divisa casalinga, con la sostituzione della scritta Raptors in favore di Toronto. Colore viola al petto, con nome e numero bianco mentre una novità è la parte posteriore nera. Novità assoluta questa presenza bicolore nella stessa divisa.
http://vincecarter15.com
GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Vince Carter, Tracy McGrady, Chris Bosh 2006-2015: Divise molto simile alle precedenti, con la differenza dell’avvento del colore rosso. Nella divisa casalinga sostituiscono le linee verticali laterali blu, mentre per la divisa esterna è il colore principale per entrambi le parti, sia quella in cui è presente la scritta Raptors, sia quella in cui troviamo nome e numero del giocatore. In questi anni le “alternative jerseys” dei Raptors sono state varie e particolari. La più usata è quella verde acceso, utilizzata per le stagioni 2007-2012, con la rispolverata divisa nera con linee rosse. GIOCATORI PIU’ RILEVANTI AD INDOSSARLA: Chris Bosh, Andrea Bargnani, Louis Williams, DeMarcus Rozan

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy