NBA News Inside: Quasi sicuro lo scambio Morris-Jones

NBA News Inside: Quasi sicuro lo scambio Morris-Jones

Commenta per primo!

 

                                              http://blog.chron.com
       
                      https://c1.staticflickr.com
  -I Suns hanno giocato contro Memphis domenica scorsa e Markieff Morris non è sceso in campo per scelta tecnica. Dopo la partita, Morris non ha rilasciato dichiarazioni riguardo l’episodio. Gli Houston Rockets sono decisamente interessati a Morris ed hanno ipotizzato un possibile scambio, anche a breve, tra Terrence Jones e Morris.     -Gli Indiana Pacers hanno messo Solomon Hill sul mercato. In a seguito a tale notizia, i New Orleans Pelicans  hanno mostrato un notevole interesse. Hill sarà completamente libero solo a luglio.  I Pacers hanno già comunicato che Hill non vestirà la loro maglia nella prossima stagione. Fino ad ora Hill ha giocato sette partite con una media di 8,3 minuti, 1,6 punti e 1,3 rimbalzi.   -I Golden State Warriors nelle ultime cinque partite sono stati costretti a giocare senza l’ala Harrison Barnes, a causa di una distorsione alla caviglia sinistra. Barnes quasi sicuramente  scenderà in campo domenica prossima, 13 dicembre. In attesa del suo ritorno, Brandon Rush continuerà probabilmente a ricoprire il ruolo di ala piccola.   – Nick Young, guardia di riserva dei Los Angeles Lakers è stato espulso dall’incontro di domenica scorsa dopo aver spintonato Anthony Tolliver. “La motivazione di quanto è successo, secondo me è stata più frustrazione che altro” – ha detto l’allenatore dei Lakers Byron Scott – “Non è tanto quello che ha fatto Tolliver, perché in fin dei conti non è stato così violento come fallo”. Oltre degli scarsi risultati di squadra, Young è infelice del suo ruolo minore in questa stagione. Non ha giocato nelle due precedenti partite e domenica Scott ha detto che Nick, essendo un professionista ormai da tanti anni, potrebbe fare di più. Il contratto di Young vale ancora per due anni ed ha un  valore di  5,66 milioni di dollari.   La guardia dei Dallas Mavericks, Chandler Parsons, è attualmente in una restrizione minuti fino a qualche tempo nel mese di gennaio, per cui vi è una buona probabilità coach Rick Carlisle lo terrà in panchina fino a che non può giocare di più. Parsons preferirebbe entrare a partita già iniziata. quindi è per questo che ha suggerito di venire dalla panchina. “Odio non giocare nel quarto periodo” – ha detto Parsons –  “così sono andato da Carlisle. Io voglio vincere. Mi sento come questo darebbe il nostro team la migliore opportunità di vincere e avere successo”.   -Tra le fila dei Miami Heat, si avvicina la scadenza del contratto Gerald Green, 1 luglio.  Ciononostante, Gerald ha espresso apertamente la volontà di restare e chiudere la carriera a Miami. Per ora ha giocato dodici partite con una media di 10 punti e 2,8 rimbalzi.   -Il neoplaymaker dei Philadelphia 76ers, Kendall Marshall, probabilmente  debutterà  giovedì contro Brooklyn. I Sixers stanno recuperando i loro giocatori infortunati, come la guardia Tony Wroten che ha giocato sabato per la prima volta in questa stagione.   -Ancora lontano dalla forma migliore a causa di un problema al polpaccio, il centro Omer Asik, New Orleans Pelicans, sta avendo molte difficoltà a ritrovare la giusta condizione. -Bobby Portis, esordiente con i Chicago Bulls, ha giocato appena tre partite. La speranza è che l’allenatore Fred Hoiberg gli metta a disposizione per più minuti di gioco. Portis è attualmente dietro a Pau Gasol, Taj Gibson, Nikola Mirotic e Joakim Noah. “Sono stati qui più tempo di me e, ovviamente, io sono un esordiente quindi devo giocare per il mio ruolo. Per ora il mio compito  è quello di essere un ragazzo positivo in panchina e tifare per i miei compagni di squadra e di essere il miglior compagno possibile”, ha detto Portis.   -George Karl, allenatore dei Sacramento Kings, ha in mente di spostare Omri Casspi nel quintetto base in seguito all’infortunio di Willie Cauley-Stein. C’è una concreta possibilità che Karl  chiederà qualcosa in più a Casspi mentre Cauley-Stein sarà messo da parte. “Mi sentivo spaesato (Sabato a Houston), senza Omri sulla nostra panchina”-  ha detto Karl – “Credo che lui, Darren Collison e Marco Belinelli abbiano espresso un bel ritmo partendo dalla panchina”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy