NBA Draft Lottery, dove ognuno si sente fortunato

NBA Draft Lottery, dove ognuno si sente fortunato

http://img.vavel.com
Questa notte scopriremo l’ordine di scelta per l’NBA Draft 2015 che si svolgerà il 25 giugno al Barclaycard Center di Brooklyn. Questo “rituale” avverrà per le peggiori 14 squadre (per le altre e per il secondo giro è già stabilito), che in questa stagione non hanno ben figurato, la maggior parte con un record negativo, e sperano nella sorte per la prossima stagione. In poche parole, chi più partite ha perso durante la stagione appena conclusa, più possibilità ha di avere l’opportunità di chiamare con la prima scelta assoluta e beccare la pallina fortunata. Quali sono le probabilità delle squadre? 1. Minnesota Timberwolves – 25% 2. New York Knicks – 19.9% 3. Philadelphia 76ers – 15.6% 4. Los Angeles Lakers* – 11.9% 5. Orlando Magic – 8.8% 6. Sacramento Kings – 6.3% 7. Denver Nuggets – 4.3% 8. Detroit Pistons – 2.8% 9. Charlotte Hornets – 1.7% 10. Miami Heat** – 1.1% 11t. Utah Jazz*** – 0.7% 11t. Indiana Pacers*** – 0.7% 13. Phoenix Suns – 0.6% 14. Oklahoma City Thunder – 0.5%. La storia insegna che alcune volte, la maggiore possibilità di scegliere col numero 1 permette di avere la fortuna di scegliere appunto per primo, mentre alcune volte non è proprio così. Scopriamo come nel corso degli anni, la Lottery è stata protagonista nel bene o nel male delle squadre NBA. Dal 1985, anno in cui è stata introdotta la Lottery, la squadra che ha perso il maggior numero di partite nell’arco della stagione, risultando quindi la favorita nello scegliere col numero 1, con il maggior numero di palline a disposizione, ha poi successivamente scelto col numero 1 per 4 volte. Ovvero, i Los Angeles Clippers nel 1988 con Danny Manning da Kansas, i New Jersey Nets nel 1990 con Derrick Coleman da Syracuse, i Cleveland Cavaliers nel 2003 con il figliol prodigo LeBron James e l’anno successivo, il 2004 gli Orlando Magic con Dwight Howard da Sw. Atlanta Christian. Mentre chi nella stagione ha concluso col secondo peggior record ed è poi stato fortunato nell’avere la prima scelta a disposizione, sono stati i Magic con Shaquille O’Neal nel 1992, i Philadelphia 76ers con Allen Iverson nel 1996 e i Cleveland Cavs nel 2011 con Kyrie Irving. Non sempre quindi la squadra che perde la maggior parte delle partite nell’arco della stagione, avrà la prima scelta con sicurezza nel draft successivo, anzi, la sorpresa è sempre dietro l’angolo. Riportiamo ora alcuni esempi in cui, la fortuna è andata decisamente verso altre direzioni, e non dove tutti la aspettavano. L’esempio più clamoroso è nel 1993, quando con la prima scelta è stata estratta Orlando, che era in ordine l’undicesima squadra peggiore classificata, che poi sceglierà Chris Webber. Nel 1986 i 76ers non presenti tra le prime 7 sette squadre con maggiore possibilità di avere la prima scelta, se la aggiudicano a sorpresa, selezionando Brad Daugherty.  Chicago vince a sorpresa la Lottery nel 2008, con otto squadre con maggiori possibilità per scegliere col numero 1, scegliendo Derrick Rose, tutt’ora leader dei Bulls. La squadra più fortunata negli ultimi anni?  Sicuramente i Cleveland Cavaliers.
http://ballerball.com
Dal 1985 ad oggi, hanno vinto la Draft Lottery per 4 volte, ma il dato “sconcertante”, è che hanno vinto nel 2003, poi 2011, 2013 e 2014. Negli ultimi anni, i Cavs sono stati letteralmente baciati dalla fortuna. Ma chi hanno scelto in questi anni i Cavs? Il 2003 è stato l’anno del “Prescelto”, LeBron James, nel 2011 Kyrie Irving ( due tasselli fondamentali nella corsa al titolo dei Cavs di quest’anno), nel 2013 Anthony Bennett, non una scelta proprio azzeccata, e l’anno successivo Andrew Wiggins, quest’ultimi due scambiati per Kevin Love poco dopo il Draft del 2014. La Lottery è una lotteria nel vero senso della parola. Tutti sperano nella prima scelta, c’è chi ha più opportunità di altri, ma poi non è così certo che la prima scelta sarà sempre la migliore, quella in grado di cambiare il destino di una franchigia. Godiamoci questa notte, in cui ansia e agitazione saranno parte dei General Manager NBA, sperando di avere la dea bendata dalla loro parte, mentre assisteremo a questo spettacolo con estrema curiosità.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy