NBA News Inside: Cleveland trattiene Mozgov

NBA News Inside: Cleveland trattiene Mozgov

Commenta per primo!
www.foxsports.com

MOZGOV CONFERMATO

Cleveland ha deciso di esercitare la team option presente nel contratto di Timofey Mozgov per una cifra poco inferiore ai 5 milioni di dollari. Il centro russo, arrivato via trade il 7 Gennaio dai Denver Nuggets, è riuscito a imporsi nel sistema Cavaliers tanto da diventarne un elemento fondamentale, mettendo a referto prestazioni molto solide, come i 28 punti (career high) in gara 4 delle Finals contro i Golden State Warriors. Esercitando questa opzione, la franchigia dell’Ohio avrà ora a disposizione più di 31 milioni di dollari nel salary cap, fondamentali per trattenere i numerosi free agent presenti nel roster, fra tutti Kevin Love e Lebron James che, come il lungo ex Minnesota, dovrebbe bypassare la player option presente nel suo contratto.

CELTICS: TRA DRAFT E NOEL

Danny Ainge, il General Manager dei Boston Celtics, è stato molto chiaro: “Nulla è intoccabile”. I Celtics hanno molte possibilità di muoversi sia in questa offseason che nel Draft di domani, dove puntano a scalare più posizioni possibili mettendo sul piatto le proprie prime scelte (16 e 28). “Preferiamo sempre la qualità al posto della quantità” – ha aggiunto sempre il GM che, nella giornata di ieri, avrebbe offerto ai Philadelphia 76ers una mega trade per arrivare alla loro terza scelta e a Nerlens Noel, in cambio del playmaker Marcus Smart e delle chiamate numero 16 e 28. Offerta, però, che sembra essere stata rispedita immediatamente al mittente.

DALLAS E IL CASO ELLIS

Tra poco Monta Ellis dovrà decidere se esercitare o meno la player option presente nel suo contratto ai Mavs, che lo porterebbe a guadagnare quasi 9 milioni di dollari per una stagione ancora. Forse un po’ pochi per un giocatore come lui, che sembrerebbe intenzionato a testare la free agency al fine di massimizzare il suo futuro stipendio. Dallas vorrebbe trattenerlo, anche se nelle ultime ore è sempre più insistente la voce di una possibile trade che coinvolga la guardia ex Warriors, nel caso decidesse appunto di non testare la free agency. Dallas andrebbe alla ricerca di un investimento più a lungo termine, a discapito di un giocatore monodimensionale e dal carattere difficile, che ha influito negativamente sull’intesa di squadra nella passata stagione.

SACRAMENTO: ANCHE GAY SUL MERCATO

Ieri vi abbiamo parlato del possibile addio di DeMarcus Cousins, anche se continuano ad arrivare puntuali le smentite dai piani alti della squadra californiana. Oggi, invece, di quello di Rudy Gay, che solamente l’anno scorso aveva firmato un triennale da 40 milioni di dollari con i Kings, in vigore dalla stagione 2015/2016. Sacramento, consapevole delle difficoltà nel trovare un partner per una trade che coinvolga DMC, sembra intenzionata quindi a scambiare l’ala piccola ex Grizzlies, molto più appetibile sul mercato per via del basso salario percepito in relazione al prossimo aumento del salary cap. Se in uscita sono tutti trattabili e cedibili, in entrata l’unico vero obiettivo di Karl e soci sembra essere la point guard Rajon Rondo, reduce da una disastrosa annata tra Boston e Dallas. Il piano della franchigia sarebbe quello di fargli firmare un annuale, che potrebbe aiutarlo a ricostruirsi una reputazione nella National Basketball Association.

Altre

– L’ala grande dei Brooklyn Nets Thaddeus Young non ha esercitato la player option presente nel suo contratto, anche se sembra esserci interesse da ambo le parti di continuare il rapporto di lavoro. Sempre i Nets avrebbero messo sul mercato il centro Mason Plumlee, nel tentativo di ottenere una pick nel Draft di domani.

– I Phoenix Suns sono intenzionati a proporre Eric Bledsoe non solo ai Knicks, ma anche a tutte le altre squadre presenti nella lottery di domani.

– C’è una possibilità che New York e Detroit possano intavolare una trattativa domani, visto il desiderio dei Knicks di fare trade down e quello dei Pistons di fare trade up.

– Nella giornata di ieri è stata resa nota la sede dell’All Star Game nel 2017: Charlotte. Sempre nella giornata di ieri è arrivata l’ufficialità del ritiro di Andrej Kirilenko, ex giocatore di Jazz, Wolves e Nets.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy